Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
MESOCCO (GR)
3 ore
Ventenni escono di strada e finiscono nella scarpata
L'incidente è avvenuto la scorsa notte in zona Alp Frach. I due occupanti del veicolo sono rimasti leggermente feriti.
CANTONE
5 ore
Giornalisti sportivi riuniti in assemblea
Nel corso dell'appuntamento sono stati attribuiti i premi Giuseppe Albertini e al Merito Sportivo.
FOTO
LOCARNO
7 ore
Un Nicolao tutto blu è tornato in città
Dopo lo stop dello scorso anno, il Nicolao color blu ha potuto tornare in azione, portando regali ai più piccoli.
CANTONE / CONFINE
7 ore
Navigazione sul Lago Maggiore, una mozione per smuovere le acque
I consiglieri nazionali ticinesi chiedono al Consiglio federale di avviare i negoziati per una nuova convenzione.
CANTONE
8 ore
Quattro giorni consecutivi di nebbia: «Non capita tutti gli anni»
Facendo un bilancio del mese di novembre, MeteoSvizzera ha rilevato un'anomalia per quanto riguarda il sud delle Alpi.
FOTO
MELIDE
1 gior
Fiamme da una canna fumaria, pompieri in azione
Il fuoco è stato domato prima che si propagasse al tetto
CANTONE
1 gior
Un paio di cose da sapere quando si prenota la terza dose
Da «Ci si può prenotare anche se vaccinati da meno di 6 mesi?» a «Siamo sicuri che mi danno il farmaco giusto?».
FOTO
MELIDE
1 gior
I pompieri di Melide festeggiano Santa Barbara
La messa è stata officiata ieri sera da Don Ernesto Ratti presso la Caserma di Melide
CANTONE
1 gior
Qualche fiocco di neve in arrivo in serata?
Sarà in ogni caso una breve parentesi. Ma la neve, fino a basse quote, potrebbe tornare durante la settimana
Lugano
1 gior
Più Donne chiede delucidazioni sul caso dell'ex funzionario del Dss
Dopo che la loro interrogazione non ha avuto seguito dai vertici, tornano con un'interpellanza che contiene 15 domande
LUGANO/LOSANNA
19.02.2021 - 12:060
Aggiornamento : 19:18

Gli inquirenti non permisero di controinterrogare le prostitute

Il Tribunale federale riapre un caso risalente al 2008 e annulla la condanna dell'allora gerente del Corona

Bacchettata anche la Corte di appello e di revisione penale: «I giudici cantonali - secondo la sentenza del TF - hanno violato il diritto federale»

LUGANO - A dodici anni dai fatti contestati è tutto da rifare o quasi. Con un colpo di spugna il Tribunale federale ha annullato la condanna per ripetuto promovimento della prostituzione dell’allora gerente del bar Corona, nonché gestore dell’affittacamere annesso al locale erotico. Decisiva per la massima istanza è stata la violazione da parte del Ministero Pubblico del diritto al contraddittorio. In pratica, violando il diritto federale, all’imputato - difeso dall’avvocato Marco Garbani - è stata negata in fase istruttoria la possibilità di controinterrogare tramite il proprio legale i testimoni dell’accusa. Nella vicenda c'era un secondo coimputato, di cui non abbiamo potuto accertare l'esito del ricorso (ma è presumibile sia stato accolto per le stesse motivazioni).

I decreti di accusa dieci anni dopo - Erano state undici le persone, di cui una decina di prostitute, chiamate a deporre in istruttoria nel 2008. Il caso venne ripreso dall'allora Procuratore generale John Noseda, che nel febbraio 2017 spiccò due decreti d’accusa (sotto inchiesta era finito anche il gerente dell’affittacamere) nei confronti dei due imputati per avere «a Pambio Noranco, nel periodo dal 1. gennaio 2007 al 19 maggio 2008, agendo in correità tra di loro, ripetutamente leso la libertà di azione di numerose donne dedite all’esercizio della prostituzione, sorvegliandole nella loro attività, imponendo loro il luogo, il tempo, la durata e altre modalità inerenti all’esercizio della prostituzione».

Le condanne - Tenuto conto del lungo tempo trascorso dai reati contestati e della violazione del principio della celerità, il giudice di primo grado aveva condannato il gerente del Corona a una pena pecuniaria sospesa di 90 aliquote giornaliere per complessivi 3’600 franchi, dedotta la carcerazione preventiva sofferta, e a una multa di 700 franchi. Pena ulteriormente ridotta a 80 aliquote dalla Corte di appello e di revisione penale (CARP). L'altro imputato aveva ricevuto in primo grado una pena di  90 aliquote per complessivi 6'300 franchi e una multa di 1'200 franchi.

La motivazione - La critica più pesante al lavoro degli inquirenti arriva però da Losanna che ha accolto il ricorso dell’avvocato Marco Garbani. I giudici hanno accertato la violazione dell’art. 147 del CPP, che regola il diritto delle parti di partecipare all’assunzione delle prove. Spina dorsale dell’accusa erano state le deposizioni di undici prostitute, ma - come evidenzia la sentenza del 9 febbraio scorso - «non risulta che l’imputato o il suo patrocinatore abbiano partecipato agli interrogatori delle succitate persone dinanzi alla polizia e al Ministero pubblico». Una violazione che si è perpetuata in aula di tribunale, nonostante l’esplicita richiesta da parte del patrocinatore di interrogare in contraddittorio le testimoni.  La CARP risulta inoltre essersi oltremodo contraddetta in quanto - pur rifiutando di interrogare i testi quali non necessari - li aveva citati nella sentenza.

Violato il diritto federale - Un errore che ha portato all’annullamento della condanna al rinvio della causa alla CARP: «Valutando a carico del ricorrente le dichiarazioni rilasciate dalla suddette persone, senza che egli abbia potuto partecipare agli interrogatori e porre loro domande, i giudici cantonali hanno pertanto violato il diritto federale». La stessa sentenza ha fissato un’indennità di 3’000 franchi che lo Stato del Cantone Ticino rifonderà al ricorrente. Quanto alla sentenza rappresenta un chiaro monito al rispetto del contradditorio.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-05 18:31:35 | 91.208.130.89