Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
7 ore
«Il trasferimento degli uffici a Cornaredo è una condanna a morte»
Gli esercenti del centro ritornano a discutere sul nuovo quartiere, in tempi di Covid
FOTO
CANTONE
9 ore
"Verso l'ospedale senza fumo", anche a Bellinzona
Nella "Giornata mondiale senza tabacco", l’Ospedale Regionale Bellinzona e Valli offre un contributo concreto
FOTO E SONDAGGIO
LUGANO
10 ore
Biciclette alla conquista delle corsie bus
A Lugano è in corso la posa della nuova segnaletica per le due ruote
FOTO
BELLINZONA
13 ore
Il mercato di Bellinzona ha messo la mascherina
Oggi ne sono state distribuite agli avventori che non ne erano provvisti: si tratta di una misura prevista dalla Città
CONFINE
15 ore
«L'Italia non è un lazzaretto»
Lo dice il ministro degli esteri Di Maio. Dal 3 giugno si potrà entrare nel paese senza quarantena
CANTONE
17 ore
Coronavirus: zero contagi e nessun nuovo decesso in Ticino
I dati sull'evoluzione dell'epidemia si confermano incoraggianti.
CANTONE
18 ore
Apprendistato: qui i posti ci sono
In settimane delicate per chi cerca la propria strada, ci sono due settori che assicurano opportunità «affascinanti».
AGNO
1 gior
«Galleria della circonvallazione: occhio che frana tutto»
Secondo il municipale Giancarlo Seitz il futuro tunnel andrà a toccare un pendio già instabile
BERNA / COMANO
1 gior
Rsi accusata di copertura elettorale sbilanciata
L'AIRR ha accolto il ricorso di Xenia Peran in merito alle elezioni federale del 20 ottobre 2019
CANTONE
1 gior
L’UDC difende i ticinesi per la sanità cantonale
«Veglieremo che misure e potenziamenti di posti di formazione e di impieghi supplementari siano destinati ai residenti»
CANTONE
1 gior
Colonie artistiche confermate al MAT
Il semaforo verde è scattato grazie agli allentamenti voluti dal Consiglio federale.
MENDRISIO
1 gior
Orario ridotto al pronto soccorso pediatrico? «Frutto di un'inesatta comunicazione interna»
L'EOC ha precisato che la riduzione degli orari di apertura è stata valutata, ma non è mai entrata in vigore.
LUGANO
1 gior
La frontiera del sesso
Elena racconta come si immagina la riapertura dei locali erotici
CANTONE
01.08.2018 - 12:030
Aggiornamento : 16:48

Salmo svizzero nelle scuole: «A che punto siamo?»

Un'interrogazione firmata da 18 deputati chiede di fare luce sull'introduzione dell'insegnamento decisa dal Gran Consiglio nel 2013

LUGANO - A che punto siamo con l’insegnamento del Salmo svizzero nelle scuole? A sollevare nuovamente la questione - non a caso proprio nel giorno del Natale della Patria - è un’interrogazione interpartitica che reca la firma di Tiziano Galeazzi (primo firmatario) e 17 altri deputati di UDC, Lega, PLRT e PPD.

L’insegnamento del Salmo nelle scuole dell’obbligo ticinesi - lo ricordiamo - fu oggetto nel 2008 di una mozione presentata dall’oggi Consigliere nazionale Marco Chiesa, ai tempi deputato, che ne chiedeva l’introduzione obbligatoria ispirandosi al “modello argoviese”, approvato in quegli stessi giorni dal Parlamento.

La discussione approdò in seguito per due volte sui banchi del Gran Consiglio. Una prima volta nel febbraio del 2013, con il rinvio della proposta in Commissione speciale scolastica, ed una seconda nel maggio dello stesso anno, accompagnata da due rapporti: uno di maggioranza contrario alla mozione ed uno di minoranza favorevole. Bocciato il primo, quello di minoranza - e con esso la mozione - fu invece accolto con 49 voti a favore, 22 contrari e 5 astensioni.

Ed è proprio alla luce di questo risultato che Galeazzi e cofirmatari interrogano il Consiglio di Stato, chiedendo di confermare l’avvenuta introduzione dell’insegnamento del Salmo svizzero, indicandone inoltre le modalità attraverso cui questo viene impartito.

«Quali tipi di verifiche ha eseguito il DECS per accertarsi che il Salmo svizzero sia insegnato in tutte le sedi del Cantone?» chiedono inoltre i firmatari, invitando il Governo a fare luce sia sulle modalità adottate dal DECS in materia di verifica dell’uniformità di insegnamento che sulle sanzioni previste in caso di non rispetto dell’obbligatorietà stabilita dal Parlamento ticinese.

Le domande al Consiglio di Stato

  • Dal 2013 ad oggi nelle scuole dell’obbligo ticinesi è stato introdotto l’insegnamento del Salmo svizzero come richiesto dal Parlamento
  • Quali sono le modalità di questo insegnamento e chi lo impartisce?
  • Vista l’obbligatorietà decisa dal Gran Consiglio, quali tipi di verifiche ha eseguito il DECS per accertarsi che il Salmo svizzero sia insegnato in tutte le sedi del Cantone?
  • Se il DECS non fosse in grado di confermare l’uniformità dell’insegnamento, come intende lo stesso provvedere affinché le disposizioni parlamentari siano rispettate?
  • Vi sono sedi o docenti che non rispettano l’obbligatorietà dell’insegnamento? Se del caso per questi sono previste delle sanzioni?

