AlimenTIamoci correttamenteSteatosi epatica

15.12.22 - 08:00
La steatosi epatica, conosciuta come “fegato grasso”, è una condizione in cui vi è un accumulo di trigliceridi nel fegato.
FNProject
Steatosi epatica
La steatosi epatica, conosciuta come “fegato grasso”, è una condizione in cui vi è un accumulo di trigliceridi nel fegato.

In particolare si parla di steatosi epatica quando i grassi accumulati sono superiori al 5% del peso del fegato.
Questa condizione si verifica generalmente nelle persone tra i 40 e 60 anni di età.
La maggior parte dei casi il paziente scopre di essere affetto da steatosi epatica solo dopo aver effettuato un’ecografia all’addome. Vista la sua asintomaticità nelle fasi iniziali, si verifica spesso una degenerazione della steatosi epatica in steatoepatite o nei casi più gravi in fibrosi (la cicatrizzazione di una parte del fegato) e cirrosi (cicatrizzazione di buona parte del fegato, compromettendo il suo regolare funzionamento).

Quali sono i sintomi della steatosi epatica?

La steatosi epatica, dopo una prima fase in cui è quasi del tutto asintomatica, può manifestare una sensazione di affaticamento e un leggero malessere a livello addominale.

Nel dettaglio si può avvertire un dolore nel lato destro superiore della pancia che può anche essere scambiato per colecisti o infiammazione del colon.

La steatosi, nella fase iniziale, può rimanere silente per molti anni prima di arrivare a manifestare dolore e poi complicare il quadro clinico. Per questo è meglio agire preventivamente.

Dal punto di vista medico, per confermare la diagnosi e accertare l’estensione del danno può essere necessario fare una biopsia epatica.

FNProject

Quali sono le cause della steatosi epatica?

Tra le cause della steatosi epatica troviamo:

    • Consumo elevato di alcol;
    • Condizione di sovrappeso o obesità;
    • Condizione di insulino-resistenza (come nel caso di persone diabetiche);
    • Trigliceridi e colesterolo elevati;
    • Eccesso di tossine nell’organismo;
    • Consumo di alcuni farmaci, come i corticosteroidi;
    • Malattie ereditarie legate al metabolismo.

Tutte queste condizioni portano ad accumulare grasso nelle cellule del fegato e inducendo l’organismo a sintetizzare più grasso invece che scartarlo oppure metabolizzare il grasso più lentamente.

 

Abbiamo ideato il metodo IMMUNE SYSTEM DIET. Il metodo permette di dimagrire, alleviare problematiche gastrointestinali e ripristinare corretti valori ematici tramite la scelta degli alimenti corretti al proprio sistema immunitario. Puoi contattarci al numero 0763602900 (anche su whatsapp) oppure inviare una mail a info@fnproject.ch.

Abbiamo scritto un eBook che spiega in maniera approfondita il metodo dando suggerimenti utili su come impostare la propria alimentazione. È possibile scaricarlo gratuitamente cliccando QUI.

FNProject

Diagnosi di steatosi epatica

La diagnosi di steatosi epatica, venie effettuata dopo:

    • Gli esami del sangue, che va ad escludere un eventuale epatite virale;
    • Un’ecografia addominale, per rilevare il grasso in eccesso anche se non rileva la presenza di un’infiammazione come la fibrosi o la cirrosi;
    • In alcuni casi una biopsia epatica, è l’esame più preciso ma anche il più invasivo, per cui viene effettuato solo nei casi più gravi e quando i medici lo ritengono opportuno.
FNProject

Come curare la steatosi epatica?

L’accumulo di grasso in eccesso nel fegato di per sé non è un problema grave.

Infatti, se si scopre che la causa è l’alcol, basterà eliminarlo dall’alimentazione per un periodo per far scomparire il grasso.

Tuttavia, se la causa non è chiara, la steatosi epatica può aggravarsi e sfociare in una fibrosi o cirrosi epatica.

Il paziente che soffre di steatosi epatica dovrà:

    • Smettere di assumere eventuali farmaci che possono essere la causa;
    • Perdere peso se si è in sovrappeso;
    • Tenere sotto controllo il diabete se si è soggetti a rischio;
    • Ridurre i valori dei trigliceridi se superano determinate soglie;
    • Smettere di assumere alcolici;
    • Ridurre i grassi saturi e gli zuccheri, per ridurre le infiammazioni nel corpo;
    • Ridurre il consumo di latte, latticini e formaggi;
    • Effettuare un’attività fisica regolare;
    • Consumare verdura di stagione, cereali integrali, legumi, pesce, carne ad eccezione della carne di maiale, uova e semi oleosi.

Modificando il proprio stile di vita è possibile migliorare la propria situazione clinica e ripristinare il regolare funzionamento del fegato.

La prescrizione di farmaci da parte del medico, avviene nei casi più gravi e dopo aver effettuato degli esami e aver modificato l’alimentazione e lo stile di vita.

 

CONTATTI

Tel: 0763602900 (anche su whatsapp)

Per prenotare un primo appuntamento gratuito con il nostro nutrizionista cliccare QUI

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE