+ 9
ULTIME NOTIZIE Motori
PRIME IMPRESSIONI
3 ore
Seat Mii Electric, vivace e scattante
Il debutto della marca spagnola nell’elettrificazione pura parte dalla citycar convertita a batteria: che è agile, ben brillante e piuttosto confortevole, con autonomia dichiarata di 260 km.
TEST DRIVE
2 gior
Renault Clio, uguale soltanto nel look
La nuova generazione conserva volutamente il design apprezzato, ma offre grandi evoluzioni nell’abitacolo così come nelle tecnologie di bordo. Eccellente il 1.3 turbo da 130 cv.
PRIME IMPRESSIONI
5 gior
Volkswagen Golf
L’ottava generazione affila il conosciuto look “di famiglia”, ma evolve in profondità per digitalizzazione, tecnologie e qualità della guida: in prova col nuovo ibrido leggero 1.5 eTSI da 150 cv.
TEST DRIVE
1 sett
Grinta e agilità per la Volvo XC40 T5
Il Suv cadetto con motorizzazione benzina turbo di punta convince per prestazioni offrendo una guida docile e maneggevole. Con ottimo livello di accoglienza per l’intero equipaggio.
TEST DRIVE
1 sett
Ford Focus ST SW, sapore mordente
L’allestimento sportivo allestito dalla divisione Performance combina il turbodiesel potenziato da 190 cv all’assetto specifico con sterzo più diretto, per una guida dall’evidente dinamismo.
PRIME IMPRESSIONI
1 sett
Mercedes GLB, ama la famiglia e le curve
Il nuovo Suv di gamma intermedia strizza l’occhio alla Classe G, offre fino a sette posti e spicca per la qualità della guida dinamica, davvero convincente. Elastico e versatile il 2.0 td da 190 cv.
TEST DRIVE
2 sett
Seat Tarraco, Suv formato famiglia
Fino a sette posti in un ambiente di bordo ottimamente attrezzato ed accogliente per l’ammiraglia spagnola 4x4, dalla guida armonica e bilanciata. Anche con il 2 litri TSI benzina da 190 cv.
TEST DRIVE
2 sett
Mitsubishi ASX, più fluida e adattabile
Il restyling corposo aggiunge al look personale prestazioni in crescita con il due litri benzina da 150 cv la versatilità della trazione integrale. Crescono gli ausili attivi alla guida.
Novità
2 sett
Ford Mustang Mach-E, potenza e tradizione in un Suv elettrico
L’eredità della sportiva muscolare prende le vesti di crossover elettrico dalle linee tese e suggestive: fino a 465 cv con 600 km di autonomia, trazione posteriore o integrale. Da fine 2020.
TEST DRIVE
3 sett
Toyota C-HR 2.0L Hybrid, crescono prestazioni e ambizioni
Con il restyling di metà carriera arriva il sistema ibrido da 184 cv, che assicura una bella iniezione di brio insieme ad una guida più fluida e piacevole. Aggiornati anche design e tecnologie.
TEST DRIVE
3 sett
EQC 400, anche per Mercedes arriva il “pieno” di corrente
La prima elettrica della Casa sfoggia un carattere a tratti esuberante grazie ai 408 cv dei due motori elettrici, senza trascurare una valida autonomia. Comfort ed accoglienza di qualità.
TEST DRIVE
21.03.2018 - 06:000

Kia Optima Sportswagon: c’è anche ibrida Plug-In

Prova su strada con questa inedita motorizzazione che promette 62 chilometri di autonomia nella modalità elettrica e consumi bassissimi. Sarà così?

KIA è un marchio sempre più moderno che non dobbiamo sottovalutare: già in occasione di altre prove su strada abbiamo potuto appurare la bontà dei suoi prodotti che, in molti casi, non temono confronti con le concorrenti dirette. Recentemente ha fatto il suo debutto la Kia Optima Sportswagon dotata di un propulsore ibrido Plug-In, una tipologia di motorizzazione che con le dovute variazioni verrà presto estesa a gran parte dei modelli della gamma.


La motorizzazione in dettaglio: com’è e come funziona.
Cuore centrale di tutto è un motore elettrico da 50 Kw di potenza alimentato da una batteria agli ioni di Litio da 11,26 kWh, la cui autonomia (omologata) è pari a 62 chilometri. Questo è accoppiato ad un quattro cilindri aspirato (a benzina) da 2 litri, il quale eroga 156 cv e 189 Nm ed entra in funzione quando la batteria diventa pressoché scarica - oppure quando lo ricredono le circostanze. In questo caso da vettura “elettrica” la Optima si trasforma in una ibrida tradizionale. Combinati, i due motori erogano un potenza di 205 cavalli e 375 Newtonmetri di coppia.


All’atto pratico: come va e quanto consuma.
Nella modalità puramente elettrica la potenza è più che sufficiente per spostarsi con agio anche in salita e permette di toccare una velocità massima di 120 km/h; l’autonomia reale corrisponde a circa 50 km, valore in linea con la maggiorparte delle concorrenti. Una volta scaricata la batteria, i consumi nella modalità ibrida sono anch’essi convincenti, spaziando dai 5 l/100 km necessari in ambito urbano fino ad un massimo di circa 7 l/100 km quando ci si sposta in autostrada. Anche in questo caso per ridurre i consumi bisogna in ogni caso guidare preventivamente sfruttando la grande inerzia, essendo praticamente priva di freno motore. Per recuperare meglio l’energia in fase di decelerazione non sarebbe però male avere a disposizione anche un rapporto specifico per le decelerazioni che è presente su altre ibride (anche plug-in) della concorrenza.


La Optima è una grande viaggiatrice anche con questa motorizzazione?
Assolutamente si! L’assetto è morbido, vola sulle imperfezioni ed è veramente nata per i lunghi viaggi. Il rollio non inficia il suo comportamento stradale dato che lo sterzo è preciso nel dare direzione alla vettura e la stabilità sempre affidabile. Dovendo per forza ricorrere alla modalità manuale lungo i percorsi guidati, quello che manca sono semmai i selettori del cambio al volante, dato che la leva posta sulla consolle centrale non si presta particolarmente a questo tipo di guida. Va in ogni caso detto che, pur assicurando prestazioni interessanti quando la potenza è combinata, la Optima Plug-In privilegia la guida rilassata: guidando con un filo di gas il motore praticamente non si sente e l’assetto capace di assorbire ogni asperità fa il resto. Peccato solo che in salita o in autostrada, cioè quando è richiesta una certa potenza, i due motori non riescano a lavorare in perfetta armonia obbligando il cambio a diversi cambi di rapporto “sporcando” la fluidità di guida.


Con questo tipo di motore a quali altri cambiamenti è stata sottoposta la Optima Plug-in?
L’adozione di una batteria molto voluminosa ha portato ad una leggera riduzione del volume del bagagliaio, essendo le stesse alloggiate sotto il piano di carico. Poca roba, comunque: nonostante una riduzione della capienza di 112 litri si possono comunque ancora sfruttare con grande facilità ben 440 litri di volume. Esteticamente la versione più ecologica della Optima presenta diversi adattamenti finalizzati al miglioramento dell’efficienza aerodinamica adottando cerchi da 17 pollici specifici e appendici capace di meglio convogliare l’aria. All’interno troviamo invece lo stesso abitacolo, ordinato e qualitativamente ragguardevole, già visto su altre versione delle Optima, dotato anche in questo caso di un ottimo sistema di Infotainment. I prezzi della Plug-In partono da 50’450 CHF.

Guarda tutte le 13 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-11 09:01:44 | 91.208.130.89