Keystone
ULTIME NOTIZIE Ticino
DALPE
12 min
Lavori di carpenteria in barba alle norme di sicurezza
Durante un'operazione di polizia effettuata ieri presso una stalla di Dalpe sono state controllate cinque persone.
CANTONE
21 min
«Insieme responsabili, viaggiamo sicuri»
La nuova campagna delle FLP per rassicurare gli utenti in tempi di pandemia.
SVIZZERA / CANTONE
1 ora
Fossili da record dal Monte San Giorgio
I resti di cinque esemplari di ittiosauri sono rispuntati dalle cantine di musei di Zurigo, Milano e Tubinga
CANTONE
2 ore
Pandemia: Ente ospedaliero 55 milioni in rosso
Un deficit finanziario da imputare per il 30% a costi straordinari e per il 70% alla mancata attività.
CANTONE
3 ore
“Job mentor” per collocare i disoccupati over-50
Grazie a questo supporto specializzato si potrà beneficiare di una consulenza più intensa e mirata.
AIROLO
3 ore
Qui comincia il secondo Gottardo
Sono iniziati i lavori al tunnel autostradale tra Airolo e Göschenen. Ecco la road-map
CANTONE
4 ore
Ricordatevi di analizzare la parità salariale
Il termine, per le datrici e i datori di lavoro che impiegano 100 o più collaboratori, è il 30 giugno.
CANTONE
4 ore
Altri 62 positivi in Ticino, ricoverati ancora in calo
Fortunatamente non si contano ulteriori vittime. I nuovi ammessi sono 2, mentre le dimissioni si elevano a 5.
CANTONE
8 ore
Il treno color rame che diventa una star
Si chiama Traverso e da qualche tempo lo si nota anche nella Svizzera italiana. Ecco da dove arriva.
FOTO
CANTONE
8 ore
La sfida lanciata agli artisti, ogni spazio può fare museo
Adriana Bock Schmitt impegnata a promuovere gli artisti del nostro cantone attraverso il progetto creattivati.ch
CANTONE
27.10.2020 - 20:120
Aggiornamento : 22:18

L'appello: «La stampa ci aiuti a correggere la disinformazione»

In Italia si è parlato di Svizzera che nega la rianimazione agli anziani. L’intervento del dr. Paolo Merlani

di Redazione
Orlando Guidetti

LUGANO - A due giorni dalla pubblicazione sulla stampa italiana che la Svizzera negherebbe la rianimazione agli anziani malati di coronavirus, notizia rivelatasi in parte non veritiera, urge fare chiarezza sulla strumentalizzazione che è stata fatta dalla stampa italiana in merito alle disposizioni sanitarie svizzere. Chiarezza che arriva dalle parole del Prof. Dr. med. Paolo Merlani direttore sanitario dell’Ospedale di Lugano e direttore medico del Servizio di Medicina Intensiva EOC, sentito al telefono.

Il dottor Merlani ci spiega che l’argomento è già, tra l’altro, stato trattato in più occasioni, e l’informazione è da ridimensionare. «Presentata così come ha fatto la stampa italiana non è corretta». Al momento dell’ospedalizzazione del paziente, se il sistema sanitario fosse confrontato con un numero troppo grande di pazienti e non vi fossero più letti di medicina intensiva liberi sarebbe necessario decidere a chi allocare i posti rimanenti. I principi secondo cui questo avverrebbe sarebbero i principi della bioetica, cioè dell’autonomia (lasciare decidere il paziente o i suoi cari), del beneficio per il paziente, della necessità di somministrare terapie solo se necessarie per ottenere un beneficio e la giustizia distributiva (distribuire le risorse equamente). Qualora i pazienti adempiessero a tutti questi criteri, la regola che subentrerebbe sarebbe quella della maggiore probabilità di sopravvivenza. In questo senso i pochi posti disponibili andrebbero assegnati a chi ha una migliore prognosi (probabilità di sopravvivenza) a breve termine. Non si darebbero a priori i posti ai giovani e non agli anziani, ma è chiaro che i pazienti anziani spesso sono affetti anche da altre malattie, sono più fragili e hanno dunque una prognosi peggiore. L’età di per sé non è dunque un criterio; lo è piuttosto la vulnerabilità che accompagna l’età. «Dunque, se devo assegnare l’ultimo posto in ospedale e i due pazienti sono un ottantacinquenne malato con un tumore e un ventenne in buona salute, è chiaro chi ha una migliore prognosi e dunque a chi devo assegnare il letto di cure intense. Vi sono tuttavia casi più complessi, che però possono sempre essere ricondotti ad una considerazione che tenga conto della prognosi a breve termine, a dipendenza dei dettagli clinici (presenza di malattie croniche, stadio della malattia, fragilità ecc). Il documento dell’Accademia Svizzera delle Scienze Mediche mi pare molto saggio». Il professor Merlani ancora aggiunge «Il fatto che tutto questo sia messo nero su bianco, quale documento dell’Accademia Svizzera di Scienze Mediche, con la collaborazione della Società Svizzera di Medicina Intensiva, aiuta chi deve lavorare al fronte a decidere in maniera equilibrata».

Per garantire una buona decisione ci vorranno inoltre due medici esperti che dovranno prendere la decisione, condividendola. In casi particolarmente complicati è previsto che i due medici siano di due centri diversi. Il tutto verrà trascritto in modo trasparente e resterà tracciabile anche in futuro, per sapere chi ha deciso cosa e insieme a chi. «Ritengo che questa grande trasparenza sia un’ottima garanzia». Il nostro colloquio con il Professor Merlani si chiude con un’ultima affermazione, «C’è purtroppo ancora molta disinformazione; se voi giornalisti ci aiutaste a correggere questo, sarebbe veramente di grande aiuto a tutti».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-06 14:19:21 | 91.208.130.86