I racconti dei sopravvissuti: «Andare a prendere una Coca e delle chips, e rischiare la vita»
AFP
+2
STATI UNITI
23.03.2021 - 10:400
Aggiornamento : 11:04

I racconti dei sopravvissuti: «Andare a prendere una Coca e delle chips, e rischiare la vita»

Il totale confermato nella strage di Boulder è di 10 vittime, tra le quali anche un agente di polizia

«Qui a Boulder ci sentivamo nel posto più sicuro d'America, ma la bolla è scoppiata, ed è una cosa che ti spezza il cuore»

DENVER - È di dieci vittime, compreso un agente di polizia, il bilancio di una strage avvenuta in un supermercato a Boulder, Colorado. L'attentatore, un uomo ancora non identificato, è stato portato via dagli agenti con una ferita alla gamba, a torso nudo e pressoché in mutande. 

Il motivo di questa sua "svestizione" è verosimilmente legato alla sicurezza al momento dell'arresto, per assicurarsi che non avesse ulteriori armi da fuoco nascoste addosso o un giubbetto esplosivo.

Si tratta della seconda sparatoria in pochi giorni, dopo quella in 3 saloni massaggi ad Atlanta che aveva causato 8 morti, dei quali 6 donne di origini asiatiche. 

«Ero entrato lì solo per prendermi una Coca e delle patatine», ha raccontato un giovane superstite alla CNN, «non pensavo che avrei rischiato la vita... Qui a Boulder ci sentivamo come in una bolla, ma dopo la violenza la bolla è scoppiata, ed è una cosa che ti spezza il cuore. Pensavamo di essere nel posto più sicuro d'America e invece non è così».

Le operazioni di sgombero si sono svolte ordinatamente e sono durate a lunga: «Ci hanno fatto mettere in fila indiana, e abbiamo seguito i protocolli, uscendo scaglionati. Eravamo in centinaia ed era bellissimo vedere come, malgrado tutto, tutti si aiutassero», ricorda il ragazzo con la voce spezzata dall'emozione.

«All'inizio era un suono strano, attutito», ha raccontato al New York Times una donna recatasi al supermercato col marito per recuperare il necessario per la cena, «pensavo qualcuno avesse fatto cascare qualcosa. Poi i colpi si sono moltiplicati sono diventati 15, poi 20. Quando abbiamo capito cosa stesse succedendo abbiamo iniziato a correre, mio marito si è fermato ad aiutare due anziane che non sapevano dove andare. Quando ci siamo trovati nel parcheggio ci siamo accorti che - per la concitazione - avevamo ancora con noi la spesa...»

Un'arma d'assalto che era stata bandita- Stando alle ultime indiscrezioni dei media americani, l'attentatore avrebbe utilizzato un fucile d'assalto.

Proprio questo tipo di arma era stata bandita a Boulder nel 2018 - per motivi legati alle sparatorie scolastiche - ma che una sentenza aveva recentemente reso di nuovo legali, come riportato dal New York Times.

AFP
Guarda tutte le 6 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-21 20:21:16 | 91.208.130.85