Immobili
Veicoli
Ti-Press
CANTONE
23.11.2021 - 12:510
Aggiornamento : 15:27

Confermato l'arresto di Samuele Tamagni

Ordinata la carcerazione preventiva per il parroco di Cadro e per l'altra persona fermata.

Gli inquirenti stanno indagando sul passato di entrambi per chiarire dove siano finiti i soldi rubati.

BELLINZONA - Il parroco di Cadro, Don Samuele Tamagni, e l'altra persona fermata per illeciti finanziari resteranno in carcere almeno fino a inizio gennaio.  Il giudice dei provvedimenti coercitivi - come anticipato da La Regione - ha infatti ordinato la carcerazione preventiva per entrambi.

Il presbitero diocesano si era auto-denunciato alla procura lo scorso 19 novembre ed era stato subito arrestato. Sul suo conto - e su quello dell'altra persona fermata, un 27enne italiano - pesano le accuse di appropriazione indebita, riciclaggio e truffa.

E tra le vittime del suo agire troviamo - oltre alla parrocchia - anche la Fondazione dedicata a Damiano Tamagni. «Il danno causato è minimo e non ne preclude l’attività», spiegava ieri Maurizio Tamagni, presidente della fondazione e padre del giovane che venne ucciso durante la Stranociada del 2008.

Gli inquirenti, capeggiati dal Procuratore pubblico Daniele Galliano a cui è stata affidata l'inchiesta, dovranno ora stabilire dove siano finiti i soldi sottratti dai due uomini - si parla di circa centomila franchi - e far luce sul loro passato. Un passato comune in cui il giovane parroco avrebbe già dilapidato somme ingenti di denaro per soddisfare i bisogni del 27enne di cui si sarebbe invaghito.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-23 16:38:04 | 91.208.130.86