Rescue Media
+ 2
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
49 min
«Valera verde e senza chimica»
CONFINE / SVIZZERA
1 ora
Svizzero truffato. Il falso intermediario sparisce con la provvigione per lo chalet
CANTONE
3 ore
Aeroporto di Agno, continua l’emorragia di passeggeri
CANTONE
3 ore
Biscotti e abbonamenti "Binario 5" per gli studenti ticinesi
BELLINZONA
4 ore
Schiume sul Lago Maggiore: «Un fenomeno naturale»
TENERO
5 ore
Sport e divertimento per giovani in carrozzella
MAGGIA
5 ore
A Maggia il Tetris è vintage
CANTONE
5 ore
Europa League in tv: gratis la prima partita del Lugano, poi si vedrà
LUGANO
6 ore
«Mio figlio parla solo tramite video»
CANTONE / SVIZZERA
6 ore
Cossi/Condotte SpA: «Milioni di imposte non pagate?»
CADENAZZO
6 ore
Cadenazzo pensa alla videosorveglianza per bloccare i furbetti
CANTONE
7 ore
Annettere Campione d’Italia: «Il Governo la pensa come Gobbi?»
LUGANO
8 ore
«È necessario attenuare il cambiamento climatico»
CANTONE
8 ore
Girardi fa istanza alla Corte d'appello: «Nel mio iPhone 5 c'è la prova »
CANTONE
9 ore
Meno automobilisti in odore di cannabis dal medico del traffico
AGNO
04.06.2019 - 10:140
Aggiornamento : 12:00

Furto e vandalismi al Gazebo, in manette un 18enne

Nella notte del 6 aprile qualcuno si era introdotto nel bar ristorante e aveva tentato di darlo alle fiamme, dopo aver consumato del cibo. Il giovane è già tornato a piede libero

AGNO - C'è un arresto in relazione ai vandalismi commessi all'interno del bar ristorante Gazebo, in via Aeroporto ad Agno, nella notte tra il 5 e il 6 aprile. Il Ministero pubblico e la Polizia cantonale comunicano che nel corso del mese di maggio è stato interrogato e arrestato un 18enne cittadino svizzero residente nel Luganese. 

I gerenti del locale, la mattina di sabato 6 aprile, avevano trovato una finestra forzata, tutto sottosopra e alcune sedie bruciate. Il titolare aveva affidato a Facebook un lungo sfogo. «Hanno incendiato casa mia, mangiato, bevuto e poi sono andati via», aveva scritto, definendo "l'attacco" come «una giocata da ragazzini», un attacco personale che però «non gli aveva fatto niente».

Il 18enne è stato identificato e fermato in seguito agli «accertamenti scaturiti dall'apposita inchiesta della Polizia cantonale». Il giovane è recentemente tornato a piede libero dopo aver trascorso alcune settimane di detenzione preventiva. Le principali ipotesi di reato a suo carico sono di incendio intenzionale, furto, danneggiamento e violazione di domicilio.

L'inchiesta, coordinata dal Procuratore pubblico Roberto Ruggeri, prosegue al fine di fare piena luce sull'accaduto.

Rescue Media
Guarda tutte le 6 immagini
5 mesi fa Si introducono nel ristorante e tentano di darlo alle fiamme
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-17 15:29:33 | 91.208.130.85