Freepik / Pressfoto
ULTIME NOTIZIE Target
Target
2 gior
Digitalizzazione, customer experience, sostenibilità: cosa aspettarsi dal futuro (e dal presente)
Abbiamo fatto il punto su ciò che sappiamo (e non sappiamo) con la docente ricercatrice SUPSI Daina Matise Schubiger
Target
4 gior
3 trend di digital marketing da cui ci aspettavamo di più
Ogni momento è buono per fare un bilancio e capire quali tendenze abbiano sortito meno effetti del previsto
Target
6 gior
ROI, questo (s)conosciuto: che cos’è e come prevederlo
Tra le metriche di marketing, ci concentriamo sul Ritorno sull’Investimento insieme a Francesco Micali e Daniele Vinci
Target
1 sett
Ufficio stampa e PR. A cosa serve? Come si fa? Episodio 2
Abbiamo fatto qualche domanda ad altri tre esperti: Matteo Cremaschi, Simone Intelisano e Cecilia Brenni
Target
1 sett
Ufficio stampa e PR. A cosa serve? Come si fa? Episodio 1
Ecco cosa ne pensano gli esperti Benedetto Motisi, Veronica Crocitti e Luca Montagner, impegnati tra Svizzera e Italia
Target
2 sett
Che cos’è la Marketing Automation e come può far crescere un’attività locale
Risparmiare tempo e personalizzare al massimo le comunicazioni ai clienti sono azioni conciliabili. Ecco in che modo
Target
2 sett
Consegne a domicilio e asporto direttamente da Google Maps e My Business? Presto si potrà
Ecco le interessanti novità a favore delle attività locali che saranno presto introdotte dal gigante di Mountain View
TARGET
3 sett
I tre pilastri degli e-commerce nel 2021
Ad anno ormai inoltrato, scopriamo che cosa sta determinando maggiormente gli acquisti online degli utenti
Target
3 sett
Vita da cani? Non proprio: ecco come e quanto guadagnano i Pet Influencers
Stimolando le interazioni positive degli utenti, hanno presto attirato l’attenzione (e i soldi) dei brand più importanti
Target
1 mese
Fare il copywriter per i social media? Non basta saper scrivere
Alessia Abrami racconta cosa significhi creare contenuti badando a differenze di canale, tone of voice e obiettivi
Target
1 mese
Comunicare sui social con le immagini: la grafica web secondo gli addetti ai lavori
Deborah Giofrè e Salvatore Di Bella raccontano il backstage delle realizzazioni visive per Facebook e compagnia postante
Target
1 mese
Social Listening: come ascoltare bene per comunicare meglio
Ciò che interessa ai clienti è fondamentale per il successo di un business: ecco come ottenere le informazioni giuste
Target
1 mese
Quanto inquiniamo quando siamo online? C’è da restarne sconvolti. 3 consigli per evitarlo
Il modo in cui usiamo internet ha un impatto negativo sull'ambiente: ecco cosa possiamo fare perché non succeda
Target
1 mese
Ads su Facebook, Instagram e LinkedIn: consigli utili ed errori più comuni
Come possiamo assicurarci che le inserzioni funzionino? Ce lo spiega il nostro Social Ads Specialist, Marco Evangelisti
Target
1 mese
Il rapporto tra Digital Marketing e Sport, secondo l’esperto FIFA
Quanto un ambito sosterrà l’altro e viceversa? Che cosa ci aspetta in futuro? Ne abbiamo parlato con Dario Salvelli
Target
1 mese
Come si fa Instant Marketing e che risultati si ottengono: la parola a Migros Ticino e Unieuro
Perché legare un brand all’attualità? Lo spiegano Piergiorgio Adragna e i responsabili social del gigante arancione
TARGET
1 mese
Marketing e Intelligenza Artificiale: quali opportunità per le attività locali?
Tecnologia e comunicazione crescono a braccetto: ecco come l’AI contribuisce a promuovere prodotti, servizi e vendite
Target
1 mese
Per una comunicazione (online e offline) senza discriminazioni di genere
Elena Ciprietti, Alessia Rotondo e Laura Losito ci spiegano come raccontare un mondo che sta cambiando
TARGET
27.05.2020 - 09:290

Pagare contactless e online: agli svizzeri piace sempre di più

Igienici, veloci e sicuri, aumentano i consumatori che li scelgono per le proprie transazioni, in seguito alla pandemia

I metodi sono molti: dai consueti circuiti di carte, a Twint, a Satispay, da Apple Pay alle app per il mobile banking. Se già qualche mese fa la popolarità dei pagamenti contactless stava aumentando, con le nuove necessità igieniche emerse dalla pandemia, i loro pregi sono ancora più evidenti.

Secondo il Global Payment Cards Data and Forecasts to 2024 report della società RBR, infatti, già nel 2018 questo tipo di transazioni aveva visto un aumento del 72% in tutto il mondo, e la loro somma segnava - nonostante gli importi ridotti che ancora oggi, permettono di trasferire, per ragioni di sicurezza - la cifra astronomica di 70 miliardi di dollari, segno di un’evidente inclinazione già iniziata e destinata ad aumentare ancora nell’attuale contesto di social distancing.

