Immobili
Veicoli

CANTONE«Il Ticino è sfigatissimo»

05.08.22 - 13:19
La Lega tuona dopo il nuovo record di frontalieri
tipress
«Il Ticino è sfigatissimo»
La Lega tuona dopo il nuovo record di frontalieri

BELLINZONA - Non sono tardate ad arrivare le reazioni al nuovo record di frontalieri registrato in Ticino. Gli oltre 75mila permessi G (75.795 per la precisione), mille in più in tre mesi, sono andati di traverso alla Lega dei ticinesi.  

In un comunicato odierno il Movimento di via Monte Boglia parla di «caso nazionale» e invoca «misure di salvaguardia a favore del nostro mercato del lavoro» da parte di Berna che «continua a tenere gli occhi chiusi». La Lega punta il dito anche contro l'Istituto di ricerche economiche (IRE) dell'Usi, che ha attribuito l'aumento dei frontalieri alla fase di crescita dell'economia ticinese. 

Il tasso di disoccupazione in Ticino - ha sottolineato l'IRE sulla stampa - è calato dal 2,9 per cento al 2,3 per cento a giugno, con il 18 per cento in meno di iscritti agli uffici di collocamento. La Lega ribatte facendo riferimento all'indicatore ILO, che considera le persone senza lavoro tra 15 e 74 anni e in Ticino era al 6,6 per cento nel primo trimestre 2022 (ultimo dato disponibile). 

Un dato ben superiore, anche se in calo anch'esso dopo i picchi pandemici (era del 7,2 per cento nel trimestre precedente). In Ticino, sottolinea la Lega ironicamente, il tasso di disoccupazione ILO è superiore perfino rispetto a quello della vicina Lombardia. 

Per il Movimento, il Ticino è «un cantone sfigatissimo» in cui al dumping salariale si sommano gli aumenti di cassa malati, i rincari dell'energia e della benzina, mentre «i frontalieri beneficiano a piene mani in busta paga del rafforzamento del franco svizzero sull'euro». In queste circostanze, per la Lega «l’introduzione di clausole di salvaguardia serie ed efficaci per il mercato del lavoro ticinese si rende indispensabile».

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE TICINO