Immobili
Veicoli
IMAGO
CINA
08.11.2021 - 17:300

La Cina sul clima: «Abbiamo una tabella di marcia, non promesse vaghe»

Wang Yi, parte della delegazione cinese: «Abbiamo delineato linee guida per tutti i settori, ma nessuno lo sa»

PECHINO - «Ci sono state molte critiche sull'atteggiamento della Cina, nei media, ma molte di queste sono basate su incomprensioni o malintesi».

È quanto ha dichiarato al Guardian Wang Yi, un consigliere senior della delegazione cinese alla Cop26. Per lui, la Cina sta in realtà facendo più di quanto le venga dato credito.

Durante la prima settimana dei colloqui sul clima delle Nazioni Unite a Glasgow, la Cina è stata infatti ritratta più volte come un paese ritardatario o riluttante nell'intraprendere gli sforzi necessari per mantenere il riscaldamento globale sotto la soglia dei 2 gradi. Inoltre, è stata criticata per la sua assenza dalle alleanze per ridurre le emissioni di metano ed eliminare gradualmente il carbone.

«Azioni concrete, non promesse»
Ma Wang, consulente chiave sulla strategia di decarbonizzazione della Cina, ha detto che il suo paese ha realizzato un quadro politico e una tabella di marcia dettagliata per tagliare le emissioni, mentre le altre nazioni si congratulavano tra di loro per vaghe promesse a lungo termine.

Wang ha espresso frustrazione per il fatto che la profondità e i dettagli delle azioni climatiche della Cina non vengano apprezzati. «Purtroppo, la Cina non può cambiare la narrativa internazionale nei suoi confronti», ha detto. «Per raggiungere i nostri obiettivi, abbiamo delineato un cambiamento del nostro intero sistema, non solo nel settore energetico ma in tutta la società e l'economia. Nessuno però sembra esserne a conoscenza».

A riguardo, la Cina ha rilasciato cinque documenti che descrivono in dettaglio i piani per raggiungere il proprio duplice obiettivo di raggiungere il picco delle emissioni di carbonio nel 2030 e di raggiungere lo zero netto di emissioni entro il 2060. 

«La preoccupazione è essere troppo veloci»
I due diversi obiettivi della Cina pongono sfide molto diverse, ha poi aggiunto. «La parte difficile sarà come raggiungere la neutralità. La nostra preoccupazione per il futuro non è che la Cina sia troppo lenta, ma che sia troppo veloce».

Infatti, «le recenti carenze di energia in Cina hanno dimostrato quanto sia serio un rallentamento nel settore del carbone. Ogni decisione ha avuto conseguenze importanti». Inoltre, «le nostre centrali a carbone hanno una vita di 10-12 anni. Se le chiudiamo, chi pagherà per i beni bloccati? Chi impiegherà i lavoratori licenziati?» ha proseguito Wang.

Infine, la Cina desidera spingere le nazioni ricche a dare maggiori contributi finanziari ai paesi in via di sviluppo. «La Cina vorrebbe maggiori sforzi per sostenere i paesi che, seppur contribuendo poco, soffrono maggiormente le conseguenze della crisi climatica» ha concluso Wang, chiedendo «un aumento dei fondi disponibili».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-06-26 06:45:47 | 91.208.130.87