Deposit
ULTIME NOTIZIE Ticino
MENDRISIO
3 ore
«Ostetricia e pediatria non si toccano»
Il PLR sull'adeguamento per il Covid: «Se ne comprende l'urgenza, ma il dispositivo va ripristinato appena possibile»
CHIASSO
4 ore
Casa Soave, nove anziani positivi al coronavirus
Tutti quanti si trovano in isolamento nelle loro stanze.
AIROLO
5 ore
«Pronti a sciare da fine novembre»
La stagione bianca che verrà vista da Mauro Pini, direttore degli impianti di Airolo-Pesciüm
GENESTRERIO
5 ore
Incidente sulla cantonale, ferito un motociclista
Notevoli disagi al traffico sulla strada in direzione di Bizzarone
CENTOVALLI
6 ore
Riaperta (parzialmente) la strada delle Centovalli
Era stata chiusa dopo la frana caduta a Camedo lo scorso 7 ottobre.
CANTONE
6 ore
Oltre 120mila franchi in beneficenza
La Fondazione Alessia è alla ricerca di una nuova sede in sostituzione del negozietto di Bellinzona.
CHIASSO
6 ore
Delitto di via Valdani, padre e figlio rinviati a giudizio
Dovranno rispondere di assassinio, subordinatamente omicidio intenzionale, e aggressione.
CANTONE
7 ore
«C'è preoccupazione per la durata della seconda ondata»
Da Bellinzona il DSS fa il punto della situazione e spiega gli adattamenti decisi per il prossimo futuro.
FAIDO
7 ore
Caduta con l'e-bike: ferite gravi per un 65enne
L'incidente si è verificato oggi in Leventina: l'uomo ha perso il controllo del mezzo
LUGANO 
7 ore
Il Preventivo 2021 in rosso per 20 milioni
La contrazione del gettito fiscale è l'elemento che più incide sul disavanzo previsto per l'anno prossimo
CASTEL SAN PIETRO
7 ore
Cinquanta mascherine per ogni famiglia
Verranno fornite dal Comune. Saranno di colore verde e prodotte nel Mendrisiotto.
CANTONE
9 ore
Cocaina nel Mendrisiotto, arrestati quattro giovani
Sono tutti accusati d'infrazione aggravata alla Legge federale sugli stupefacenti.
BELLINZONA
9 ore
«La polizia interferisce in modo sproporzionato e antidemocratico»
L’accusa arriva da ForumAlternativo, che pubblica su YouTube quanto accaduto martedì mattina
CANTONE/SVIZZERA
23.09.2020 - 22:320
Aggiornamento : 24.09.2020 - 10:35

«Avere figli è considerato un “problema” delle donne»

Daria Pezzoli-Olgiati è riuscita ad affermarsi come lavoratrice e mamma ma reclama un cambiamento di mentalità.

Per ProFamilia la Svizzera perde 800 milioni di franchi all'anno per le donne formate che escono dal mercato del lavoro quando diventano madri.

NEGGIO - Classe 1966, Daria Pezzoli-Olgiati è cresciuta a Muralto. Per anni professoressa in scienze delle religioni a Zurigo, attualmente insegna a Monaco di Baviera e con la famiglia vive nel Malcantone. Definisce il suo un «modello di famiglia inventato» e parla delle contraddizioni presenti nella nostra società in materia di conciliabilità lavoro-famiglia, soprattutto per le donne. 

Come si è organizzata per gestire il lavoro e la famiglia? 
«Grazie alla flessibilità e a impegni a tempo ridotto ho potuto seguire bene i miei figli ed essere presente in modo costante. Ovviamente quando erano piccoli le mie giornate erano lunghissime e le notti molto brevi». 

Che ruolo ha avuto suo marito ed eventualmente altre figure?
«Mio marito mi ha sostenuta molto. Ci siamo organizzati in modi diversi a seconda di dove abitavamo e dell’età dei nostri figli. Quando ci siamo trasferiti in Ticino, siamo stati appoggiati dalla nostra famiglia, in particolare dai miei genitori e da fantastiche baby-sitter che hanno arricchito notevolmente la vita del nostro nucleo familiare». 

Cosa pensa riguardo al congedo paternità?
«È molto triste vivere in un paese in cui un funerale o un trasloco vengono paragonati a una nascita in termine di congedo lavorativo. Questo è dovuto a una visione molto riduttiva della famiglia, dei ruoli di genere e del valore delle nuove generazioni. Due settimane di congedo paternità sono proprio misere, però sempre meglio di due giorni».

Cos’è che non funziona?
«Si investono mezzi enormi nella formazione di personale qualificato, in tutte le professioni e a tutti i livelli, senza incentivare le donne e le madri a rimanere nel mondo del lavoro e a dare il proprio contributo specialistico».

Per quale motivo, secondo lei, il mondo accademico è ancora a maggioranza maschile?
«Il mondo accademico offre un ambiente lavorativo da una parte molto stimolante ma dall’altro per molti anni precario, con contratti a termine. Questo tocca entrambi i generi. Spesso però, nella fase in cui nascono i bambini, le donne rinunciano al lavoro accademico perché non riescono a conciliarlo con la famiglia e il lavoro del partner».

A che livello è la conciliabilità famiglia-lavoro in Svizzera e in Ticino? E in Germania?
«In Germania il congedo parentale dura tre anni e può essere organizzato dai partner secondo le loro necessità e non secondo il loro genere. In Svizzera avere dei figli è considerato fondamentalmente un “problema” delle donne, gli stimoli a conciliare famiglia e lavoro sono proprio modesti. È un problema di mentalità, non di realizzabilità». 

Cosa bisognerebbe cambiare per aiutare ulteriormente le famiglie?
«Bisogna sostenere modelli diversi di organizzazione familiare e incentivare la compatibilità tra ruoli educativi e professionali a diversi livelli, sia con politiche adatte nel mondo del lavoro e nella società ma anche con un atteggiamento diverso». 

Quali sono i pro e i contro legati al fatto di lavorare lontano da casa e di assentarsi per vari giorni?
«La nostra famiglia è un esempio di un modello inventato e non della riproduzione di convenzioni sociali. Il lavoro accademico richiede mobilità, spesso sono lontana da casa per alcuni giorni e la mia famiglia è organizzata in modo che questo funzioni senza problemi. Per me è difficile dire quali siano i vantaggi di questo modello, non ho paragoni, ho sempre vissuto così da quando lavoro».

In Svizzera si perdono 800 milioni di franchi l’anno
«Tutta la conciliabilità riposa sulle madri piuttosto che sui padri», afferma Michela Trisconi, segretario generale dell’associazione Pro Familia Svizzera italiana, che mette in evidenza un contraddizione: «Nella nostra società formiamo più donne ma le impieghiamo di meno e le togliamo dal mercato del lavoro quando diventano madri». Pro Familia Svizzera ha calcolato che a causa di ciò la perdita economica nella Confederazione ammonta a 800 milioni di franchi l’anno. «La donna è sedotta a ridurre il grado di impiego con l’arrivo dei figli e lo fa in maniera maggiore rispetto ai padri. Questo fa sì che le madri oggi siano soprattutto impiegate a tempo parziale. Posizioni che vengono soppresse per prime quando c’è una crisi», spiega Trisconi, secondo la quale deve avvenire un cambio di mentalità. «È necessario che gli asili nido siano meno costosi, che le aziende siano disposte ad assumere le madri e a metterle al riparo da eventuali licenziamenti», conclude il segretario generale.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-29 23:49:24 | 91.208.130.87