http://www.il-sorgitore.org/
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
7 ore
Dopo l'omicidio, nuovi guai
Via Odescalchi: uno dei condannati protagonista di un pestaggio in carcere.
CANTONE
8 ore
Covid, in Ticino università sul chi vive
Mascherina obbligatoria, sì o no? Usi e Supsi si preparano al rientro a settembre. Ecco come
CANTONE
11 ore
Un taxi “giallo” per la Val Verzasca
Il servizio, in fase di test nella valle, sarà aperto a tutti durante il prossimo fine settimana
VIDEO
LUGANO
12 ore
Salute dei ghiacciai: presentato il progetto Recogn.ice
Una cornice è stata posizionata sul San Salvatore per sensibilizzare l'opinione pubblica.
PARADISO
13 ore
Anche il Conca d'Oro getta la spugna
Il Lido di Paradiso ha deciso di non aprire quest'anno a causa dei vincoli imposti dalla pandemia.
LUGANO
13 ore
Aggredì la famiglia: «incapace di intendere e di volere»
La corte delle assise criminali ha disposto una presa a carico terapeutica intensiva.
BELLINZONA
14 ore
La Città sostiene gli apprendisti
Il Municipio di Bellinzona ha deciso di creare un fondo da 200'000 franchi per la loro assunzione.
CANTONE
15 ore
Recluta muore durante una marcia
È stata ritrovata dopo una breve ricerca. Inutili i tentativi di rianimazione.
LUGANO
15 ore
Parcheggi moto a pagamento: «Ecco un altro balzello»
Interrogazione della Lega al Municipio sulla possibilità di introdurre tasse di parcheggio anche per le due ruote
CAPRIASCA
17 ore
Addio a Carlo Nobile
Classe 1938, era noto per le sue attività di attore, doppiatore e docente. Oggi i funerali a Lugano.
FOTO
FAIDO
17 ore
Incidente sull'A2, disagi verso sud
Protagonista una coppia di anziani francesi. Sul posto la Polizia con due veicoli e un'ambulanza
LUGANO
17 ore
Case anziani: un premio per l'impegno del personale durante la pandemia
Ad oggi nelle strutture cittadine sono stati registrati undici contagi, con un decesso
CANTONE
18 ore
Lavori in corso a Sorengo e Lugano
Parte lunedì 20 luglio la posa di pavimentazione fonoassorbente
Melano
18 ore
Nuova pista ciclopedonale a Melano
I lavori partiranno il 20 luglio e dureranno circa un mese.
VIDEO
CANTONE
18 ore
Alla Centrale d'Allarme, tutti insieme appassionatamente
Anche i pompieri, col 118, sotto lo stesso tetto della polizia. Una svolta cruciale. Guarda il video.
CANTONE
01.10.2014 - 06:290
Aggiornamento : 24.11.2014 - 06:46

"Se anche solo uno su dieci non finisce in assistenza, lo Stato ci avrà guadagnato"

Cosa sono le esperienze pedagogiche in barca? Perché si fanno? È davvero una pacchia?

LUGANO - Un nuovo caso Carlos, così in molti hanno etichettato la storia del 14enne svizzero tedesco per il cui programma di reinserimento lo Stato spende oltre 400 franchi al giorno per 40 settimane e più. Il giovane vive da maggio sulla Salomon di Jugendschiffe, una barca-scuola dedicata ai ragazzi problematici, la sua storia è emersa in seguito alla denuncia della madre, a cui è stato tolto l’affidamento e che lamenta la lontananza del figlio. Per capire meglio queste iniziative abbiamo contattato chi li ha portati anche in Ticino, Cristina Lombardi dell’associazione Il Sorgitore. “Uno degli esempi cui ci riferiamo è proprio quello di Jugendschiffe. Hanno più o meno la nostra tipologia di ospiti, ma il periodo a bordo è molto più lungo e c’è anche un programma scolastico e di pre-apprendistato”, ci racconta. Le uscite del Sorgitore durano un massimo di tre mesi e sono finanziate da sostenitori  privati, l’Associazione infatti non riceve aiuti pubblici. A imbarcarsi sono “adolescenti che sono in un vicolo cieco del loro processo di crescita”. Sono ragazzi che dopo molti insuccessi non lavorano e non vanno a scuola. “Provengono da famiglie in difficoltà e sofferenti, spesso già a carico della collettività, e vivono in foyer per i più diversi motivi”.
 
