Immobili
Veicoli

GROENLANDIALa scomparsa del ghiaccio ha dato il via a una nuova caccia all’oro

10.08.22 - 10:31
I cambiamenti climatici stanno portando in superficie grandi giacimenti di metalli preziosi sulle isole groenlandesi.
Keystone
La scomparsa del ghiaccio ha dato il via a una nuova caccia all’oro
I cambiamenti climatici stanno portando in superficie grandi giacimenti di metalli preziosi sulle isole groenlandesi.
Il paradosso: oro, rame e nichel sono indispensabili per la costruzione di veicoli elettrici e di batterie. La transizione energetica passa dallo scioglimento dei ghiacciai.

NUUK - Rame, oro, zinco e nichel. La Groenlandia si sta trasformando in una miniera a cielo aperto. Il ritiro del ghiaccio, che si scioglie a un ritmo senza precedenti a causa dei cambiamenti climatici, sta lasciando il posto a veri e propri giacimenti di metalli preziosi. Una scoperta che non ha lasciato indifferente le grandi società minerarie internazionali che si sono lanciate in una nuova e competitiva caccia al tesoro. 

I miliardari al lavoro - Anche i potenti del mondo non si stanno lasciando sfuggire questa nuova opportunità. La Cnn parla del forte interesse di Jeff Bezos, il fondatore di Amazon, di Michael Blooberg e di Bill Gates verso i nuovi giacimenti che velocemente stanno sorgendo sulle colline di ghiaccio della penisola di Nuussuaq, in Groenlandia. 

«Stiamo cercando un deposito che sarà il primo o il secondo giacimento di nichel e cobalto più importante al mondo», ha confermato Kurt House, il CEO della Kobold Metals, società californiana che lavora principalmente nel cercare giacimenti dei metalli preziosi per l'industria dell'elettrico. 

Il paradosso - Una situazione che sembra un paradosso. Le regioni della Groenlandia sono le più colpite e le più flagellate dai cambiamenti climatici. Ma al tempo stesso, grazie all’utilizzo dei metalli rilasciati dalla scomparsa del ghiaccio, potrebbe contribuire in modo significativo verso la tanto discussa transizione energetica.

«I cambiamenti climatici hanno reso l'esplorazione e l'estrazione mineraria in Groenlandia più facile e accessibile», ha spiegato Bo Møller Stensgaard, Ceo della società mineraria Bluejay Mining. Kobold collabora con Bluejay Mining per trovare i metalli rari e preziosi in Groenlandia necessari per costruire veicoli elettrici e le batterie per immagazzinare energia rinnovabile. 

Estrazioni sostenibili - «Il governo della Groenlandia sostiene lo sviluppo responsabile ed economicamente sostenibile delle loro risorse naturali, incluso l'estrazione di un'ampia gamma di minerali», ha affermato Mike Sfraga, presidente della Commissione per la ricerca sull'Artico degli Stati Uniti. 

Secondo Stensgaard invece i nuovi giacimenti di minerali «avranno un ruolo importante nella soluzione per affrontare la crisi climatica». Nel frattempo, la scomparsa del ghiaccio in Groenlandia sta causando un pericoloso innalzamento del livello del mare. Una situazione che preoccupa gli scienziati che studiano l'Artico.

«Prevediamo che il ghiaccio artico scomparirà tra 20 o 30 anni», ha detto Nathan Kurtz, scienziato della NASA che studia il ghiaccio marino. «In autunno, quella che era una copertura di ghiaccio artico tutto l'anno ora sarà solo una copertura di ghiaccio stagionale». Un dramma che, malgrado le nuove opportunità che sta offrendo alle società minerarie, non può essere ignorato.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE DAL MONDO