Deposit
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
5 ore
«Al-Qaida può attaccare gli Usa nel giro di un anno»
I vertici militari americani sotto torchio sul ritiro delle truppe dall'Afghanistan
STATI UNITI
5 ore
Innesca un incendio e spiega: «Cercavo di bollire dell'urina di orso»
Le autorità pensano che la 30enne possa essere una piromane seriale
SVEZIA
6 ore
Göteborg, il sospetto di un ordigno esplosivo
Il bilancio dei feriti si è aggravato: sono quattro, la loro vita non dovrebbe essere in pericolo
SPAGNA
7 ore
Dal fiume Nervión una ragazza che annega
Si tratta di un'installazione artistica per sensibilizzare sulla crisi climatica
ITALIA
9 ore
Due operai trovati morti nel deposito dell'azoto liquido
È successo alla clinica Humanitas di Rozzano, ancora poco chiara la causa all'origine dell'incidente
STATI UNITI
9 ore
Il killer della strage nelle spa: «Non colpevole»
La procuratrice, lo ricordiamo, intende chiedere la pena di morte per Robert Aaron Long
GIAPPONE
9 ore
Tartaruga sulla pista: aerei in ritardo
Tra gli aerei rimasti a terra più del dovuto vi era anche un Airbus A380 decorato come una tartaruga
EGITTO / ITALIA
10 ore
Zaki, nuovo rinvio al 7 dicembre
«La campagna per liberarlo continua» afferma Amnesty International
STATI UNITI
11 ore
R. Kelly condannato, il sollievo delle vittime
«Sono pronta per iniziare a vivere la mia vita libera dalla paura» ha dichiarato una di esse
ITALIA
12 ore
Controllo del Green Pass: 236 violazioni
Cinque persone sono state denunciate per aver utilizzato un certificato di un'altra persona, o un test Covid falso
Italia
12 ore
Inaugurato il memoriale in ricordo alle vittime del sisma
Non sono mancate le polemiche dai familiari delle vittime per l'invito tardivo alla cerimonia. In molti non sono andati
ITALIA
14 ore
Greta a Milano... «ma non mi aspetto molto»
Sono in corso due eventi con attivisti e politici provenienti da tutto il mondo, per affrontare la crisi climatica
SYDNEY
03.11.2020 - 07:230

C'è tutto un mondo di plastica nei nostri oceani

Lo studio: fino a 3 chilometri di profondità, ci sarebbero almeno 14 milioni di tonnellate di pezzi di plastica

di Redazione

SYDNEY - È proprio vero che al peggio non c’è mai fine. E quando si parla di inquinamento e di ambiente la soglia si sposta sempre più in alto o in basso a seconda di come si vuole vedere la questione, comunque in negativo. Proprio nel basso, parlando di fondali degli oceani è scattato l’ennesimo allarme sul fronte della presenza sempre più massiccia di plastica nei mari che, secondo un recente studio, sarebbe di gran lunga maggiore di quella visibile a occhio nudo in superficie. Insomma l’ennesima bomba ambientale che rischia di far capitolare i già precari equilibri del nostro ecosistema.

Lo studio si intitola “Microplastic Pollution in Deep-Sea Sediments From the Great Australian Bight” (Inquinamento da microplastiche nei sedimenti delle acque profonde australiane) ed è stato pubblicato su Frontiers in Marine Science. Justine Barret e Denise Hardesty, ricercatrici del Csiro (Commonwealth Scientific and Industrial Research Organisation, agenzia scientifica governativa australiana) principali autrici dell’indagine, hanno cercato di far luce con numeri e considerazioni sul fenomeno increscioso dell’inquinamento dei fondali marini dove, secondo i suoi dati basati sull'analisi dei sedimenti oceanici fino a 3 chilometri di profondità, ci sarebbero almeno 14 milioni di tonnellate di pezzi di plastica di larghezza inferiore a 5 millimetri: una quantità 30 volte superiore a quella che galleggia in superficie, 25 volte superiore rispetto ai precedenti studi in acque profonde. Lo studio è stato condotto grazie a un robot sottomarino in grado di immergersi fino a 3000 metri di profondità, in siti distanti dalla costa anche 380 chilometri. I ricercatori hanno esaminato 51 campioni e hanno scoperto che, una volta escluso il peso dell’acqua, ciascun grammo di sedimento conteneva in media 1,26 frammenti di microplastica.

La stessa ricercatrice Hardesty è stata molto dura nella sua denuncia a margine della pubblicazione della ricerca: «Questo significa che in acqua si trova ovunque. E ci fa riflettere sul mondo in cui viviamo e sull'impatto delle nostre abitudini di consumo su quello che è considerato un luogo incontaminato – ha proseguito - dobbiamo assicurarci che il grande mare blu non sia un grande bidone della spazzatura. Questa è un'ulteriore prova che dobbiamo fermare tutto questo alla fonte», spiegando che non è possibile stabilire da quanti anni questi piccoli pezzi di plastica si trovano sul fondo degli oceani né il tipo di oggetto di cui, una volta, facevano parte.

Le ha fatto eco la Barret: «La nostra ricerca fornisce la prima stima globale della quantità di microplastica presente sul fondo marino. Anche l’oceano profondo è interessato dal problema dell’inquinamento da plastica. I risultati dimostrano che le microplastiche stanno davvero affondando sul fondale dell’oceano».

La dottoressa Julia Reisser, biologa marina all’Istituto oceanico della University of Western Australia, studia l’inquinamento da plastiche da 15 anni. «Scoprire dove sia la plastica è una vera ossessione per la comunità delle scienze marine».

L’inquinamento delle acque del nostro pianeta è a uno stadio così avanzato che, entro il 2050, si stima che il 99% degli uccelli marini (come il gabbiano) avrà ingerito della plastica. Sarebbe il caso di fare marcia indietro…tutti.

Microplastiche, cosa sono e quanto fanno
Se ne parla tanto, sempre di più come la nuova piaga dell’inquinamento, soprattutto marino. Le microplastiche sono quelle piccole particelle di plastica che inquinano i nostri mari e oceani. Hanno un diametro compreso tra i 330 micrometri e i 5 millimetri. Sono il frutto dello scioglimento della plastica dispersa nell’ambiente e che si discioglie in frammenti più piccoli per svariate cause, dall’effetto dei raggi ultravioletti al vento, dalle onde ai microbi e alle alte temperature. Questi frammenti finiscono di fatto nella catena alimentare degli esseri viventi marini, ingerita e accumulata nel corpo e nei tessuti di molti organismi. Il 15-20 per cento delle specie marine che finiscono sulle nostre tavole contengono microplastiche, la percentuale salirebbe addirittura al 73 per cento tra i pesci che vivono tra i 200 e i 1.000 metri di profondità. Il tutto poi arriva sulle nostre tavole e nel nostro di organismo…

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-29 02:06:16 | 91.208.130.89