keystone-sda.ch (CIRO FUSCO)
Una delle zone isolate a Mondragone, cittadina della Campania in cui è stato rilevato un nuovo focolaio del virus.
ITALIA
27.06.2020 - 20:100

Una seconda ondata come la Spagnola? «Non siamo nel 1918»

Il primario Massimo Galli si dice scettico su un ritorno feroce in autunno. La guardia però deve restare alta

MILANO - Con la diffusione del coronavirus prosegue anche il botta e risposta tra esperti, divisi nei propri punti di vista su un’eventuale seconda ondata, come nel caso di Ranieri Guerra dell’Oms e Massimo Galli, primario dell’ospedale Sacco di Milano.

A livello globale la pandemia sta accelerando. I casi confermati a livello globale raggiungeranno la quota di dieci milioni nelle prossime ore. Di questi, oltre 194mila sono stati registrati nella sola giornata di ieri. Un primato dall’inizio dell’emergenza, alimentato soprattutto da Stati Uniti, America Latina e Medio Oriente.

«Si riprese ferocemente dopo l'estate» - Che la pandemia non sia conclusa è un dato di fatto. E proprio ieri il direttore aggiunto dell’Oms aveva lanciato un appello a mantenere alta la guardia, evidenziando un andamento della situazione speculare a quello di oltre un secolo fa. «Andò giù in estate per riprendersi ferocemente a settembre e ottobre, facendo 50 milioni di morti», ha detto in diretta su Rai3. «Tutte le precauzioni che stiamo prendendo - ha concluso - hanno l’obiettivo di circoscrivere la circolazione del virus quando questa riprenderà».

«Non siamo nel 1918» - Di avviso differente è il professor Massimo Galli, che ha espresso alcune ore dopo a "Otto e Mezzo" su La7 il proprio scetticismo in merito a una possibile ripresa autunnale della pandemia. «Il virus si sta rendendo capace di serpeggiare dall'emisfero settentrionale a quello meridionale e viceversa, questo potrebbe essere il motivo della ripresa autunnale ma non necessariamente con una seconda ondata e con le conseguenze della Spagnola, non siamo più nel 1918».

E per quanto riguarda i nuovi focolai rilevati in Italia? «Mi auguro - ha detto Galli - che sia espressione della capacità affinata di fare interventi a livello territoriale e accorgersi di fenomeni come questi prima che sia troppo tardi. Alcuni di questi fenomeni hanno connotazioni preoccupanti e ci dicono che la storia non è finita».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Heinz 6 gior fa su tio
Effettivamente oggi siamo come 1918 tutti ammucchiati in una trincea, malnutriti, pieni di feriti in battaglia e curati alla buona in ospedali da campo. Nel 1918 le frontiere erano veramente chiuse dal peggior conflitto europeo, ma non servì a nulla a quanto pare!!!
Maxy70 6 gior fa su tio
Nel 1918 l'umanità usciva stremata dal primo conflitto mondiale, la situazione in ambito sanità, assistenza, igiene e nutrizione non é paragonabile con quella odierna, quantomeno nei paesi occidentali.
miba 6 gior fa su tio
Gli scienziati non sapevano che arrivava il covid19, non si sono accorti che sta scomparendo ma prevedono ondate..... Forza con il lavaggio del cervello!
spank77 6 gior fa su tio
Alla fine testare tutti non sarebbe una così cattiva idea...
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-04 15:11:11 | 91.208.130.85