foto Guardia di Finanza Varese
Le mascherine sequestrate
CONFINE
16.05.2020 - 12:200
Aggiornamento : 13:17

Un negozio cinese strapieno di mascherine

Maxi-sequestro a Luino. La Guardia di finanza ha scovato 68mila prodotti importanti dalla Cina

LUINO - Mascherine di contrabbando importate dalla Cina e vendute "sottobanco" a Luino. In un negozio della città di confine, gestito da un cittadino cinese, la Guardia di finanza nei giorni scorsi ha rinvenuto ben 68mila dispositivi di protezione, subito sequestrati.

Le mascherine - si legge in un comunicato odierno - erano vendute «come dispositivi chirurgici» in assenza delle necessarie certificazioni. Il sequestro è scattato dopo che gli agenti hanno trovato un centinaio di prodotti non dichiarati nascosti sotto il bancone del negozio. 

Gli agenti hanno quindi passato al setaccio lo stabile e il magazzino adiacente: qui, all'interno di un furgone, è stato rinvenuto il resto. Ventiquattro cartoni in tutto, contenenti confezioni da 50 mascherine ciascuna, importate direttamente dalla Cina. Ora le indagini sono in corso per ricostruire la filiera dell'importazione illegale, e stabilire l'ammontare delle sanzioni. 

foto Guardia di Finanza Varese
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-01 15:03:02 | 91.208.130.87