Immobili
Veicoli
Deposit
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
UCRAINA
LIVE
«Quei barbari possono essere fermati solo con la forza»
Mykhailo Podolyak ha dichiarato che non ci si può fidare di alcun accordo con la Russia, perché «continuano a mentire»
LE FOTO
REGNO UNITO
9 min
Superyacht in fiamme
Un'imbarcazione di lusso è bruciata ed affondata al porto britannico di Torquay
SVIZZERA
11 ore
La Svizzera ha ora troppi vaccini anti-Covid?
Contro il Covid ormai si vaccinano in pochi, ma Berna ha a disposizione 34 milioni di dosi
ITALIA
11 ore
La villa di Giuseppe Verdi va all'asta
Gli eredi non hanno trovato un accordo. Si conclude così una battaglia legale durata vent'anni
RUSSIA / UCRAINA
13 ore
I Russi vogliono una Norimberga per i soldati dell'Azov
È la risposta di Mosca ai processi di Kiev contro i militari russi per crimini di guerra
CINA
16 ore
«In tanti non hanno notizie dei loro cari»
L'Alto Commissario dell'Onu per i diritti umani ha discusso della repressione delle minoranze
INDONESIA
17 ore
Un traghetto sparisce nelle acque, 26 dispersi
Sembrerebbe che l'imbarcazione sia rimasta senza carburante
UCRAINA
17 ore
I cittadini lituani vogliono comprare un drone all'Ucraina
Zelensky non ritiene possibile un cambio di regime in Russia: «Si rinforzano l'un l'altro»
STATI UNITI
17 ore
Massacro di Uvalde: «Mio figlio aveva le sue ragioni»
La madre difende l'autore della strage in Texas. Quindi chiede che non venga giudicato.
STATI UNITI
20 ore
Texas, il killer aveva minacciato stragi nelle scuole su Yubo
Gli utenti non avevano preso sul serio il ragazzo. L'app francese sta ora collaborando con le autorità.
TAGIKISTAN
27.01.2022 - 06:000

Il grido senza voce dei pamiri del Gorno-Badachsan

Vivono in una regione del Tagikistan, e da novembre sono stati tagliati fuori dal mondo

Attivisti e rappresentanti della minoranza dei pamiri hanno ora scritto alla comunità internazionale, per chiedere aiuto

CHORUG - «Chiediamo alla comunità internazionale un'azione immediata per proteggere la popolazione civile».

È quanto hanno domandato attivisti e rappresentanti dei pamiri (una minoranza etnica e religiosa del Gorno-Badachshan, in Tagikistan) in una lettera alla comunità internazionale, ovvero alle Nazioni Unite, all'Osce e all'Unione europea.

«Sono tempi molto difficili per la nostra comunità» ci ha raccontato un'attivista pamiri, la cui famiglia vive a Chorug, «il governo si permette di uccidere dei civili e poi di tagliare la connessione internet per un certo numero di mesi, in modo che le nostre voci non possano raggiungere il resto del mondo». 

«Un uccisione arbitraria»
La situazione nella regione del Gorno-Badachshan (GBAO) è precipitata in particolare lo scorso novembre, con un forte aumento delle tensioni tra i residenti locali ed il Governo centrale di Dushanbe, la capitale del Paese. L'escalation si è accesa con la morte di un 29enne locale, secondo le autorità poiché «ha resistito ad un arresto», mentre per gli attivisti si è trattato di «un uccisione arbitrale».

Migliaia di persone hanno ben presto affollato le strade di Khorog per protestare contro l'abuso di potere da parte della polizia, ma le manifestazioni sono state represse con forza. In particolare, secondo la denuncia degli attivisti, la regione è stata in quel momento isolata completamente dal mondo: internet è stato rimosso, e ai punti di accesso sono stati eretti dei blocchi militari, che permettono l'ingresso solo ai rifornimenti e a nessun altro che non ne abbia il permesso, nemmeno i media.

Allo stesso tempo, per calmare i manifestanti, il Governo ha promesso l'apertura di un'indagine indipendente sull'incidente che ha provocato le tensioni.

«Senza internet da due mesi»
Quasi due mesi dopo, gli attivisti denunciano che la situazione non è cambiata di una virgola. Internet non è ancora stato reso disponibile, i posti di blocco sono ancora presenti, e non è stata portata avanti nessuna indagine indipendente, anzi sono stati criminalizzati alcuni dei manifestanti. Per questo, chiedono ora alle principali organizzazioni internazionali d'invitare il Governo del Tagikistan ad agire: in particolare a ripristinare le comunicazioni via internet, permettere ai rappresentanti dei media di entrare nella regione, e garantire che non venga perpetrata nessuna azione militare.

Al gruppo mediatico Asia-Plus, un portavoce della polizia della regione GBAO ha spiegato che l'assenza di internet è dovuta ai timori che «certi gruppi in Europa possano incitare la popolazione della regione a nuovi conflitti». L'agente ha poi confermato che la situazione è ancora tesa «perché le autorità di polizia sono molto lente a indagare sul caso del 29enne».

C'è poi l'assenza di una vera leadership: in un'intervista al portale asiatico Cabar, la giornalista affiliata alla Bbc Anora Sarkorova ha spiegato che i problemi nella regione sono principalmente causati dal fatto che i leader locali - scelti dal governo centrale - non hanno alcuna legittimità e nessun potere. «Finché alla popolazione locale non sarà permesso di scegliere i propri leader, il governo centrale dovrà costantemente bilanciare l'insoddisfazione della regione e la necessità di tenere la situazione sotto controllo».

Intanto i pamiri, isolati dal mondo, temono che la situazione possa degenerare, con una più rigida repressione dei diritti umani e delle libertà fondamentali.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-29 08:27:31 | 91.208.130.89