Immobili
Veicoli

REGNO UNITOPresto obbligatorio inserire nei menù le calorie per ogni piatto

23.01.22 - 13:41
Il governo britannico vuole che i clienti dei ristoranti facciano scelte più salutari. Gli esperti sono scettici
Deposit
REGNO UNITO
23.01.22 - 13:41
Presto obbligatorio inserire nei menù le calorie per ogni piatto
Il governo britannico vuole che i clienti dei ristoranti facciano scelte più salutari. Gli esperti sono scettici

LONDRA - Le calorie come arma contro l'obesità. A partire dal mese di aprile bar, ristoranti e take away del Regno Unito con più di 250 dipendenti dovranno indicare nei loro menù il numero di calorie per ogni piatto e bevanda. Alcuni nutrizionisti riservano diversi dubbi sulla nuova misura e i ristoranti che lo fanno già da tempo non hanno dati che indichino che i clienti abbiano fatto scelte più salutari con l'informazione aggiunta.

Il 63% della popolazione adulta del Regno Unito è sovrappeso o obesa. Un bambino su tre esce finisce la scuola elementare obeso o sovrappeso. In termini di spese mediche, le condizioni che derivano da una vita poco salutare costano al Servizio sanitario nazionale 6,1 miliardi di sterline ogni anno. Il governo Johnson ha quindi deciso lo scorso maggio di introdurre nei menù la quantità calorica di ogni piatto proposto da ristoranti, bar e take away. La speranza, aveva spiegato all'epoca il ministro della Salute Jo Churchill, è «fare in modo che le persone possano fare scelte salutari e informate nel modo più semplice possibile».

All'inizio il pacchetto di misure, che entrerà in vigore a partire dal mese di aprile, non aveva trovato la gioia dei ristoratori. Ad esempio, c'è chi cambia il menù in base alle stagioni o anche giornalmente, a dipendenza di quali sono le materie prime disponibili e fresche. Nel contesto pandemico, dove la ristorazione è uno degli ambiti più colpiti, mettere a disposizione dei clienti i valori nutrizionali sempre aggiornati vorrebbe dire avere un impiegato che svolge la conta come mansione a tempo pieno. Data la critica, il governo aveva deciso di applicare l'obbligo solo alle aziende con più di 250 dipendenti.

Tra queste figurano ad esempio McDonlad's e Kfc che già da anni forniscono ai clienti il numero di calorie corrispondente a ogni piatto servito. Come loro, riporta il Guardian, che ha effettuato un sondaggio tramite The Observer, ce ne sono diversi, ma non esistono dati che indichino che ci sia stato un impatto sul comportamento dei clienti.

Stuart Flint, professore associato di psicologia dell'obesità presso l'Università di Leeds e direttore di Obesity UK, il programma a sostegno delle persone in sovrappeso, ha affermato che non è chiaro su chi queste regole avranno un impatto. «Le misure potrebbero non essere d'aiuto. Bisogna davvero guardare solo le calorie? Una barretta di cioccolato è meno calorica di un pasto equilibrato, ma non vogliamo che le persone mangino una barretta di cioccolato e saltino il pasto. Non si tratta sempre di ridurre la quantità che mangiamo».

Un report stilato dall'Harvard medical school dell'ottobre 2020 invita le persone puntare sulla qualità del cibo e su uno stile di vita sano, perché, spiega la dottoressa Fatima Cody Stanford, specialista in obesità e assistente professore di medicina e pediatria, basarsi sulle calorie «non è solo antiquato, è semplicemente sbagliato». Perdere peso non è una questione di matematica. Come viene riportato nel documento, «il modo in cui il tuo corpo brucia calorie dipende da una serie di fattori, tra cui il tipo di cibo che mangi, il metabolismo del tuo corpo e persino il tipo di organismi che vivono nel tuo intestino. Puoi mangiare lo stesso numero di calorie di qualcun altro, ma avere risultati molto diversi in termini di peso».

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE ECONOMIA