Immobili
Veicoli
tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
«Una relazione moralmente inappropriata, ma legale»
«Si è trattato di una relazione consenziente, e lei aveva 16 anni», si è giustificato il Governo.
FOTO E VIDEO
MORBIO INFERIORE
3 ore
Nino ha soffiato su cento candeline
Il neo-centenario, nato il 23 gennaio 1922, abita (da sempre) a Morbio Inferiore.
CANTONE
6 ore
«Nessun allarme diossina in Ticino»
A differenza del Canton Vaud, in Ticino i valori nel terreno di questi composti sono sotto il livello di guardia.
MENDRISIO
7 ore
Truffano un'anziana, fermati con 40mila franchi
I "falsi poliziotti" tornano a colpire in Ticino. La Polizia mette in guardia
CANTONE
8 ore
Sogni di diventare infermiere? Oggi aprono le iscrizioni alla SSSCI
I percorsi formativi offerti sono due: diploma SSS per infermiere e diploma SSS per soccorritore.
FOTO
LOSONE
8 ore
Quel legame invisibile che collega Losone alla Polonia
Durante la seconda guerra mondiale 450 soldati polacchi trovarono rifugio nel Comune Locarnese.
CANTONE
8 ore
Diciotto nuove sezioni in quarantena
Nelle ultime 24 ore si registrano poco più di mille contagi e nessuna vittima dovuta al Covid
LOCARNO
8 ore
Quando il semaforo diventa rosso, è ora di ventilare l'aula
La Città di Locarno ha deciso di equipaggiare le scuole comunali di sensori che rilevano il quantitativo di CO2
CANTONE
9 ore
FC Chiasso e OTR Mendrisiotto e Basso Ceresio stringono una collaborazione
L'obiettivo: valorizzare il territorio e promuovere l'offerta turistica
CANTONE
10 ore
«Dopo 20 anni di lavoro, mi hanno lasciato a casa con una videochiamata»
La testimonianza di un ex quadro di UBS, "vittima" della riorganizzazione prevista dalla banca.
BEDANO
10 ore
Open day alla Scuola Montessori
Il prossimo 5 febbraio è previsto un appuntamento virtuale per scoprire la Casa di Irma a Bedano
CONFINE
10 ore
Frontalieri con il reddito di cittadinanza
Nuovi furbetti smascherati dai finanzieri del luinese
CANTONE
12.01.2022 - 21:210
Aggiornamento : 18.01.2022 - 07:56

Quarantena di 5 giorni: «Decisione discutibile»

Per Garzoni era necessario almeno un distinguo tra vaccinati e non: «Rispondono diversamente al virus»

Sull'abbandono definitivo delle quarantene: «Con i numeri attuali è impensabile»

LUGANO - Quarantene di soli cinque giorni e forse presto cancellate. La soluzione del Governo federale per affrontare questa nuova fase della pandemia non convince tutti.

Tra gli scettici c'è anche il direttore sanitario della clinica Moncucco, Christian Garzoni. «Una scelta molto, forse troppo coraggiosa quella di Berna - commenta -. Siamo in una situazione in cui la curva dei contagi continua a salire e gli ospedali sono già abbastanza pieni. In Ticino abbiamo 170 letti occupati da pazienti Covid».

Per Garzoni, insomma, la volontà di dirigersi verso ulteriori allentamenti rischia di far aumentare questi numeri. «Dal punto di vista puramente medico-scientifico, penso che la decisione del Consiglio federale sia molto discutibile. Rappresenta un chiaro compromesso politico, con degli evidenti rischi. Si è voluto tagliare gli isolamenti da 10 a 5 giorni. Questo perché si è visto che la secrezione virale della variante Omicron dura meno ed è meno intensa e quindi l’infettività dell’ammalato è più breve. Si poteva proporre sette giorni. O, ancora meglio, si sarebbe potuto tenere conto delle differenze che ci sono tra vaccinati e non. Nel caso di questi ultimi, forse sarebbe stato può opportuno apportare un taglio meno netto. E non per una questione discriminatoria o punitiva, ovviamente, ma solo perché la biologia del virus è diversa a seconda dello status vaccinale».

Lo stesso le quarantene: «Più logico - sottolinea l'infettivologo -, era il caso per esempio di ridurre i giorni a cinque per i vaccinati e a sette per gli altri. L'obiettivo è cercare di evitare di avere persone che ritornano sul posto di lavoro ancora contagiose, ma avrebbe permesso di ridurre e di molto comunque le quarantene».

L'idea di abbandonare del tutto le quarantene per Garzoni è un azzardo: «Farlo oggi, con i numeri attuali ticinesi e svizzeri non è assolutamente ragionevole. Con dei numeri più bassi ci si potrebbe anche pensare, con l’idea poi di eventualmente reintrodurla in caso di aumento. Se, come tutti speriamo, si dovesse arrivare a dimostrare che nonostante molti ricoveri nei reparti normali abbiamo poca pressione sulle cure intense - cosa che per il momento non è - allora potremmo andare a parlare di allentamenti ulteriori. Ma adesso è chiaramente prematuro e azzardato».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Didimon 1 sett fa su tio
Ma che quarantena... Che si faccia come abbiamo sempre fatto prima che iniziasse questa pantomima coviddiana 🤣🤣🎉🎉🎉
Dani 1 sett fa su tio
Tesi molto comprensibile quella di fare un distinguo fra vaccinati e non, bisognerebbe adottarla immediatamente almeno a livello cantonale se altri non ascoltano
mapt 1 sett fa su tio
@Dani Fatti una svastica in fronte se ci tieni cosi tanto, pecora
Luca 68 1 sett fa su tio
lo vedremo tra qualche settimana sé è la giusta decisione, intanto non sono solo i non vaccinati a finire in ospedale, e quando saranno pieni diremo grazie alle autorità!!
Dalu 1 sett fa su tio
Garzoni la ritiene una scelta coraggiosa😂 secondo me pensava ad altre parole..
Nano10 1 sett fa su tio
Ma smettetela di fare terrorismo mediatico, è risaputo che per i vaccinati non risulta niente di grave, quindi è giusto che si conviva e ritornare più o meno alla normalità anche con il virus 🦠 e chiunque deve prendersi le proprie responsabilità in special modo chi per motivi futili dice che la vaccinazione non serve a niente 😡
cle72 1 sett fa su tio
@Nano10 Ma tu pensa, le cose strane della vita! Ho un amico vaccinato 2 volte ed è in ospedale. Forse smettere di credere ha tutto sarebbe utile a tutti.
vulpus 1 sett fa su tio
@Nano10 Condivido.Oramai la situazione di contenimento è fuori controllo. La responsabilità ora è degéli individui. Basta dare responsabilità all'autorità che oltre non può fare se non liberare posti in ospedale ora ancora riservati alla mgestione corrente delle operazioni.
Luca 68 1 sett fa su tio
@vulpus ti direi che potrei essere d'accordo con te, ma proprio le decisioni di Berna potrebbero creare grossi problemi per gli ospedali
Princi 1 sett fa su tio
basta piangere
Sergio 1 sett fa su tio
Contenti loro ….contenti tutto
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-24 18:37:12 | 91.208.130.89