+ 11
ULTIME NOTIZIE Motori
Novità
1 gior
GFG Style 2030 Electric Hyper SUV, il dopodomani è qui
Iper-sportiva e Suv, la concept disegnata dai Giugiaro anticipa il futuro elettrico ad alte prestazioni. Mostrata al Riyadh Motor Show, sarà tra le “vedette” al Salone di Ginevra 2020.
PRIME IMPRESSIONI
3 gior
Seat Mii Electric, vivace e scattante
Il debutto della marca spagnola nell’elettrificazione pura parte dalla citycar convertita a batteria: che è agile, ben brillante e piuttosto confortevole, con autonomia dichiarata di 260 km.
TEST DRIVE
5 gior
Renault Clio, uguale soltanto nel look
La nuova generazione conserva volutamente il design apprezzato, ma offre grandi evoluzioni nell’abitacolo così come nelle tecnologie di bordo. Eccellente il 1.3 turbo da 130 cv.
PRIME IMPRESSIONI
1 sett
Volkswagen Golf
L’ottava generazione affila il conosciuto look “di famiglia”, ma evolve in profondità per digitalizzazione, tecnologie e qualità della guida: in prova col nuovo ibrido leggero 1.5 eTSI da 150 cv.
TEST DRIVE
1 sett
Grinta e agilità per la Volvo XC40 T5
Il Suv cadetto con motorizzazione benzina turbo di punta convince per prestazioni offrendo una guida docile e maneggevole. Con ottimo livello di accoglienza per l’intero equipaggio.
TEST DRIVE
1 sett
Ford Focus ST SW, sapore mordente
L’allestimento sportivo allestito dalla divisione Performance combina il turbodiesel potenziato da 190 cv all’assetto specifico con sterzo più diretto, per una guida dall’evidente dinamismo.
PRIME IMPRESSIONI
2 sett
Mercedes GLB, ama la famiglia e le curve
Il nuovo Suv di gamma intermedia strizza l’occhio alla Classe G, offre fino a sette posti e spicca per la qualità della guida dinamica, davvero convincente. Elastico e versatile il 2.0 td da 190 cv.
TEST DRIVE
2 sett
Seat Tarraco, Suv formato famiglia
Fino a sette posti in un ambiente di bordo ottimamente attrezzato ed accogliente per l’ammiraglia spagnola 4x4, dalla guida armonica e bilanciata. Anche con il 2 litri TSI benzina da 190 cv.
TEST DRIVE
2 sett
Mitsubishi ASX, più fluida e adattabile
Il restyling corposo aggiunge al look personale prestazioni in crescita con il due litri benzina da 150 cv la versatilità della trazione integrale. Crescono gli ausili attivi alla guida.
Novità
3 sett
Ford Mustang Mach-E, potenza e tradizione in un Suv elettrico
L’eredità della sportiva muscolare prende le vesti di crossover elettrico dalle linee tese e suggestive: fino a 465 cv con 600 km di autonomia, trazione posteriore o integrale. Da fine 2020.
TEST DRIVE
3 sett
Toyota C-HR 2.0L Hybrid, crescono prestazioni e ambizioni
Con il restyling di metà carriera arriva il sistema ibrido da 184 cv, che assicura una bella iniezione di brio insieme ad una guida più fluida e piacevole. Aggiornati anche design e tecnologie.
TEST DRIVE
3 sett
EQC 400, anche per Mercedes arriva il “pieno” di corrente
La prima elettrica della Casa sfoggia un carattere a tratti esuberante grazie ai 408 cv dei due motori elettrici, senza trascurare una valida autonomia. Comfort ed accoglienza di qualità.
TEST DRIVE
17.04.2019 - 06:000

Honda CR-V Hybrid, la tradizione continua

La CR-V ibrida offre un'andatura rilassata perfetta per chi desidera comfort e silenzio durante i propri spostamenti. Ma non chiedetele di correre...

La strada per arrivare alla nuova CR-V è lunga e proficua: Honda Insight fu la prima con la tecnologia IMA (Integrated Motor Assist) ed è del 1999. Da allora, Honda ha venduto due milioni e mezzo di vetture ibride, sportive comprese – vedi la nuova NSX. Una tendenza che ha infine soppresso il diesel e che porterà ad 1/3 di vetture elettriche per il costruttore giapponese entro il 2025.

