KEYSTONE
Dalle 18 l'intera provincia di Brescia è entrata in zona arancione 'rafforzata'.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
EGITTO
21 min
Per la Ever Given, chiesto un risarcimento da un miliardo di dollari
E intanto la nave, che si trova ancora nel canale, è stata sequestrata. Dai proprietari giapponesi per ora è no comment
MONDO
1 ora
Trombosi con J&J: «Sono eventi estremamente rari»
Lo hanno dichiarato gli esperti dell'FDA e dei CDC in una conferenza stampa congiunta
FOTO
ITALIA
1 ora
Le proteste dei commercianti a Roma
Altre manifestazioni in Italia, per la riapertura delle attività
STATI UNITI
1 ora
Weinstein sarà trasferito in California per essere processato?
I legali dell'ex produttore sostengono che il suo precario stato di salute gli impedisce di viaggiare
GIAPPONE / CINA
2 ore
Fukushima, una decisione «che non riguarda solo il Giappone»
Le acque di raffreddamento saranno sversate in mare. Pechino non ci sta e auspica un passo indietro
FRANCIA
3 ore
Come procede l'inchiesta sulla sparatoria di Parigi
Continua la caccia alla persona che ha sparato. È sempre più probabile che sia stato un regolamento di conti
STATI UNITI
4 ore
Trombosi: gli USA mettono in pausa il vaccino Johnson & Johnson
La decisione arriva in seguito a sei casi di formazione di «coaguli di sangue», uno dei quali ha portato a un decesso
MONDO
5 ore
OMS: «Stop alla vendita di animali selvatici vivi»
«...Almeno fino a quando non siano regolati degli standard minimi di igiene e sorveglianza»
AUSTRIA
6 ore
«Sovraccarico di lavoro», si dimette il Ministro della Sanità
«Non ho più energie» ha detto il 60enne Rudolf Anschober
REGNO UNITO
6 ore
Gli over 50 sono vaccinati, ora tocca ai 45enni
Si è conclusa in leggero anticipo la prima fase della campagna nazionale
FOTO
REGNO UNITO
7 ore
La prima sera al pub dopo mesi: «È stato eccitante»
Locali affollati dopo lo stop di quasi 100 giorni a causa delle restrizioni Covid
GIAPPONE
9 ore
Fukushima, le acque contaminate saranno sversate in mare
Il governo di Tokyo ha confermato la decisione. Lo smaltimento inizierà nell'arco di due anni
FOTO
STATI UNITI
9 ore
La poliziotta voleva usare il Taser, ma ha preso la pistola
Le autorità del Minnesota hanno ricostruito la dinamica dell'intervento che è costato la vita a Daunte Wright.
BHUTAN
11 ore
Il 93% degli adulti vaccinati in 16 giorni: lo sprint del Bhutan
Nel piccolo stato asiatico le vaccinazioni anti-Covid hanno preso il via il 27 marzo
STATI UNITI
18 ore
Sparatoria in un liceo nel Tennessee: un morto
Un agente addetto alla sicurezza dell'istituto è invece rimasto ferito
AUSTRALIA
19 ore
Niente prima dose per tutti entro ottobre
Il governo Morrison ha rivisto l'obiettivo per la campagna vaccinale
MONDO
20 ore
In Europa oltre un milione di morti per il Covid
L'Europa è l'area più colpita del mondo davanti ad America Latina e Nord America
SPAGNA
21 ore
Coronavirus: aumento dei casi in Spagna, “effetto Settimana Santa”
La trasmissione del virus è attualmente «più lenta» grazie all'effetto dei vaccini e di alcune restrizioni
CINA
22 ore
I bimbi hanno un'alta e lunga carica virale
È quanto sostiene uno studio dell'Università di Hong Kong
FOTO
SPAGNA
1 gior
Per Igor il Russo richiesto «il massimo della pena»
Il killer serbo di nazionalità ungherese a processo oggi in Spagna, l'accusa: «Agì con freddezza»
UNIONE EUROPEA
1 gior
Ursula, ma non solo: UE, dove il potere è donna
Per la prima volta della storia continentale detengono ruoli chiave (e non c'è "sofagate" che tenga)
FOTO
VANUATU
1 gior
Una tribù in lutto: venerano il principe Filippo come un dio
Secondo alcuni aborigeni, il Duca di Edimburgo sarebbe «il figlio dalla pelle bianca di una divinità delle montagne»
REGNO UNITO
1 gior
Cameron indagato, fece lobbying per Greensill
Ad aprire il procedimento, lo stesso Boris Johnson: «Chiarezza, nel rispetto dei contribuenti»
FOTO
FRANCIA
1 gior
Spari fuori da un ospedale di Parigi: un morto e un ferito
La persona che ha aperto il fuoco è in fuga, secondo un testimone è stata una sorta di esecuzione
FOTO
STATI UNITI
1 gior
Suprematisti bianchi messi all'angolo: «Nazisti andate a casa»
Una marcia denominata "White Lives Matter" è stata circondata da una folla di oppositori.
ITALIA
1 gior
Vaccinare le isole per far ripartire il turismo
L'Italia sta discutendo la possibilità di attuare un piano. Ma c'è già chi storce il naso e chiede uguaglianza per tutti
ITALIA
23.02.2021 - 18:150
Aggiornamento : 19:39