Life skills - “L’Organizzazione mondiale della sanità ha definito dieci competenze necessarie ad affrontare la vita nella società – racconta la velista ticinese - Abilità come la capacità di prendere decisioni o risolvere problemi, di gestire le emozioni, la creatività. Lavorando su queste cerchiamo di dare ai ragazzi gli strumenti per affrontare i momenti difficili che tutti gli adolescenti hanno ma non tutti riescono a gestire”. Oltre a sviluppare degli aspetti del carattere di cui gli ospiti potranno fare tesoro per il resto della vita, l’esperienza al largo permette anche di allontanare l’utente da compagnie o situazioni di stress che possono averlo messo in crisi. “Uno degli aspetti più importanti è quello della decontestualizzazione. Ossia togliere il soggetto dall’ambiente che ne ha determinato la crisi”, continua Lombardi. Ma non è sul molo che si conclude l’esperienza. “Facciamo molta attenzione che i ragazzi siano seguiti prima e dopo. Serve un accompagnamento quando si rientra nella società”.
 
Bisogna voler cambiare – Parlando di soldi pubblici, come nel recente caso di cronaca, la domanda è: ma funziona? “Quando si lavora con le persone è difficile affermare se qualcosa funziona o meno. A livello mondiale ci sono alcuni studi che mostrano un miglioramento delle competenze sociali per il 64-72% dei partecipanti a progetti basati sugli stessi principi della pedagogia esperienziale”. Nel caso de Il Sorgitore i ragazzi che hanno affrontato l’esperienza di tre mesi sono diciotto. “Di questi qualcuno lo si è perso di vista, qualcuno lo continuiamo a seguire, altri seguono un apprendistato o lavorano. Bisogna dire che, per avere dei risultati, anche il ragazzo deve aver voglia di cambiare. I risultati positivi, poi, possono essere evidenti a volte solo dopo anni”.
 
Provare per credere – In molti hanno accusato le autorità sangallesi di aver mandato il giovane in crociera, utilizzando il termine in senso spregiativo. “Vorrei invitare chi la pensa così a bordo, anche per una sola settimana”. Infatti l’esercizio non è il semplice e beato andar per baie. “Si viene tolti dal proprio ambiente e costretti a gestire le relazioni. L’ambiente è angusto, le difficoltà ci sono e bisogna adattarsi. In una comunità a terra a volte si può prendere e uscire, qui no”. Inoltre, se nelle crociere scintillanti c’è un intero equipaggio a coccolare gli ospiti, “da noi si è in “vacanza” solo perché non si va a scuola, ma ci sono dei compiti e delle responsabilità: si fa la spesa, le pulizie, la manutenzione della barca, vi sono i turni di lavoro e guardia, di giorno e di notte, col sole o sotto la pioggia. Ovviamente ci sono anche i momenti in cui si prende il sole, ma come accade nella vita reale”.
 
I costi sono questi - “Certo, se si guarda la cifra totale di un anno è enorme, fa impressione. Ma è quello che si spenderebbe anche in un foyer, in una comunità. Per accompagnare una persona ci vogliono dei mezzi, se si vuole fare un lavoro serio serve una squadra di professionisti, questo è un fatto”. Inoltre, così come quelli educativi, anche i risultati finanziari non possono essere quantificati sul breve termine. “Se anche uno su dieci dei ragazzi seguiti non finirà in assistenza in futuro, lo Stato ci avrà guadagnato”. Inoltre, aggiunge Cristina Lombardi, se la fattura arriva a tutti è anche perché pochi sono esenti da colpe: “Se c’è tanto disagio giovanile e non solo è anche una responsabilità di tutta la società. Se la responsabilità è condivisa, sono condivisi anche i costi”.
 
Più informazioni su http://www.il-sorgitore.org/


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-15 05:32:02 | 91.208.130.87