Immobili
Veicoli

SVIZZERANei supermercati i prodotti diventano più cari

18.03.22 - 23:42
Accade in Germania, dove Aldi ha aumentato il prezzo di 400 prodotti. Ma il rincaro si osserva anche in Svizzera
Imago (immagine illustrativa)
SVIZZERA
18.03.22 - 23:42
Nei supermercati i prodotti diventano più cari
Accade in Germania, dove Aldi ha aumentato il prezzo di 400 prodotti. Ma il rincaro si osserva anche in Svizzera

ZURIGO - Dopo il caro benzina, ora ci aspetta un aumento dei prezzi nei negozi. È quanto sta per esempio succedendo da Aldi, che nelle sue filiali tedesche ha alzato il prezzo di circa quattrocento prodotti, con fino a un euro di rincaro, come scrive la Bild. Il discount spiega che la misura è dovuta ai problemi lungo la catena di approvvigionamento determinati dalla pandemia. E che ora il conflitto in Ucraina ha ulteriormente aggravato la situazione. Sempre in Germania, anche Lidl e le drogherie Rossmann hanno ritoccato i prezzi verso l'alto.

E i rincari stanno raggiungendo pure la Svizzera. Per esempio, nelle filiali elvetiche di Aldi ora si paga di più per carta igienica e carta domestica, come fa sapere l'azienda su richiesta di 20 Minuten. Non si escludono inoltre ulteriori rialzi da ricondurre alla situazione tesa sul mercato delle materie prime.

Da Migros gli aumenti hanno riguardato, all'inizio di quest'anno, il caffè, la pasta, i prodotti da forno e la frutta sciroppata. In questo caso i rialzi erano da ricondurre agli strascichi della crisi pandemica, come spiega un portavoce. Tuttavia, con il conflitto in Ucraina si potrebbero riscontrare ulteriori problemi di fornitura. E Migros non può quindi escludere altri rialzi.

Nessuno sconto sull'olio di girasole - In Ucraina viene prodotto il 50% dell'olio di girasole distribuito a livello mondiale. Olio che viene anche utilizzato per la produzione di patatine chips o barrette Farmer. E in questi contesti non è facilmente sostituibile.

Ora Migros rinuncia a campagne promozionali su olio di girasole e maionese. Anche Nestlé, che produce la maionese Thomy, conferma i problemi di approvvigionamento per l'olio di girasole. Ma non è prevista, a breve termine, una carenza di prodotti.

«Il tempo dei prezzi bassi è finito» - Da Coop gli effetti del conflitto in Ucraina sono minimi, in quanto il raccolto dello scorso anno si trova già nei magazzini. Ora si tratta però di capire come si svilupperà la situazione, spiega una portavoce. Tuttavia, l'azienda riceve richieste per aumenti da diversi fornitori a causa dei costi più elevati per le materie prime e il trasporto, così come per la carenza di materiale da imballaggio. Per questo, carta igienica e capsule del caffè adesso costano di più.

Lidl Svizzera parla di «tempi difficili». Ma non è ancora chiaro se vi saranno degli aumenti. Lo stesso vale per Denner.

Martin Neff - economista capo di Raiffeisen - è convinto che bisognerà fare i conti con l'inflazione: «Il tempo dei prezzi bassi è finito» afferma. «È soltanto una questione di tempo finché i rivenditori riverseranno sui clienti i costi di produzione più elevati». Costi più elevati dovuti al prezzo più alto dell'energia.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE ECONOMIA