La Honda CR-V Hybrid non è però diversa dalla sorella con il solo 1.5 litri a benzina: l'aspetto è lo stesso, come non cambiano le generose dimensioni, l'abitabilità e il bagagliaio. Piccola bugia: quest'ultimo perde 8 cm a causa dello spazio rubato dalle batterie. Rimane comunque un'auto comoda, perché dispone di un abitacolo spazioso grazie a un passo più lungo, soprattutto a vantaggio dei passeggeri posteriori, che godono addirittura di sedili riscaldati.

Intelligent Multi-Mode Drive.
Honda lo chiama così il suo più recente sistema ibrido, composto da un motore termico a ciclo Atkinson di 2.0 litri da 145 Cv a 6200 giri/min e 175 Nm a 400 giri, due motori elettrici per un totale di 184 Cv e 315 Nm e un generatore. Ma niente cambio. La trazione è affidata al solo comparto elettrico, con l'intervento del motore a benzina solo quando necessario.

In altre parole, si guida in tre modalità: la prima, elettrica, vede la batteria alimentare il motore elettrico fino a 40 km/h e 2 km di autonomia. Quando necessario, il motore termico si riaccende e alimenta il generatore, che a sua volta ricarica le batterie; lo fa in ogni caso fra i 40 e gli 80 km/h, quando interviene la seconda modalità, quella ibrida vera e propria. Oltre gli 80 km/h, invece, una frizione si chiude e collega il motore termico alle ruote per la terza e ultima modalità Engine Drive con il solo 2 litri protagonista.

Sulle prime, il tutto sembra molto complicato. Ma al volante non potrebbe essere più semplice: la plancia centrale mostra grossi pulsanti che azionano il "cambio" e le modalità di guida; motori elettrici e motore termico si dividono in lavoro con tale fluidità che, se non fosse per l'intrusione del mormorìo del 2 litri a benzina, giureresti di guidare un'auto 100% elettrica. Un lavoro che consente quasi di dimenticarsi dei freni, perché la frenata rigenerativa fornisce una naturale decelerazione da integrare con una "tradizionale" pressione sul pedale solo quando serve.

Bella da guidare, ma le manca potenza.
La Honda CR-V Hybrid dà certamente il meglio di sé in città e in contesto extraurbano a velocità moderate, dove tale fluidità, unita a una ottima insonorizzazione e ad un assetto indovinato, regalano spostamenti rilassanti. Non si può dire lo stesso quando si desidera adottare una guida brillante e si cerca più potenza. Una semplice salita di montagna non è il terreno ideale del grosso SUV, che richiede molto di frequente l'intervento del propulsore a benzina, il quale risponde con una colonna sonora poco gradevole e piuttosto invadente.

E' un vero peccato, perché a livello dinamico la CR-V non è diversa da tutte le altre Honda: sfoggia un ingresso in curva preciso e fedele, grazie all'assetto che, se prima si dimostrava confortevole ed efficace nell'assorbire sconnessioni e tombini, ora si rivela anche ben tarato e fermo sia in compressione che in estensione; lo sterzo, poi, è altrettanto preciso e diretto, con una bella pesantezza che infonde fiducia. Insomma, è un'auto che nel misto veloce saprebbe anche essere divertente se non fosse per la sua stessa natura di ibrida totalmente votata al contenimento dei consumi, fra l'altro nemmeno troppo contenuti, dato che nel ciclo misto del nostro test mostrava 7 l/100 km. Tuttavia, nasconde insospettabili qualità nel fuoristrada leggero, dove la buona combinazione di telaio, sospensioni e, soprattutto, la trazione elettrica a bassissima velocità, le consentono di districarsi lungo passaggi di discreta difficoltà.

Honda CR-V offre tutti i più recenti ausili alla guida, ma non risulta mai particolarmente invadente. Dispone di frenata automatica, cruise control adattivo, mantenimento corsia, monitoraggio punto cieco, avvertimento traffico in retromarcia, monitoriaggio dell'attenzione del conducente. Android Auto e Apple CarPlay sono di serie, così come internet; il touchscreen da 7" si raggiunge con comodità, ma è forse troppo inclinato e quindi un po' troppo spesso invaso dai riflessi. Il software, inoltre, potrebbe essere più veloce.

Prezzi a partire da CHF 43.900.-

 

 

Guarda tutte le 15 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-15 03:16:55 | 91.208.130.87