Immobili
Veicoli
Archivio Keystone
Uno scatto delle proteste di novembre a Bangkok, quando il Governo ha bloccato l'accesso al sito.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
REGNO UNITO
1 ora
Per un giurato “disonesto” il processo a Maxwell è da rifare?
Era stato vittima di abusi da bambino e non l'aveva detto, secondo i legali della difesa questo inficia il procedimento
LIVE CORONAVIRUS
LIVE
La vaccinazione in Austria diventa obbligatoria
La misura entrerà in vigore dal prossimo 4 febbraio. È il primo Paese europeo a introdurla
STATI UNITI
3 ore
Si chiude il capitolo sulla Sindrome dell'Avana
La Cia ammette che il malore che ha toccato centinaia di americani non è stato causato da potenze straniere
GERMANIA
4 ore
Abusi a Monaco: «Scosso e mortificato»
Nei prossimi giorni Benedetto XVI esaminerà «con la necessaria attenzione» il rapporto
FOTO
YEMEN
5 ore
«Vasta operazione» saudita contro gli Huthi
Riad ha annunciato l'offensiva aerea in sostegno degli Emirati Arabi Uniti, colpiti da un attacco lunedì scorso
BRASILE
5 ore
Sono tanti, sono armati e hanno preso il controllo delle favelas
Le autorità hanno lanciato un programma per «cambiare la vita della popolazione» delle favelas di Rio
ITALIA
8 ore
L'incidente nel 1987, il risarcimento ora (ma ormai è deceduto)
L'uomo è purtroppo morto nel frattempo, i soldi andranno quindi ai famigliari
GERMANIA
10 ore
Abusi nella Chiesa tedesca, «Ratzinger non agì in 4 casi»
Un rapporto stilato da uno studio legale fa luce sia su chi avrebbe perpetrato gli atti, sia su chi li avrebbe occultati
ITALIA
11 ore
Terremoto in Calabria, evacuate le scuole
Il sisma ha avuto epicentro in mare, al largo di Vibo Valentia
ITALIA
11 ore
Italia: da oggi serve il Green pass per entrare da parrucchieri ed estetisti
Da febbraio sarà presumibilmente necessario il certificato per accedere ad uffici, servizi e negozi non essenziali
MONDO
11 ore
I morti per Covid-19 potrebbero essere molti di più di quello che pensiamo
Le vittime della pandemia, secondo un confronto pubblicato su Nature, potrebbero essere arrivate a quota 20 milioni
MONDO
09.12.2020 - 13:580
Aggiornamento : 14:18

Video in rete non consensuali, Pornhub stringe le viti

Caricamenti limitati, niente più download, e un team apposito per controllare le violazioni

La piattaforma è finita (nuovamente) al centro di una bufera mediatica in seguito a un rapporto pubblicato sul New York Times

MONTREAL - La nota piattaforma di materiale pornografico Pornhub ha infine deciso di stringere le viti per combattere il problema della diffusione di video non consensuali o con protagoniste ragazze (e ragazzi) minorenni.

Lo ha annunciato la piattaforma stessa ieri, dichiarando di aver messo in atto diverse misure per contrastare questa piaga, di cui si discute ormai da tempo.

Pornhub, di proprietà dell'azienda Mindgeek, è finito spesso al centro della bufera nel corso di quest'anno, inizialmente a causa di una petizione lanciata dall'associazione "Exodus Cry" (che ha raggiunto oltre 2 milioni di firme), e in seguito, pochi giorni fa, dopo un report di Nicholas Kristof, del New York Times, che ha messo in luce la testimonianza di alcune ragazze minorenni, illustrando come la diffusione di alcuni video possa avere gravi e allarmanti conseguenze sulle persone coinvolte.

Nel suo comunicato, Pornhub parla di una revisione indipendente iniziata ad aprile, e non nomina il rapporto realizzato dal Premio Pulitzer Kristof. Tuttavia, l'importanza dell'inchiesta da parte del New York Times sembra possa aver avuto un ruolo chiave, in quanto ha scatenato una marea di reazioni negative contro l'azienda. A subire pressioni sono stati anche diversi partner commerciali della piattaforma, come ad esempio Mastercard e Visa, che sono stati subissati di richieste per tagliare ogni legame con Pornhub.

Le misure più importanti sono tre - In primis, Pornhub ha dichiarato che non accetterà più il caricamento di video da parte di utenti non identificati. Un cambiamento quasi rivoluzionario per una piattaforma che ha costruito il proprio successo su questo tipo di video non professionali.

La seconda politica riguarda i download: scaricare direttamente i contenuti video non sarà più possibile. Per il momento, solamente i video pubblicati dagli utenti verificati e conosciuti al sistema potranno essere scaricati. 

Infine, la piattaforma ha costituito un nuovo team dedicato a spazzare via i contenuti già caricati che possano contenere eventuali violazioni, che si occuperà anche di scoprire qualsiasi possibile falla nel sistema di moderazione.

Oltre a queste misure, Pornhub ha dichiarato che ha fatto partire un programma con diverse organizzazioni no-profit per la segnalazione e la rimozione di video e di avere in programma la pubblicazione di un rapporto sulla trasparenza dell'azienda, previsto nel 2021.

Le reazioni - Riguardo ai cambiamenti annunciati, Kristof si è espresso su Twitter, mostrando ottimismo ma anche cautela. «Molto dipenderà da come e quanto responsabilmente Pornhub implementerà queste nuove politiche». Per il momento «non ha guadagnato la mia fiducia», ma la strada è buona: «i primi passi sembrano significativi». Comunque, un occhio va dato anche alle altre piattaforme: «Dovremmo allargare l'obiettivo per guardare ad altre aziende, che dovrebbero essere costrette ad adottare e far funzionare misure simili».

È «una vittoria importante» per l'associazione ExodusCry, che ha esternato la propria soddisfazione con un comunicato: «Stiamo festeggiando quest'enorme pietra miliare!».

Ma il traguardo non è ancora raggiunto, secondo l'associazione. «Pornhub deve ancora pagare per gli anni di complicità criminale e per le vite che hanno rovinato». In particolare, secondo ExodusCry, la piattaforma «deve scusarsi e fornire un compenso a tutte le vittime, le cui vite sono state distrutte».

Perciò, l'associazione continuerà a lottare «affinché la piattaforma venga indagata e perseguita penalmente per le violazioni che ha perpetrato».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-20 23:17:30 | 91.208.130.85