Cantone/SvizzeraPeste suina, il virus dà appuntamento nelle aree di sosta

14.09.22 - 09:59
Uno studio ha localizzato lungo le autostrade i siti a rischio confinanti con le popolazioni di cinghiali.
Foto Deposit
Peste suina, il virus dà appuntamento nelle aree di sosta
Uno studio ha localizzato lungo le autostrade i siti a rischio confinanti con le popolazioni di cinghiali.
Anche alcuni tratti ticinesi dell'A2 inclusi nella mappa stilata dall'Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio WSL.

BERNA - La peste suina africana ormai circonda la Svizzera. Per proteggere maiali domestici e selvatici da questa malattia mortale si deve fare attenzione a dove lasciamo gli scarti alimentari. Un nuovo studio dell'Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio WSL mostra dove ciò è particolarmente necessario. E si scopre che fra i luoghi "sensibili" ci sono le aree di sosta delle autostrade. Anche quelle ticinesi.

«Abbiamo cercato di capire come il virus si diffonde e quali vie percorre per raggiungere la Svizzera - spiega Rolf Grütter, responsabile del gruppo di ricerca del WSL - è vero che la malattia si diffonde tra i cinghiali in Europa anche senza l'influenza dell'uomo, ma il virus viaggia più velocemente con gli esseri umani. È estremamente resistente - spiega - e rimane virulento per mesi nei prodotti a base di carne di maiale, come il prosciutto crudo o il salame. Ciò significa - aggiunge - che il virus può percorrere lunghe distanze in breve tempo nel cibo delle persone».

Virus nel panino - Tradotto: se i panini mangiati a metà finiscono per terra o nei cestini aperti nelle aree di sosta, «i cinghiali locali sono felici di avere il cibo facilmente accessibile. Questi ultimi, a loro volta, possono trasmettere l'agente patogeno ai suini domestici quando si avvicinano ai recinti per sottrarre cibo o per accoppiarsi».

E così Grütter e la sua dottoranda Maria Elena Vargas Amado sono andati a vedere quali sono i siti di introduzione più probabili per il virus della peste suina e in quali regioni gli allevamenti di suini dovrebbero proteggersi in particolare. Per identificare i luoghi a maggior rischio hanno prima calcolato la distribuzione potenziale dei cinghiali in Svizzera. Hanno poi utilizzato questa distribuzione insieme alle statistiche di caccia cantonali degli ultimi sette anni e altri dati per modellare l'effettiva distribuzione e l'abbondanza relativa dei cinghiali in Svizzera.

Le aree di sosta ticinesi lungo l'A2 e la presenza di cinghiali - Nella fase successiva, hanno identificato i percorsi automobilistici e le aree di sosta più frequentemente utilizzati e hanno paragonato la loro posizione con i dati sulla distribuzione dei cinghiali. Conclusioni? «Si è così osservato - spiega Grütter - che le aree di sosta a nord della trafficatissima A1 da Ginevra a San Margarethen confinano in particolare con dense popolazioni di cinghiali e sono quindi probabili siti di introduzione del virus. Inoltre, diverse aree di sosta sulla A2 in Ticino sono situate in zone con presenza dei cinghiali. Concretamente, abbiamo identificato 57 luoghi di sosta dove c'è un alto rischio di trasmissione» dice Vargas Amado.

Cartelli segnaletici in arrivo sulle autostrade svizzere - Grütter anticipa che quei cartelli che campeggiano da tempo in molte località europee e che allertano sulla presenza della peste suina (invitando anche le persone a non lasciare resti alimentari) potrebbero essere presto presenti in molte aree di sosta e lungo le autostrade svizzere. «Se non smaltiamo con cura i rifiuti alimentari, diventiamo il fattore più pericoloso nella trasmissione della peste suina africana» avverte.

I focolai vicino al confine svizzero - L’epidemia animale imperversa ormai tutt’intorno alla Svizzera: sono stati trovati cinghiali infettati in Italia, Belgio, al confine con la Francia e Germania. La scorsa primavera si è verificato un focolaio in un allevamento di suini domestici nel Baden-Württemberg, vicino al confine con la Svizzera. «Questa malattia virale colpisce i suini selvatici e domestici ed è fatale: gli animali infettati sviluppano febbre alta e muoiono entro 7-10 giorni. A oggi non esiste né una cura né un vaccino. L'agente patogeno non nuoce all'uomo, ma sarebbe devastante per gli allevamenti di suini domestici» ricorda. 

Proteggere gli allevamenti di suini - Ed è proprio all'ubicazione degli allevamenti di suini e alle modalità di allevamento che lo studio ha rivolto anche il suo approccio analitico. «I maiali tenuti liberamente all'aperto entrano in contatto con i maiali selvatici più facilmente di quelli tenuti in recinti all'aperto o addirittura solo al chiuso» dice Vargas Amado. «La combinazione di tutti questi fattori - distribuzione dei cinghiali, luoghi di riposo e allevamenti di suini - ha infine permesso di individuare i siti di trasmissione più probabili del virus ai suini domestici».

È saltato fuori che in ognuno dei 14 cantoni sono presenti una o più aree di sosta a rischio. «Inoltre, mappe di rischio per tutta la Svizzera mostrano dove gli allevamenti di suini dovrebbero proteggere in modo particolare i loro animali dal contatto con i maiali selvatici - fornisce ulteriori informazioni Amado - ad esempio installando recinzioni migliori. Questo comprende le aree dei cantoni di Berna, Soletta, Basilea Campagna, Argovia e Zurigo a nord della A1, nonché le regioni del cantone di Sciaffusa su entrambi i lati della A4 e del cantone Ticino su entrambi i lati della A2».

I risultati ottenuti dallo studio fanno dire a Grütter e i suoi che «ora, grazie ai nostri dati, le autorità e le aziende agricole dispongono di una base dettagliata per proteggere i suini domestici in futuro». 
 
  

NOTIZIE PIÙ LETTE