tipress
CANTONE
13.05.2020 - 12:210

Telelavoro a oltranza: scatta la mozione

I deputati del Ps chiedono al Cantone di "lasciare a casa" il maggior numero possibile di dipendenti pubblici

BELLINZONA - Prolungare "a oltranza" il telelavoro per i dipendenti pubblici e para-pubblici in Ticino. Un modo per abbattere il rischio contagi, ma anche l'impatto ambientale. È quanto chiedono al Consiglio di Stato i deputati del Partito socialista, in una mozione presentata ieri. 

Il gruppo parlamentare socialista fa una richiesta precisa al governo: «Dare ai funzionari dirigente la possibilità di accordare il telelavoro in tutto o in parte ai dipendenti» e in particolare «a quelli che devono fare lunghi tragitti con i mezzi pubblici e usufruiscono di un abbonamento TiLo». Un'altra categoria da "lasciare a casa" secondo il Ps sono i dipendenti a rischio per motivi di salute, e i famigliari curanti.  

Una soluzione per ridurre il rischio di contagio, ma non solo. Una volta superata la fase di crisi, secondo i granconsiglieri del Ps «il lavoro a domicilio dovrebbe venire promosso su larga scala» anche per i dipendenti cantonali che utilizzano l'auto per andare in ufficio. Questo «per ridurne l'impatto ambientale, nell'ottica di una risposta proattiva all'emergenza climatica». 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-06-04 01:38:50 | 91.208.130.89