Firmatari

Tiziano Galeazzi, UDC (La Destra) (primo firmatario) Sergio Morisoli, UDC (La Destra) Gabriele Pinoja, UDC (La Destra) Lara Filippini, UDC (La Destra) Paolo Pamini, UDC (La Destra) Cleto Ferrari, UDC (La Destra), Daniele Casalini, LdT Lelia Guscio, LdT Giorgio Pellanda, PLRT Boris Bignasca, LdT Massimiliano Robbiani, LdT Nadia Ghisolfi, PPD-GG Omar Balli, LdT Andrea Giudici, PLRT Alex Pedrazzini, PPD-GG Bruno Buzzini, LdT Fabio Schnellmann, PLRT Raffaele De Rosa, PPD-GG

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Equalizer 1 anno fa su tio
Il salmo... ieri in una bellissima battuta a Rete Tre dicevano che se cantano il salmo andando all'attacco partendo da Lugano quando arrivano a Melide stanno già dormendo tutti nel schalfsack :):):)
hcap76 1 anno fa su tio
Noi abbiamo 5 figli di cui 3 che frequentano la 3a la 4a elementare e una la 1a media..del salmo svizzero nemmeno l'ombra !!! BISOGNEREBBE PRIMA INSEGNARLO AD ALCUNI DOCENTI IN PRIMIS!!! NO KOMMENT!!! Vorrei comunque riallacciarmi al discorso del rispetto reciproco ecc ecc. Mia figlia viene bullizzata da 5 anni e fino ad oggi dalla scuola solo belle parole e basta poi quando un genitore sbrocca perchè non ne può più,fanno intervenire pure l' FBI...Ma fatemi il piacere..sono d'accordo con l'insegnamento del salmo della storia e tutto quello che riguarda la Svizzera ma ridarei un occhiata alla lista delle materie da insegnare e alla priorità..
siska 1 anno fa su tio
@hcap76 Buonasera hcap76, mi dispiace molto per sua figlia e naturalmente per lei come genitore. Il problema sta nell'indifferenza dilagante, a partire dalla politica stessa, da certi docenti che non avendo risorse opportune ad aiutare chi é in difficoltà e ad insegnare a chi bullizza in continuazione che c'é un limite a tutto. Il problema del bullismo é molto profondo e dovuto ad una decadenza nei rapporti umani, il rispetto verso il prossimo, in questo caso il buon rispetto verso un compagno/a di scuola non vien neppure tenuto in considerazione dai bulli perché probabilmente non gli é stato insegnato già in tenera età e quando arrivano a scuola pur di essere sempre al centro dell'attenzione cercano in tutti i modi di trovare un/una compagno/a da "sacrificare" ma d'obbligo per loro richiamare a sé altri compagni di merende per sentirsi più forte. I bulli o le bulle sono generalmente deboli caratterialmente perché se presi da soli non avrebbero il coraggio di "marchiare" qualcuno solo perché quel qualcuno non cede al loro narcisismo. Io li definirei dei piccoli mascalzoncelli senza arte né parte ed é solo la vita medesima che potrebbe riservargli delle belle sorprese....magari a loro volta essere messi da parte da futuri colleghi/ghe di lavoro, da compagni/e università o da altre entità che di sicuro entreranno nelle loro vite. Le ripeto dispiace per la situazione che dopo 5 anni non é ancora stata risolta...oserei dire é una vergogna questa scuola!
Mattiatr 1 anno fa su tio
@hcap76 L'importante è insegnare la storia delle altre religioni prima delle nostre tradizioni. Io ho avuto la fortuna di avere due docenti alle elementari che a pochi anni dalla pensione si fomentavano creando una forza di spirito sbalorditiva. Con loro ho imparato il significato di tutti gli stemmi degli ex comuni prima della fusione, in 4 elementare facemmo una ricerca su due leggende dei nostri paesi di 5 pagine a testa, cosa che tutt'oggi in 4° apprendistato crea lamenti ai colleghi dei altre scuole. Tutte le gite svolte durante il percorso scolastico elementare furono passeggiate agli agli alpi e in montagna. Ci hanno insegnato come e cosa facevano e vivevano i nostri nonni, anche se non dettagliatamente. Le fondamenta per costruirsi una sana curiosità sul nostro passato sono state fatte di un materiale solido. Tanto che oggi, a 9 anni dall'ultima lezione elementare faccio ancora di tanto in tanto ricerche sul luogo che vivo.¶ Io trovo che l'istruzione ticinese sia troppo anonima, ti insegnano materie così generali per evitare di discriminare che si dimentica di riservare spazio alla nostra storia, ci tramandano gli eventi importanti ma non cosa c'è stato prima di noi. Insegnano la storia nazionale in una maniera così stratta che a volte pare quasi non coinvolgerci. E posso dire di avere un'esperienza piuttosto recente di quanto dico.
siska 1 anno fa su tio
Invece di parlare e discutere sul salmo svizzero cari politici, cominciate ad introdurre nelle prime elementari in poi l'insegnamento del rispetto reciproco tra femmine e maschietti ed insistere affinché ognuno di loro possa imparare ad a comprendere che l'altro non é un oggetto di sua propietà o peggio fargli del male. Mi sa che questo tema molto importante, non sarà mai proposto in quanto non interessante come materia d'insegnamento e poi costa...
Evry 1 anno fa su tio
Il nostro salmo Svizzero, con certi docenti... non troverà posto nelle scuole, ciò anche per le lezioni di Civica !
limortaccituoi 1 anno fa su tio
Finalmente qualcuno che prova a cambiare le cose in Svizzera. Sono queste le persone di cui abbiamo bisogno.Tutto andrà bene quando tutti sapranno l'inno! Grazie ragazzi! Sono felice che i miei soldi finiscano in queste cose.
fonta 1 anno fa su tio
Che vergogna avere un Consigliere Federale cosi! Solo menzogne. Arrivista era, protagonista mancato pure, non e’ cambiato nulla! Aria fritta!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-05-31 03:40:34 | 91.208.130.89