TiPress
ULTIME NOTIZIE Ticino
AGNO
1 ora
Infortunio in via Stazione, fuori pericolo il 41enne
L'uomo, tuttavia, ha riportato lesioni gravi e si trova ancora in ospedale
FOTO
ROVEREDO
1 ora
Cerca funghi, finisce nel riale. Soccorso in elicottero
L'uomo è stato trasportato all'Ospedale Civico di Lugano.
FOTO
LOSONE
2 ore
Malore nei pressi del fiume, arriva la Rega
Sul posto anche la Polizia, un'ambulanza e un'automedica
CANTONE
3 ore
«Chi vigila sul Governo non deve essere al Governo»
L'Mps lancia un'iniziativa parlamentare per l'istituzione di una commissione ad hoc.
CANTONE
4 ore
«Più piste ciclabili e spazi per i più piccoli»
Lo chiede la Federazione Ticinese di Ciclismo, che si è riunita oggi in assemblea
CONFINE
4 ore
L'ultimo saluto a don Roberto: «Ha dato la vita per gli ultimi»
La messa in suffragio del sacerdote si è celebrata questa mattina a Como
FOTO
LUGANO
5 ore
Vernice? No, l'alga tossica
Immagini suggestive quelle inviate da un lettore.
CANTONE
9 ore
Pulire i fondali del Lago Maggiore? «Trovato letteralmente di tutto»
I sub dell'Associazione Delta Divers si sono impegnati nella pulizia dei fondali durante il Clean-up day 2020
LUGANO
19 ore
Esce di strada di fronte allo stadio
L'incidente è avvenuto questa sera in via Trevano. Illesi i tre occupanti del veicolo
CANTONE
19 ore
«In questa crisi la Svizzera ha mostrato la sua coesione»
Ignazio Cassis e Christian Vitta hanno ripercorso questa sera i punti salienti della pandemia.
LOCARNO
22 ore
«Vogliamo le bici sui bus»
I Verdi del Locarnese chiedono alle Fart di togliere il divieto
CANTONE
23 ore
Inchiesta Lega: spunta il nome di Tettamanti
I magistrati italiani indagano sui conti pro-Salvini. Ma dal Ticino arriva la smentita di Fidinam
RIAZZINO
23 ore
30 gradi, ma è già Natale
Nei negozi sono già comparsi i primi addobbi natalizi
LUGANO
1 gior
«Lugano perderà un bel po' di soldi»
Tre consiglieri comunali hanno stimato a 40 milioni il danno da Covid per quest'anno. E chiedono lumi
CANTONE / SVIZZERA
11.08.2020 - 16:140
Aggiornamento : 22:04

Immagini violente, propaganda, Isis e pedopornografia

C'è la richiesta di pena per i due presunti islamisti a processo: tre anni e sei mesi per uno, 34 mesi per l'altro

I costi dell'inchiesta ammontano a 560'000 franchi, di cui 450'000 dovrebbero essere addebitati agli imputati in caso di condanna.

BELLINZONA - Tre anni e sei mesi di detenzione per il cosiddetto "emiro di Winterthur", un 34enne accusato di avere partecipato ad azioni belliche dell'Isis in Siria, e 34 mesi per un 37enne accusato tra l'altro di avere avuto una relazione con una minorenne. Sono le richieste di pena presentate oggi dal Ministero pubblico della Confederazione (MPC) per i due presunti islamisti a processo da ieri davanti al Tribunale penale federale (TPF) di Bellinzona.

L'imputato principale - che ieri si è detto pentito parlando del «più grosso errore della mia vita» - ha soggiornato in Siria nel novembre e dicembre del 2013, periodo durante il quale avrebbe addestrato guardie armate e partecipato ad azioni belliche di un gruppo legato al sedicente Stato islamico (Isis).

Il processo nei confronti del 34enne è «il primo del suo genere in Svizzera», ha sottolineato durante la sua requisitoria la procuratrice federale che sostiene l'accusa.

Al suo rientro in Svizzera, l'imputato ha fondato, assieme al campione del mondo di boxe thailandese Valdet Gashi, la scuola di arti marziali "MMA Sunna" a Winterthur (ZH). Ha inoltre diretto l'organizzazione "Lies" (Leggi!), che si è fatta conoscere nella Svizzera tedesca per la distribuzione gratuita del Corano in luoghi pubblici.

