Immobili
Veicoli
keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
4 ore
Sparatoria alle elementari: morti 14 bambini
School shooting in Texas. La strage è tra le più gravi nella storia recente degli Stati Uniti
SVIZZERA/MONDO
4 ore
«Parlare con Putin? Non vale la pena discutere con un malato»
Il sindaco di Kiev era ospite in remoto del Wef: «Ogni euro dato alla Russia è sporco di sangue ucraino»
ITALIA
4 ore
Vaiolo delle scimmie, un caso in Lombardia
È il primo, ed è stato diagnosticato all'ospedale Sacco di Milano
GERMANIA
5 ore
Schroeder è uscito da Gazprom
L'ex cancelliere lo ha annunciato tramite Linkedin
MONDO
7 ore
Chi c'è dietro il volto dell'OMS: «Sono un figlio della guerra»
Il volto della risposta globale alla pandemia è stato rieletto: «La guerra mi segue da sempre»
UCRAINA: SEGUI IL LIVE
LIVE
Sarà un mese molto difficile per il Donbass
La Commissione Ue: «Putin sta usando il tema alimentare come un'arma». E «l'impatto si sente non solo sull'Ucraina».
ITALIA
8 ore
Quinto caso di vaiolo delle scimmie in Italia
I campioni isolati sono identici a quelli rintracciati in Portogallo e Germania
STATI UNITI
8 ore
New York saluta l'ultimo telefono pubblico
Verrà esposto al Museo della città come parte di una mostra che ripercorre la vita prima dei computer
STATI UNITI
9 ore
Un piano dell'Isis per uccidere George W. Bush
L'Fbi ha scoperto il piano grazie a due informatori e alla sorveglianza sull'account WhatsApp della mente dell'attacco
GERMANIA
11 ore
«21 giorni d'isolamento per chi contrae il vaiolo delle scimmie»
Lo ha annunciato oggi a Brema il Ministro della Sanità tedesco, Karl Lauterbach
GERMANIA
14 ore
Scontro tra un treno e un bus a Ulm
I due conducenti e alcuni passeggeri avrebbero riportato gravi ferite
RUSSIA
15 ore
Confermati in appello i nove anni a Navalny
Il dissidente russo ha perso in appello
UNIVERSO
16.09.2020 - 06:010
Aggiornamento : 09:35

Scoprire la vita su Venere, per ritrovarla anche fuori dal Sistema Solare

L'esobiologo John Robert Brucato, soddisfatto della scoperta tutta europea, appella comunque alla prudenza

È stata trovata della fosfina, che viene prodotta dalla presenza di vita, nell'atmosfera di Venere. «Ma non è da escludere che possano averla formata altri processi» ci ha detto l'esperto.

LUGANO / FIRENZE - La notizia del momento, in ambito astronomico, è la scoperta di tracce di fosfina nelle nubi di Venere, una sostanza che suggerisce la presenza di vita.

Ma di cosa si tratta?, e indica davvero che c'è vita? Per fare chiarezza, il team di Tio.ch / 20 Minuti ha contattato l'esperto astrobiologo John Robert Brucato, autore di oltre 240 lavori di ricerca sull'argomento e membro del team scientifico per la ricerca di composti organici su Marte con il rover ExoMars 2020.

La scoperta, lo ricordiamo, è stata pubblicata sulla rivista "Nature Astronomy" dagli astronomi dell'Università di Cardiff, con a capo Jane Greaves.

Quindi, c'è vita su Venere? 
«Non è sufficiente aver visto la presenza della fosfina per confermare la presenza di vita. Nonostante la fosfina venga prodotta da batteri o in generale dalla presenza di vita (almeno, questo succede sulla Terra), non è da escludere che ci possano essere anche altri processi di tipo geologico responsabili della formazione della fosfina».

Ma cos'è la fosfina?
«È una molecola composta da fosforo e tre atomi di idrogeno, che solitamente viene prodotta dalla decomposizione degli organismi viventi, e ha quindi un odore nauseante. È anche ad esempio la responsabile dei fuochi fatui, appunto dovuti alla decomposizione. Il fatto interessante è che questa fosfina si trovi nell'atmosfera di Venere e che quindi metta a disposizione il fosforo in una forma reattiva. Solitamente il fosforo si trova nella forma ossidata, nei fosfati (nelle rocce), ed è quindi difficile che possa essere utilizzata per i processi biologici».

Queste "forme di vita" si trovano solo nell'atmosfera?
«Sulla superficie di Venere si registrano 450 gradi centigradi, e ci sono venti estremamente imponenti, che spazzano tutto il pianeta a circa 300km/h: è un posto inospitale. È negli strati alti dell'atmosfera, a circa 60km, che le condizioni sono più ideali, e simili a quelle terrestri».

Ma si tratterebbe di forme di vita a noi conosciute?
«Questi microrganismi che si possono trovare su Venere, ammesso che esistano, vivrebbero chiaramente in una condizione estrema, essendo l'ambiente molto acido, e potrebbero quindi essere paragonati a quell che vengono comunemente chiamati estremofili, e che esistono anche sulla Terra. Come dice il nome, sono batteri che vivono in condizioni estreme».

La fosfina è mai stata individuata altrove, nell'atmosfera di altri pianeti? 
«Sì, si trova anche su Giove, o Saturno. I processi per poterla formare sono molteplici, ma nulla giustifica la presenza di fosfina nell'abbondanza che si è registrata su Venere. Il problema è che Venere si trova molto vicino al sole, e che quindi questa fosfina sarebbe continuamente degradata dall'irraggiamento solare. Invece, il fatto che continui a persistere nell'atmosfera lascia presumere che ci sia una sorgente che rifornisca continuamente l'atmosfera di fosfina».

Venere non è stata analizzata tanto quanto Marte, come mai?
«Sicuramente andare su Venere è molto più complicato, proprio perché è un pianeta che ha una temperatura superficiale molto elevata. Ci sono quindi state poche missioni, e le prime sono anche fallite. Un altro problema è che gli strumenti durano pochissimo: non riescono sopportare queste condizioni. Oltre a russi e americani, c'è stata anche una missione europea, Venus Express, che ha orbitato attorno al pianeta, studiandone l'atmosfera e le condizioni generali».

Quali sono le implicazioni principali della ricerca? A cosa porterà?
«Uno dei punti cruciali è sicuramente capire se la fosfina è prodotta anche da processi non biologici, di tipo geologico, per giustificarne la presenza. Per quanto riguarda la ricerca di vita su altri pianeti, quello che si fa è cercare di studiare l'ambiente del nostro sistema solare, insomma i nostri vicini di casa (come Venere, o Marte), per poi confrontare questi risultati con i dati che ci giungono dai pianeti extrasolari, e ora possiamo cercare d'investigare la presenza di fosfina anche su altri pianeti».

Una scoperta tutta europea!
«Esatto, è stato utilizzato un array di telescopi europei, e questo dimostra che anche l'Europa ha le capacità di fare ricerca di punta. Questa collezione di radiotelescopi, che si trova in Cile, è unica al mondo. È sicuramente un ottimo risultato tutto europeo».

keystone-sda.ch (ESO/M. Kornmesser/L. Cal?ada & N)
Guarda le 3 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-25 02:39:10 | 91.208.130.87