Immobili
Veicoli
Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
FRANCIA
59 min
Fermato un 18enne, preparava un attentato
Il giovane si era filmato mentre prestava fedeltà all'Isis. Il fermo risale a venerdì scorso
STATI UNITI
1 ora
Aperta la via ad un vaccino "jolly" anti-cancro
È stato testato con successo su topi e scimmie. Il preparato universale può superare le variazioni individuali
ITALIA
2 ore
Ruby ter, chiesti sei anni di carcere per Berlusconi
Una pena di cinque anni è invece la richiesta per Karima El Mahroug
STATI UNITI
3 ore
Strage in Texas, una bambina tentò di chiamare la polizia
Cominciano ad emergere i primi nomi e le prime storie delle vittime della sparatoria di Uvalde
TURCHIA
4 ore
NATO: tappa forzata ad Ankara per Svezia e Finlandia
Le delegazioni dei due paesi scandinavi sono nella capitale turca per trattare il veto di Erdogan.
REGNO UNITO
5 ore
«Partygate, molti comportamenti lasciano sgomenti»
Johnson si è assunto la «piena responsabilità», ma si è detto anche «sorpreso e deluso»
STATI UNITI
7 ore
Strage nella scuola in Texas, le reazioni si concentrano sulla questione delle armi
Da Barack Obama a Joe Biden, dal Papa fino a Matthew McConaughey, originario proprio di Uvalde
RUSSIA / SVIZZERA
7 ore
«Temo per la mia vita»
Boris Bondarev aveva rassegnato le sue dimissioni in segno di protesta contro l'aggressione all'Ucraina voluta da Putin.
STATI UNITI
8 ore
Pesante sconfitta in Georgia per Trump
Nelle primarie per la carica di governatore, il candidato sostenuto dall'ex presidente è stato sonoramente sconfitto.
SEGUI IL LIVE
UCRAINA
LIVE
Kuleba al WEF: «La Nato non fa letteralmente nulla»
«Bisogna uccidere la politica dell'export della Russia» ha aggiunto il ministro degli Esteri ucraino.
PAESI BASSI
03.03.2021 - 17:010
Aggiornamento : 17:22

Dall'Aja un'indagine sui «presunti crimini» in Palestina

La Corte penale internazionale ha aperto un'inchiesta in quanto c'è una «base ragionevole per procedere»

Mentre dalla Palestina giungono messaggi di soddisfazione, la reazione di Israele è molto dura.

L'AJA - La Corte penale internazionale ha dichiarato di avere aperto un'inchiesta sui «crimini» che si «presume siano stati commessi» a partire «dal 13 giugno 2014» in Palestina.

L'annuncio è arrivato tramite una dichiarazione pubblicata dalla Corte stessa: «Oggi confermo l'avvio da parte dell'Ufficio del Procuratore della Corte penale internazionale (CPI) di un'indagine sulla situazione in Palestina» ha affermato nella nota la procuratrice Fatou Bensouda.

La decisione di aprire un'indagine giunge dopo un «minuzioso esame preliminare» che è durato «quasi cinque anni», informa Bensouda, «durante i quali sono stati svolti anche regolari incontri con i rappresentanti dei governi di Palestina e Israele».

Secondo i risultati dell'indagine preliminare, consultabili qui, «c'è una base ragionevole per procedere», e alle vittime palestinesi e israeliane, oltre che alle comunità colpite, si invita alla pazienza. 

L'indagine, prosegue Bensouda, «sarà condotta in maniera indipendente, imparziale e obiettiva, senza timori o favori». In tal senso, la CPI conta sul sostegno e sulla cooperazione di tutte le parti coinvolte, «per determinare come la giustizia possa essere servita al meglio».

Per capire l'ambito territoriale della giurisdizione, una richiesta specifica era già stata inoltrata ai giudici della Camera preliminare della CPI, che hanno confermato che «la Corte può esercitare la sua giurisdizione penale nella situazione in Palestina».

Le prime reazioni - L'Autorità nazionale palestinese (Anp) ha appreso con soddisfazione la notizia della decisione della Cpi di aprire un'indagine, scrivendo in un comunicato ripreso dall'agenzia Keystone-SDA che si tratta di un passo «lungamente atteso» e funzionale «all'incessante ricerca palestinese di giustizia e responsabilità, pilastri indispensabili della pace che il popolo palestinese cerca e merita».

L'Anp ha poi comunicato di aver offerto la propria piena collaborazione all'inchiesta.

Toni completamente diversi quelli che provengono dal premier israeliano Benyamin Netanyahu, che ha definito il Tribunale dell'Aja «prevenuto» e ha dichiarato che «Israele da questa sera è sotto attacco».  Secondo il Primo Ministro, la decisione odierna è «l'essenza dell'antisemitismo e dell'ipocrisia».

Il Tribunale - ha continuato Netanyahu - «ha stabilito che i nostri soldati, eroici e morali, che combattono contro i terroristi fra i più crudeli sulla terra, proprio loro sono i criminali di guerra».

«Il Tribunale ha stabilito che quando noi costruiamo una casa nella nostra capitale eterna Gerusalemme questo - ha aggiunto - è un crimine di guerra. Un Tribunale composto per impedire che si ripetessero gli orrori compiuti a danno del popolo ebraico, si esprime adesso contro lo stato del popolo ebraico e non dice una parola contro l'Iran, la Siria ed altri regimi totalitari i quali davvero si macchiano di crimini».

«Di fronte ad un Tribunale così prevenuto resta solo una cosa da fare: combattere per la verità in tutte le assisi, difendere ogni soldato, ogni comandante, ogni cittadino. Combatteremo per la verità fino a quando - ha concluso - questa decisione scandalosa sarà annullata».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-25 18:55:43 | 91.208.130.89