Parallelamente, anche i commercianti si sono attivati per far fronte al cambiamento in atto: sempre nel 2018, i terminali EFTPOS – Electronic Funds Transfer At Point Of Sale – che abilitano ai pagamenti contactless, sono cresciuti del 60%.

 

Tecnologia contactless: cosa significa?

I pagamenti contactless permettono di fare i propri acquisti e di pagarli senza che ci sia un contatto fisico tra i dispositivi utilizzati da consumatore e rivenditore. Il che significa che, ovviamente, viene evitato il pagamento contante, ma anche l’inserimento della propria carta di credito nel sistema POS del commerciante interessato.

I metodi contactless, al momento, prevedono l’utilizzo di una carta o di uno smartphone:

  • nel primo caso, grazie alla tecnologia RFID (Identificazione a Radio Frequenza), è sufficiente avvicinare la carta al terminale affinché quest’ultimo ne rilevi la presenza. Il pagamento, a quel punto, avverrà senza ulteriori azioni, esclusa la digitazione di un PIN o la richiesta di una firma qualora il pagamento superi una data soglia;
  • il secondo caso, invece, vede la crescente popolarità di applicazioni specifiche per il pagamento a distanza. Occorre che lo smartphone in questione sia dotato di un sistema NFC (Near Field Communication), che gli permetterà di rilevare i terminali di pagamento presenti nelle proprie vicinanze. A questo punto l’utente non dovrà che configurare l’applicazione a dipendenza della “fonte” da cui preferisce attingere per i pagamenti, i quali avverranno con un paio di tap e accettati in tempo reale dal commerciante che, da parte sua, disporrà dell’applicazione progettata per riceverli.

La sicurezza, naturalmente, è una priorità: da parte sua, l’utente dovrà fare attenzione alla gestione dei propri PIN e delle proprie password, ma i sistemi di pagamento tendono a non rilasciare alcuna informazione sensibile per completare la transazione, e ciò garantisce la velocità dell’operazione e la serenità di chi la esegue. Ormai moltissimi smartphone, per giunta, prevedono l’identificazione tramite impronta digitale per accedere alle app di pagamento contactless o ai propri sistemi di mobile banking, scoraggiando ulteriormente le possibilità di truffe e falsificazioni.

 

Un metodo “resiliente”

Daniel Dawson, coordinatore della già citata ricerca di RBR, ha attribuito a questo tipo di pagamenti un aggettivo molto significativo: resilienza. Tale qualità è emersa soprattutto ora, data l’esigenza condivisa di limitare il contatto diretto non solo con le persone, ma anche con molte superfici, specialmente in luoghi di frequentazione pubblica. Di conseguenza, se si ha la possibilità di evitare di toccare il POS, perché non coglierla?

Per non parlare della triste fama che ha il denaro contante, noto veicolo per la potenziale diffusione di germi, a cui si è aggiunta la consapevolezza che il Coronavirus può rimanere attivo sulle superfici delle banconote per giorni.
In marzo, è stata la stessa Organizzazione Mondiale della Sanità, con un commento al giornale inglese “The Telegraph”, a invitare i cittadini di tutto il globo ad evitare questi rischi e ad affidarsi il più possibile, per l’appunto, ai pagamenti contactless.

 

La situazione in Svizzera

Sul nostro territorio, la tendenza non cambia. In Svizzera, infatti, sta aumentando la già significativa popolarità dell’app Twint, creata per permettere a chi la usa di effettuare pagamenti contactless con il proprio smartphone. In questo momento, Twint gode di ben 7000 nuovi utenti al giorno: prima dello scoppio della pandemia, le nuove iscrizioni giornaliere erano 3000, meno della metà.

I consumatori che non disponevano di una carta di credito contactless, si stanno organizzando per procurarsela, se non l’hanno già fatto. Questo significativo cambio di tendenza ha portato quasi tutti gli operatori ad alzare il limite per tali transazioni da 40 ad 80 chf. Oltre quest’ultimo importo, sarà necessario inserire il PIN della propria carta: questo significa che, sebbene le transazioni minori siano più igieniche, quelle con cifre più alte costringono ancora al contatto con le superfici.

La strada per l’evoluzione del contactless in Svizzera, tuttavia, è ancora lunga, sebbene accorciata dalle nuove esigenze dei consumatori: secondo un sondaggio effettuato da Moneyland all’inizio di maggio, il 78% degli svizzeri predilige ancora i contanti come metodo di pagamento, mentre Twint viene considerato irrinunciabile solo dal 27% della popolazione. Non ci resta che aspettare, per vedere quanto e come queste tendenze cambieranno ulteriormente.

 

I pagamenti digitali nel loro complesso sono, quindi, comunque, in netta e celere crescita. Data la congiuntura, spesso prescindendo dalle preferenze, gli utenti li apprezzano anche per acquistare direttamente online. I commercianti, a propria volta, devono adattarsi a queste tendenze e andare incontro alle esigenze dei propri clienti. Se vuoi rendere la tua attività più dinamica, contattaci per una consulenza gratuita: possiamo aiutarti, creando una piattaforma che ti consenta di accettare pagamenti direttamente su internet.

 

Articolo a cura di Linkfloyd Sagl, agenzia di marketing e comunicazione in Ticino.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-22 18:18:52 | 91.208.130.87