Immobili
Veicoli
Keystone - foto d'archivio
ITALIA
17.05.2020 - 21:450

«È il momento della sierologia e i furbi hanno fiutato il business»

Alla vigilia della "nuova" fase due italiana, l'epidemiologo Lopalco ha condiviso la sua analisi sui test sierologici

ROMA - L'Italia è pronta alla “nuova” fase 2. A due settimane dai primi allentamenti, da domani cadranno le limitazioni alle libertà personali, che permetteranno libertà di movimento a tutti (all’interno dei propri confini regionali, salvo motivazioni di lavoro o urgenza, fino al prossimo 2 giugno). La formula “magica”, più volte evocata in queste settimane, per gestire il momento è quella delle cosiddette tre “T” (tracciamento, trattamento e test). E sull’ultima di queste l’epidemiologo Luigi Lopalco ha invitato ad essere cauti.

«C'è stato il momento della richiesta popolare dei tamponi a tappeto. Ora è il momento della sierologia. La spinta popolare a fare il test sierologico è forte e, ovviamente, i furbacchioni hanno fiutato odore di business a lunga distanza», ha scritto Lopalco in un lungo post sulla sua pagina Facebook.

Sulla questione dei tamponi, l’epidemiologo non si perde in ampie perifrasi: «Spero la gente abbia capito che un tampone negativo alle ore 8:00 non esclude l'essere positivo alle ore 8:01». Per quanto concerne invece i test sierologici, Lopalco ne sottolinea l’utilità «come screening di popolazione per evidenziare la circolazione inapparente del virus». Il discorso immunità, con le relative garanzie, è però un altro. 

«Gli anticorpi iniziano ad essere identificabili a partire dalla fine della seconda settimana dopo l'inizio dei sintomi, quindi più o meno alla fine della terza settimana da quando abbiamo contratto l'infezione. Questo significa che se io risulto oggi positivo agli anticorpi, comunque per due-tre settimane ho potuto contagiare allegramente chi mi stava vicino. Non serve dunque a identificare i portatori». Inoltre, prosegue Lopalco, esiste una «finestra temporale in cui sono presenti gli anticorpi, ma comunque anche il tampone è positivo».

In altre parole, i test sierologici - ricordando che i risultati dipendono anche dalla qualità del test stesso - non possono ugualmente fornire garanzie assolute di non contagiosità. «Purtroppo - conclude l’epidemiologo -, per verificare la presenza di anticorpi davvero protettivi bisogna fare un test assai complesso che richiede la verifica della neutralizzazione del virus su una coltura cellulare».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-27 17:54:35 | 91.208.130.85