Immobili
Veicoli
Focolaio di Covid su una nave diretta a Tonga

OCEANO PACIFICOFocolaio di Covid su una nave diretta a Tonga

25.01.22 - 11:40
Sulla "HMAS Adelaide" della marina australiana ci sono 23 membri dell'equipaggio positivi al coronavirus
Reuters
Focolaio di Covid su una nave diretta a Tonga
Sulla "HMAS Adelaide" della marina australiana ci sono 23 membri dell'equipaggio positivi al coronavirus
La nave resterà al momento in mare, in attesa di una decisione del Governo tongano

NUKU'ALOFA - Uno dei principali timori del Governo tongano riguardo l'arrivo degli aiuti dall'estero è sin da subito stato quello che potrebbero portare il Covid in un Paese che finora ne è uscito perlopiù indenne. Detto, fatto: è stato rilevato un focolaio di coronavirus su una nave militare australiana diretta a Tonga per portare degli aiuti, dopo la devastante eruzione del vulcano sottomarino.

Si tratta della nave "HMAS Adelaide", riporta l'emittente australiana Abc, sulla quale sono risultati positivi 23 membri della marina. Tutti i contagiati hanno sintomi lievi, ha confermato il Governo di Canberra.

Il Ministro della difesa australiano, Peter Dutton, ha dichiarato che gli sforzi di soccorso non dovrebbero mettere a rischio gli autoctoni: «Non metteremo a rischio la popolazione di Tonga, ma allo stesso tempo vogliamo consegnare gli aiuti il più rapidamente possibile», ha detto a Sky News Australia. 

Sono quindi in corso dei colloqui con le autorità del Paese polinesiano: la nave rimarrà in mare, almeno fino a quando il Governo non avrà deciso se l'equipaggio potrà tentare di consegnare gli aiuti «senza contatto». Ciò potrebbe essere possibile grazie ad alcuni elicotteri presenti sulla fregata, che sarebbero in grado di consegnare gli aiuti e tornare alla nave senza che il personale tocchi terra. 

Tuttavia, Dutton ha chiarito che non si muoveranno prima di avere luce verde dalle autorità: «In definitiva siamo nelle mani del governo tongano», ha spiegato ai giornalisti.

Anche la Nuova Zelanda, il Giappone, la Cina e la Francia stanno inviando attrezzature, acqua e altri aiuti a Tonga. I primi voli di soccorso, lo ricordiamo, sono già atterrati nello stato del Pacifico la settimana scorsa. Per evitare una possibile diffusione del virus, gli equipaggi sono rimasti a terra solo per poco tempo.

L'eruzione del vulcano Hunga Tonga-Hunga Ha'apai è considerata una delle più gravi degli ultimi decenni. Lo tsunami provocato dal vulcano ha poi travolto l'arcipelago tongano, in particolare l'isola di Mango, dove non è rimasto pressoché nulla. Tutti gli abitanti sono stati trasferiti sull'isola principale di Tongatapu.

 

COMMENTI
 
andrea28 5 mesi fa su tio
Meglio farli morire di fame che contagiarli con la variante Omicron che in Svizzera ha causato ben due ricoveri...
Nandolf 5 mesi fa su tio
Hahahahahah😂🤣😂🤣🤣🤣
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE DAL MONDO