Immobili
Veicoli

BUSENO (GR)Escursionista soccorsa nella notte in Val Calanca

10.02.22 - 16:00
La donna e i suoi due cani sono stati tratti in salvo da un equipaggio della Rega sopra a Buseno.
Rega (immagine d'archivio)
Escursionista soccorsa nella notte in Val Calanca
La donna e i suoi due cani sono stati tratti in salvo da un equipaggio della Rega sopra a Buseno.
La giovane aveva smarrito il sentiero e si era persa in una zona boschiva a circa 1800 metri. Quando ormai si era rassegnata a trascorrere la notte all'addiaccio, è stata rintracciata dai soccorritori.

BUSENO - È stata salvata nella notte da un equipaggio della Rega, la giovane escursionista che, in compagnia dei suoi due cani, si era smarrita ieri in un bosco della Val Calanca.

Al riparo - La donna - precisa la Rega in una nota - aveva lasciato la propria auto sui Monti di San Carlo e si era diretta all’Alpe Mem (a 1950 metri di quota) che aveva raggiunto nel primo pomeriggio. Sulla via del ritorno però aveva smarrito il sentiero e si era persa. Al calar delle tenebre, per non mettere in pericolo la propria vita, la donna si era riparata sotto un albero e si era preparata a passare una notte all'addiaccio per poi riprendere il cammino alle prime luci dell’alba. 

L'allarme del compagno - Il compagno, non vedendola tornare e non riuscendo a stabilire un contatto telefonico con la donna da oltre sei ore, aveva lanciato l’allarme. La Centrale operativa della Rega ha quindi mobilitato un equipaggio - attorno a mezzanotte - chiedendo anche l'intervento d in un alpinista specialista nel soccorso con elicottero. 

In missione con i visori - Dopo aver installato sul velivolo - un AgustaWestland Da Vinci - l’apposito faro che consente di effettuare ricerche notturne e azionati i visori, l’equipaggio di picchetto è partito in missione. Una missione partita dal luogo in cui la pattuglia della Polizia cantonale grigionese aveva individuato l’auto parcheggiata.

Infreddolita ma incolume - Da lì l'elicottero ha perlustrato dall’alto con il potente fascio di luce il sentiero e l’area fra le due vallate. La donna, nel frattempo, udendo il rumore delle pale, ha segnalato la sua posizione con una torcia, permettendo all’equipaggio di scorgerla in un’area boschiva a 1800 metri di quota. Infreddolita ma incolume, l’escursionista e i suoi due cani sono stati recuperati grazie al verricello e portati in salvo.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE TICINO