Dalle 18 Brescia e provincia sono entrati in zona arancione 'rafforzata'

A far discutere sono le modalità della decisione, non la gravità della situazione

di Redazione
Irene Panighetti

BRESCIA - «Non si fa così»: questa, o meglio la sua versione in dialetto “se fa mia isè” è la frase che si è alzata pressoché all’unisono nel primo pomeriggio di oggi, quando a Brescia e provincia si è
diffusa la notizia delle decisioni prese dal presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana per cercare di arginare la terza ondata, che nel Bresciano è ormai un dato di fatto.

Con un preavviso di poche ore rispetto all'entrata in vigore delle restrizioni alle ore 18, famiglie, lavoratori, studenti, commercianti si sono dovuti organizzare e non tutti ci sono riusciti. Perché la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado non era più avvenuta dall’inizio dell’anno scolastico, dato che almeno nidi, materne ed elementari avevano ripreso le lezioni in aula. Invece da domani i genitori che lavorano dovranno ricorrere a nonni, parenti, babysitter... I ristoratori che avevano fatto gli ordini per l’apertura diurna settimanale dovranno gestirsi le scorte e le disdette e gli studenti ritornare completamente alla didattica a distanza.

«Così diventiamo matti» ha dichiarato a caldo Liu, studentessa di un liceo cittadino e membro di un collettivo di studenti. «Sono stanca di essere additata, in quanto giovane, come responsabile della pandemia» aggiunge Chiara, studentessa delle Magistrali. «Era tutto prevedibile: a gennaio ci hanno dato il contentino di un ritorno a scuola a singhiozzo e soprattutto non in sicurezza».

Sono le modalità, insomma, a essere messe sotto accusa e non la gravità della situazione. Il pericolo, anzi, è chiaramente percepito: già in mattinata l’Ordine dei medici della provincia di Brescia aveva diffuso una nota in cui chiedeva un intervento rapido. «I nostri ospedali sono nuovamente in grande difficoltà nell’accogliere e prestare assistenza a un numero sempre maggiore di malati. Si è già costretti a trasferimenti fuori dalla provincia. Chiediamo che coloro i quali hanno la responsabilità e il dovere di assumere decisioni, anche impopolari, le assumano, ora. Indugiare sarebbe imperdonabile».

Restrizioni, repressione (come promessa dal Prefetto lunedì pomeriggio) ma soprattutto campagna vaccinale efficiente e urgente: Samuele Alghisi, presidente della Provincia di Brescia, martedì pomeriggio ha inviato una lettera a Governo e Regione per «richiedere con la massima sollecitudine il potenziamento delle dosi vaccinali da distribuire nei nostri ambiti territoriali, in attuazione della strategia di tipo adattivo prospettata nel Piano Strategico Nazionale dei vaccini».

L'ordinanza

Art. 1) (Misure urgenti per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 in relazione al territorio della Provincia di Brescia e dei Comuni di Viadanica, Predore, Adrara San Martino, Sarnico, Villongo, CastelliCalepio, Credaro, Gandosso (BG) e Soncino (CR))

A decorrere dalle ore 18.00 del 23 febbraio 2021 e sino al 2 marzo 2021, con eventuale proroga sulla base dell’evoluzione del contesto epidemiologico, con riferimento al territorio della Provincia di Brescia e dei Comuni di Viadanica, Predore, Adrara San Martino, Sarnico, Villongo, Castelli Calepio, Credaro, Gandosso (BG) e Soncino (CR) sono adottate le seguenti misure:

