Dreamstime
ULTIME NOTIZIE Viaggi & Turismo
URI
1 gior
Andermatt, un villaggio baciato dalla fortuna!
“Suisse Parc”: crocevia storico con ben otto passi alpini, sorgente dei grandi fiumi europei e luogo di leggende
GRIGIONI
5 gior
A spasso nel Parco Nazionale Svizzero
“Suisse Parc”: l’ultima tappa del giro nel Grigioni si svolge nei boschi a “caccia” di stambecchi, cervi e marmotte
POSCHIAVO
1 sett
Poschiavo, la bella mediterranea
“Suisse Parc”: al confine tra le Alpi e il primo sud allo scoperta di un vero patrimonio culturale
ALTDORF
2 sett
Benvenuti nella galleria di base del Gottardo
“Suisse Parc”: guide esperte e un'emozionante mostra vi forniscono interessanti informazioni sul progetto Alptransit
CAVAGLIA
2 sett
Le marmitte dei giganti a Cavaglia
“Suisse Parc”: fermata nel piccolo villaggio per scoprire il “Parco dei ghiacciai”
CANTONE
3 sett
Venezia, si salpa da Tenero
Pomeriggio informativo al Centro sportivo nazionale
PONTRESINA
4 sett
Sul Bernina a bordo del “trenino rosso”
“Suisse Parc”: da Pontresina a Poschiavo con il Bernina Express, un viaggio che fa vivere almeno tre stagioni
GRIGIONI
1 mese
Allegra, scopriamo le perle dell’Engadina
“Suisse Parc”: da St. Moritz a Pontresina per salire a Muottas Muragl con il suo panorama a 360 gradi
ITALIA
1 mese
Riccione con i suoi 130 chilometri di spiaggia
Bagno dopo la riapertura delle frontiere: ecco la mia esperienza
CANTONE
1 mese
Sui sentieri Walser da Binn a Bosco Gurin
Nuova edizione del trekking che collega il Vallese al Ticino
CANTONE
1 mese
Camperisti scrocconi, rumorosi e avari?
La Svizzera trascura un settore turistico in pieno sviluppo, e a torto!
PARADISO
1 mese
La grande terrazza sul Ticino
"Suisse Parc”: gita sul San Salvatore, montagna dei luganesi
VALLESE
19.02.2020 - 16:110

Perché scegliere lo sci di fondo?

Un’esperienza immersiva nella natura benefica per la salute

GOMS – Un percorso innevato che si perde tra gli alberi, un silenzio rotto solo dal rumore del proprio respiro e degli sci sulla neve fresca, aria tersa come il cristallo: si tratta dello sci di fondo, un'esperienza immersiva nella natura davvero particolare. Si tratta di uno sport completo alla portata di tutti: ci sono tante buone ragioni per iniziare a praticare questo sport. Ve lo assicuro personalmente.

Fa innanzitutto bene alla salute! Lo sci di fondo è una potente attività cardio, di quelle che fanno bene al cuore, ossigenano il sangue e garantiscono il mantenimento della salute cardiovascolare. «Per quanto riguarda i benefici fisici, sono due gli aspetti da considerare» - spiega Wolfgang Schoberberger, direttore dell'Istituto di sport e turismo della salute e medicina alpina di Innsbruck -. Si attivano, a differenza di sport simili come la corsa, più gruppi muscolari: il cingolo scapolare, i muscoli della schiena, del collo, quelli pelvici e, naturalmente, le gambe. Per quanto riguarda l’apparato cardio-vascolare, una pratica regolare dello sci di fondo migliora la forza e la resistenza. Inoltre, non va dimenticato l’aspetto propedeutico alla coordinazione dei movimenti». Lo sci di fondo è la disciplina più aerobica tra gli sport outdoor. Un’affermazione confermata da diversi fisiologi e preparatori tecnici, perché l’uso coordinato di braccia e gambe rende lo sci nordico uno sport con un altissimo consumo calorico. Non c’è nessuno sport comparabile dal punto di vista del consumo energetico e delle calorie bruciate. Vero che il calcolo delle calorie dipende da molti fattori come peso, età, metabolismo basale e altro, ma un'ora di sci di fondo può far tranquillamente consumare anche più di 1000 calorie.

È un ottimo anti-stress, stare nella natura è terapeutico nel vero senso della parola.
Pensiamo alla pratica del Shinrin-yoku, il tradizionale e diffuso ‘bagno nella foresta’ dei giapponesi: è stato dimostrato che chi si dedica a questa pratica riporta livelli inferiori di cortisolo (l’ormone dello stress), riduzione dei battiti cardiaci e diminuzione della pressione sanguigna.

Rispetto allo sci alpino e allo snowboard è notevolmente più basso il rischio di subire traumi. Ovviamente anche in questo sport c’è la possibilità di incorrere in qualche infortunio, soprattutto per quanto riguarda tendini e caviglie, le parti del corpo principalmente a rischio. Come sempre raccomandiamo una buona preparazione atletica e un breve riscaldamento prima di iniziare: questi accorgimenti scongiurano il rischio di infortuni.

Infine, si tratta di uno sport completo. Il movimento dello sci di fondo coinvolge tutti i più importanti distretti muscolari, fa lavorare sia la parte alta che la parte bassa del corpo.
Lo sci di fondo è un eccellente cross-training, ovvero quel genere di attività da praticare in una stagione, in questo caso in inverno, per arrivare preparati per altre attività in altre stagioni, per esempio il ciclismo in primavera, o anche la corsa.

È social: il bello di questo sport è che può essere praticato anche in compagnia. La natura dei percorsi, la maggiore lentezza che caratterizza questa disciplina rispetto allo sci alpino permettono di condividere l'esperienza con altre persone. Ci sono poi anelli per lo sci di fondo aperti anche ai nostri amici a quattro zampe. Io ho cominciato da poco, forse un po’ stanco dell’affollamento sulle piste cosiddette ‘industriali’. Lo pratico vicino a casa: nel Goms nell’alto Vallese, a Campra in Valle di Blenio. Ho anche provato la pista di Splügen e conosco quella di San Bernardino.

Ultimo vantaggio: l’equipaggiamento completo lo si può acquistare per circa 200 franchi e una stagionale nazionale costa 140. Tornerò sicuramente a parlarvi di questa mia nuova esperienza sportiva.

Testo a cura di Claudio Rossetti

Contatto: newsblog@viaggirossetti.ch 
Link utile: www.viaggirossetti.ch 


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-13 17:19:29 | 91.208.130.89