Immobili
Veicoli

Health, Fitness & WellnessQuando fa troppo caldo a quali rischi andiamo incontro?

21.07.22 - 10:13
Il caldo eccessivo mette a dura prova il nostro organismo, è bene avere delle nozioni base per capire come comportaci
Health, Fitness & Wellness
Quando fa troppo caldo a quali rischi andiamo incontro?
Il caldo eccessivo mette a dura prova il nostro organismo, è bene avere delle nozioni base per capire come comportaci

Nel corso dell'inverno, la maggior parte delle persone soffre il freddo e non vede l'ora che le temperature si alzino e arrivi la bella stagione. In effetti, il caldo e il sole si associano a tutta una serie di benefici, fisici e anche psicologici, a patto di non esagerare. Quando la colonna si alza troppo, infatti, possono subentrare molti disturbi: ecco i principali rischi del caldo eccessivo.

Come funziona il sistema di termoregolazione
L'organismo riesce a fronteggiare le temperature esterne, ovviamente purché non estreme, grazie al sistema di termoregolazione: si tratta di un sistema che ha il compito di aumentare/diminuire la produzione e la dispersione del calore in relazione alle condizioni esterne in modo che la temperatura interna si mantenga costante, ossia attorno ai 37° gradi. In estate, per adattarsi alle temperature elevate, interviene incrementando la sudorazione, dilatando i vasi sanguigni, alzando la frequenza del respiro e diminuendo l'appetito: quattro meccanismi che servono a disperdere calore. Tuttavia, quando il caldo è eccessivo e i tassi di umidità sono elevati, e a maggior ragione quando si verifica un'ondata di calore (un periodo prolungato con temperature al di sopra della media, spesso associate ad alti valori di umidità, forte irraggiamento solare e assenza di ventilazione, come in questo periodo dell’estate) questo meccanismo può andare in tilt, per cui possono subentrare diversi problemi come crampi, stanchezza, svenimenti, gonfiori, difficoltà di respirazione, disidratazione.

    • Il colpo di calore

Fra i rischi del troppo caldo c'è sicuramente il colpo di calore: si tratta di un aumento anomalo della temperatura corporea, che può salire anche fino a 39°-40°. Inizialmente, possono comparire disturbi come confusione mentale, crampi, arrossamento cutaneo, nausea e vomito. Se non si interviene, il quadro neurologico diventa progressivamente più severo: possono subentrare agitazione, aggressività, cefalea insopportabile, perdita di coscienza, diminuzione della pressione arteriosa, freddo, brividi, pallore cutaneo. Sopra i 40° la situazione diventa molto seria.

Come intervenire

Portare la persona all'ombra o meglio ancora in un luogo fresco e raffreddarle fronte, inguine, ascelle, nuca con acqua. Se indossa vestiti attillati e sintetici cercare di toglierli e invitarla a bere. Se necessario, chiamare i soccorsi.

    • Il colpo di sole

Anche l'esposizione diretta al sole è dannosa. Infatti, oltre a provocare ustioni, può innescare il colpo di sole, un disturbo provocato direttamente dai raggi solari, che surriscaldano una parte del corpo. Può manifestarsi con alcuni sintomi tipici del colpo di calore, come pallore, debolezza, crampi allo stomaco, nausea, vomito, forte mal di testa, febbre alta, stordimento.

Come intervenire

Il colpo di sole è più facilmente controllabile, portando la persona all'ombra e rinfrescandola, si ha subito un miglioramento.

    • L’abbassamento della pressione

Quando la temperatura esterna è elevata il corpo cerca di disperdere il calore in eccesso attraverso vari meccanismi, fra cui la vasodilatazione, ossia la dilatazione dei vasi sanguigni. Questo può comportare un abbassamento della pressione. Specialmente chi è già ipoteso può andare incontro a sintomi fastidiosi come stanchezza; mancanza di forze; scarsa resistenza agli sforzi fisici; gambe che tremano; vertigini; difficoltà visive (per esempio può vedere a macchie); capogiri; sudore freddo a mani e fronte; difficoltà a concentrarsi e a mantenere l'attenzione; svogliatezza; nausea; svenimenti.

Come intervenire

Bere molti liquidi per reintegrare i sali minerali persi con la sudorazione, così da rialzare la pressione. Se la persona ha uno svenimento portarla all'ombra e adagiarla per terra, liberandola da abiti o accessori troppo stretti, come cinture. Bagnarle la fronte con un panno fresco e rialzarle le gambe per favorire il ritorno del sangue al cuore.

    • La disidratazione

In estate, l'organismo aumenta la produzione di sudore, composto principalmente da acqua e sali minerali: infatti, esso, evaporando, raffredda il corpo. Se le temperature sono molto elevate, il sudore prodotto può arrivare a 1,2-1,5 litri ogni ora: a questa quantità si deve aggiungere una perdita d'acqua tramite la respirazione e con l'urina, altri due sistemi usati per eliminare il calore. Ecco perché, se non si reintegrano le perdite, si rischia di andare incontro a disidratazione, che può manifestarsi con secchezza prima della bocca, poi di pelle e mucose (comprese quelle dell'occhio), e successivamente con affaticamento, mal di testa, intolleranza al calore, arrossamento della pelle, crampi muscolari, perdita di appetito, apatia, diminuzione dell'attenzione e della memoria.

Come intervenire

In caso di disidratazione è fondamentale bere, per reintegrare i liquidi persi. In alcune situazione può essere necessario andare in ospedale.

 Le regole base per non correre rischi

    • Durante le ore centrali della giornata, è bene non uscire se non strettamente necessario.
    • Fra le 11 e le 18 evitare di praticare sport, camminare all'aperto e fare eccessivo movimento: quando si fa uno sforzo, il corpo produce calore, rendendo ancora più difficile la termoregolazione.
    • Cercare di coprirsi il meno possibile, specialmente al chiuso, dove si è al riparo dai raggi solari. All'esterno, indossare indumenti larghi e leggeri e proteggere la testa con un cappellino.
    • Non bere meno di 1,5 litri di acqua al giorno, anche se non si ha sete.
    • Seguire una dieta leggera, che non impegni troppo l'apparato digerente. Prediligere frutta e verdura, meglio cruda o poco cotta, che sono ricche anche di acqua.
    • Se si ha un condizionatore impostare la temperatura su valori compresi tra 24 e 26°C. Spesso, è sufficiente anche solo accendere la funzione di deumidificazione.
    • Fare bagni e docce con acqua tiepida oppure bagnare viso e braccia con acqua fresca.

Vi ricordiamo che un’attività fisica regolare e un’alimentazione controllata, oltre ad un miglioramento dell’aspetto estetico e dell’umore, fanno aumentare la capacità di resistenza del nostro organismo al calore.

Come sempre i trainers A-CLUB sono a tua completa disposizione per aiutarti a pianificare al meglio le tue training session, definire gli obiettivi, la durata delle sessioni, l’intensità e la tipologia di esercizi/allenamento da svolgere e la tipologia di integratori da utilizzare in base alle esigenze specifiche. Ci puoi contattare direttamente sui canali social oppure via mail all’indirizzo info@a-club.ch.

A cura di

Brian Belloni

Massoterapista, Personal Trainer, Responsabile settore Fitness e Corsi presso il Centro A-CLUB fitness and Wellness di Savosa

Sito web: www.a-club.ch

 

ULTIME NOTIZIE HEALTH, FITNESS & WELLNESS