1. si applicano le misure previste dall’art. 2 del DPCM 14 gennaio 2021;
2. sospensione della didattica in presenza nelle istituzioni scolastiche primarie e secondarie di primo grado e secondo grado, nelle istituzioni formative professionali secondarie di secondo grado (IeFP), negli Istituti tecnici superiori (ITS) e nei percorsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (IFTS) nonché sospensione dei servizi socio-educativi per la prima infanzia nonché dei servizi educativi delle scuole dell’infanzia, in relazione alle scuole e servizi aventi sede sul territorio della Provincia di Brescia e dei predetti Comuni;
3. in tutte le scuole ed istituzioni di cui al punto 2 aventi sede sul territorio della Provincia di Brescia e dei predetti Comuni:
● le attività di laboratorio sono sospese;
● resta salva la possibilità di svolgere attività in presenza in ragione di mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali, secondo quanto previsto dal decreto del Ministro dell’Istruzione n. 89 del 7 agosto 2020 e dall’ordinanza del Ministro dell’Istruzione 134 del 9 ottobre 2020, garantendo comunque il collegamento on line con gli alunni della classe che sono in didattica a distanza.
4. È fortemente raccomandato che le scuole e istituzioni formative di cui al punto 2 aventi sedi in territori della Lombardia diversi dalla Provincia di Brescia e dai Comuni di Viadanica, Predore, Adrara San Martino, Sarnico, Villongo, Castelli Calepio, Credaro, Gandosso (BG) e Soncino (CR) dispongano la didattica a distanza per i propri studenti residenti o domiciliati
in Provincia di Brescia o nei predetti Comuni;
5. È vietato ai residenti nel territorio della Provincia di Brescia e dei Comuni di Viadanica, Predore, Adrara San Martino, Sarnico, Villongo, Castelli Calepio, Credaro, Gandosso (BG) e Soncino (CR) di recarsi presso le proprie abitazioni diverse da quella principale (c.d. seconde case), anche se ubicate in territori diversi dalla Provincia di Brescia e dei predetti Comuni;
6. È vietato a coloro che non risiedono nel territorio della Provincia di Brescia e dei Comuni di Viadanica, Predore, Adrara San Martino, Sarnico, Villongo, Castelli Calepio, Credaro, Gandosso (BG) e Soncino (CR) di recarsi presso le proprie abitazioni diverse da quella principale (c.d. seconde case) ubicate in territori della Provincia di Brescia e dei predetti Comuni;
7. Si applica quanto previsto dall’art. 3, comma 4, lettera i) del D.P.C.M. del 14 gennaio 2021 in ordine al lavoro agile, in relazione alle pubbliche amministrazioni aventi sedi o uffici sul territorio della provincia di Brescia e dei Comuni di Viadanica, Predore, Adrara San Martino, Sarnico, Villongo, Castelli Calepio, Credaro, Gandosso (BG) e Soncino (CR), nonché in
relazione ai dipendenti, residenti o domiciliati nei predetti territori, di pubbliche amministrazioni aventi sedi ed uffici in altri territori della Lombardia.
8. Si applica quanto previsto dall’art. 3, comma 4, lettera g) del D.P.C.M. del 14 gennaio 2021 con conseguente sospensione della frequenza delle attività formative e curriculari delle università e delle istituzioni di alta formazione artistica musicale e coreutica aventi sedi sul territorio della provincia di Brescia e dei predetti Comuni, fermo in ogni caso il proseguimento di tali attività a distanza;
9. È fortemente raccomandato che le università e le istituzioni di alta formazione artistica musicale e coreutica aventi sede nei territori della Lombardia diversi dalla Provincia di Brescia e dai Comuni di Viadanica, Predore, Adrara San Martino, Sarnico, Villongo, Castelli Calepio, Credaro, Gandosso (BG) e Soncino (CR) dispongano la didattica a distanza per i propri studenti residenti o domiciliati in Provincia di Brescia o nei predetti Comuni;
10. È fatto obbligo di indossare mascherine chirurgiche o presidi analoghi di protezione delle vie respiratorie sui mezzi di trasporto pubblici circolanti nel territorio della Provincia di Brescia e dei Comuni di Viadanica, Predore, Adrara San Martino, Sarnico, Villongo, Castelli Calepio, Credaro, Gandosso (BG) e Soncino (CR);
11.È sospesa in relazione ai predetti territori l’efficacia dell’Ordinanza n. 688 del 26 gennaio 2021 in relazione ad attività agricole, di controllo faunistico, venatorie e piscatorie.

Art. 2 (Disposizioni finali)
1. Restano ferme le misure di cui al D.P.C.M. del 14 gennaio 2021, ove non diversamente disciplinate dal presente provvedimento.
2. In relazione al Comune di Castrezzato (BS) cessa di effetto dalle ore 18.00 del 23 febbraio 2021 l’Ordinanza n. 701 del 16 febbraio 2021.
3. Il mancato rispetto delle misure di cui alla presente ordinanza è sanzionato, secondo quanto previsto dall’art. 4 del decreto-legge n. 19/2020 convertito con modificazioni dalla legge n. 35/2020.
4. La presente ordinanza è trasmessa al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministro per gli affari regionali ed al Ministro della salute ed è pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia (BURL) e nel portale internet della Regione Lombardia, pagine dedicate all’emergenza sanitaria Corona Virus – COVID 19.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-13 18:01:33 | 91.208.130.87