tipress
LUGANO
28.10.2021 - 22:300
Aggiornamento : 29.10.2021 - 08:05

«TiSin mi ha promesso mari e monti»

Una iscritta delusa punta il dito contro il neonato sindacato, a seguito di una vertenza finita in niente

LUGANO - Ancora polemiche su TiSin. L'associazione di via Monte Boglia esiste da pochi mesi, e ha assistito «una decina di persone» in altrettante vertenze sindacali, ha dichiarato di recente il presidente Boris Bignasca assediato dagli attacchi di Unia e Ocst. «Abbiamo appena iniziato, dateci tempo».

Sembra però che nella «decina» ci sia già qualche scontento: una 38enne frontaliera racconta di avere dato disdetta a ottobre dall'associazione, dopo sette mesi di vertenza. «Mi avevano detto che avrei potuto recuperare una somma considerevole dal mio ex datore di lavoro» spiega la donna, allora impiegata in un'azienda del terziario a Stabio.

Racconta di avere aderito a TiSin dopo aver ricevuto "picche" dagli altri sindacati: «Il fatto che non fossi iscritta, per gli altri era un problema». Per TiSin no. Ma una volta effettuata l'iscrizione (20 franchi al mese) la vertenza va a rilento: «A sentire loro sembrava cosa fatta, dicevano che l'azienda aveva accettato un accordo. Ma di mese in mese spuntavano contrattempi». Il mese scorso la 38enne si è disiscritta e si dice «delusa e amareggiata».

TiSin contattata non commenta la vicenda per ragioni di privacy. Il rendiconto dell'attività degli scorsi mesi verrà reso noto nei prossimi mesi. 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-08 16:21:38 | 91.208.130.87