keystone-sda.ch (Brendan McDermid)
Il governatore dello Stato di New York è accusato di aver garantito ai membri della sua famiglia un accesso privilegiato ai tamponi.
STATI UNITI
25.03.2021 - 08:190

Tamponi, una corsia preferenziale per i famigliari di Cuomo?

Il governatore avrebbe garantito un accesso speciale ai test nella prima fase della pandemia, secondo Times e Post

NEW YORK - Una nuova accusa è stata scagliata contro il governatore dello Stato di New York Andrew Cuomo, già nell'occhio del ciclone per presunti casi di molestie sessuali e comportamenti inappropriati.

Il New York Times e il Washington Post affermano che un anno fa Cuomo garantì ai membri della sua famiglia un accesso privilegiato ai test per individuare il coronavirus. Si era allora nelle prime fasi della pandemia e i tamponi, gestiti dalle autorità statali, non venivano effettuati su larga scala come avviene invece oggi.

Il Post, che cita tre fonti anonime a conoscenza dei fatti, afferma che un medico statale di alto grado visitò a domicilio alcuni collaboratori del governatore e membri della famiglia Cuomo. Uno di essi, il conduttore della Cnn Chris Cuomo, risultò positivo al coronavirus. Tra coloro che furono sottoposti a tampone, secondo il Times (che basa il suo racconto su due testimonianze anonime) ci sarebbero anche la madre di Cuomo e una delle sue sorelle.

Richard Azzopardi, portavoce del governatore, ha inviato una dichiarazione in risposta alle affermazioni del Post: «Dovremmo evitare tentativi insinceri di riscrivere il passato. Nei primi giorni di questa pandemia, quando c'era una forte enfasi sul tracciamento dei contatti, abbiamo fatto il possibile per testare le persone». Ciò includeva «in alcuni casi andare a casa delle persone - e porta a porta in luoghi come New Rochelle - per prelevare campioni da coloro che si ritiene fossero stati esposti al coronavirus, al fine d'identificare casi e prevenirne altri». Azzopardi precisa che tra coloro che sono stati testati «c'erano membri del pubblico in generale, inclusi legislatori, giornalisti, lavoratori statali e le loro famiglie che temevano di aver contratto il virus e avevano la capacità di diffonderlo ulteriormente».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-22 06:07:43 | 91.208.130.85