Queste attività servivano in effetti a reclutare giovani da mandare a combattere in Siria, ha detto la procuratrice. Quando si trovava nel paese mediorientale, l'uomo scrisse alla moglie che entrambi avrebbero avuto un futuro nel Paese levantino. La donna - ha detto la procuratrice - ne parlava con orgoglio alle sue amiche, affermando che il marito era stato formato in un campo di addestramento e che la situazione era molto difficile a causa dei bombardamenti.

L'accusato, che oggi vive con una donna sposata secondo la legge islamica e dalla quale ha avuto una figlia, è accusato di partecipazione a un'organizzazione criminale e rappresentazione di immagini violente: video di esecuzioni sono stati ritrovati sul suo cellulare.

Il suo impegno in Siria - ha sottolineato la procuratrice - è servito a rafforzare la sua reputazione e la sua posizione in Svizzera e quindi ad acquisire maggiore influenza. Le foto che lo ritraggono con l'equipaggiamento da combattimento dimostrano che in Siria ha ricevuto un addestramento militare ed ha anche partecipato a missioni di combattimento.

Secondo la procuratrice, è inoltre sorprendente che tutte le persone che si sono recate in Siria da Winterthur abbiano fatto parte dell'azione "Lies!" o della scuola "MMA Sunna".

Tra i giovani reclutati dal 34enne figurava pure Valdet Gashi, che sarebbe poi morto in un combattimento nel luglio del 2015. L'imputato avrebbe anche esercitato una forte influenza su una minorenne e suo fratello che da Winterthur si sono recati in Siria.

Il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) sospetta inoltre il presunto islamista di aver avuto contatti con influenti rappresentanti dell'islam salafista in vari Paesi. Viene citato in particolare Hussein Bosnic, condannato nel 2015 a sette anni di prigione per crimini terroristici, nonché altre relazioni con esponenti salafisti a Norimberga (D) e in Austria.

L'altro imputato - per il quale la pubblica accusa ha richiesto 34 mesi - è un 37enne di Winterthur, con la doppia cittadinanza svizzera e macedone, accusato di propaganda in favore dell'Isis, atti sessuali con fanciulli e pedopornografia. L'uomo è accusato di avere intrattenuto una relazione intima con la 15enne che alla fine del 2014 si era recata in Siria assieme al fratello. Nell'ottobre del 2014 aveva sposato la ragazza con rito islamico.

Anche lui avrebbe voluto recarsi in Siria, ma mentre si trovava in Macedonia del nord venne arrestato e rispedito in Svizzera. Il MPC ha trovato sul suo cellulare rappresentazioni violente, come pure immagini di zoofilia e di violenze sessuali su fanciulle.

I dibattimenti del processo dovrebbero concludersi domani. I costi dell'inchiesta ammontano a 560'000 franchi, di cui 450'000 dovrebbero essere addebitati agli imputati in caso di condanna.

Nelle loro arringhe, gli avvocati di entrambi gli accusati hanno dettagliato, tra le altre cose, i messaggi scambiati nelle chat, negli incontri e nelle azioni dei loro clienti, che hanno presentato come prove per confutare le accuse del MPC. E Hanno chiesto l'assoluzione per entrambi gli uomini.

Il legale dell'imputato principale ha cercato di dimostrare, tra l'altro, che il suo cliente non aveva avuto un ruolo di primo piano e non aveva incitato le persone elencate nell'atto d'accusa ad andare a combattere in Siria. Il difensore ha quindi chiesto un risarcimento di 60'000 franchi per la detenzione preventiva che è durata circa un anno. Se condannato, ha chiesto la sospensione condizionale della pena.

L'avvocato del secondo imputato ha criticato il MPC per non aver chiuso il caso relativo ad atti sessuali con un minorenne. La presunta vittima ha ripetutamente dichiarato di non aver avuto alcun contatto intimo con l'imputato. Inoltre, la procura federale non aveva mai ordinato un referto medico, ha sottolineato il difensore.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-19 18:45:06 | 91.208.130.89