Immobili
Veicoli
La Città: «Più difficoltà che vantaggi nella riapertura varata dal Decs»
Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
4 sec
La 'ndrangheta chiede permesso
Un frontaliere 59enne sarebbe prestanome del clan Raso-Gullace-Albanese. In Ticino ha ottenuto un prestito Covid
LOCARNO
4 sec
Lascia tutto e se ne va
Storia di Renato Molo, classe 1980: via dalle certezze, in piena pandemia parte verso l'ignoto. Oggi abita in Colombia.
CANTONE
7 ore
Due mozioni in tema di giustizia
Maddalena Ermotti-Lepori si è concentrata sul tema della mediazione, mentre Roberta Soldati sulla conciliazione
CANTONE
7 ore
Scuole medie, bocciata la sperimentazione
Il Gran Consiglio ha affossato il credito di 237'000 franchi richiesto dal Governo.
CANTONE
12 ore
«È arrivato il momento di chiederci se possiamo convivere con il virus»
Anche Marco Chiesa invoca il "Freedom Day"
CANTONE
13 ore
Due nuovi cantieri all'orizzonte in Ticino, Governo «soddisfatto»
La Confederazione ha dato l'ok per il collegamento A2-A13 Bellinzona-Locarno e il potenziamento dell'A2 Lugano-Mendrisio
CANTONE
13 ore
Il 15 maggio si voterà (anche) su un tema cantonale
I ticinesi saranno chiamati a esprimersi sul Decreto in merito al pareggio del conto economico entro il 31 dicembre 2025
LOCARNO
14 ore
Locarno punta sul Bio
L'incentivo sarà decennale. Nei primi quattro anni verranno rimborsati i costi per la certificazione (massimo 2'000 fr.)
CANTONE
15 ore
Polizia cantonale: nominato un nuovo Ufficiale
Si chiama Pablo Biffi e dirigerà la Centrale comune d’allarme (CECAL), subordinata allo Stato Maggiore Operativo
CANTONE
17 ore
Le nuove officine FFS nel Piano settoriale dei trasporti
Il Consiglio federale ha approvato l'integrazione di diversi progetti, tra cui quello previsto ad Arbedo-Castione
CANTONE
17 ore
Galleria del San Gottardo chiusa
Fino alle 13 di oggi il tunnel non è percorribile a causa di un mezzo pesante in avaria
CANTONE
17 ore
La SUPSI ha diritto ai sussidi federali
Lo ha stabilito oggi il Consiglio federale, che ha riconosciuto la richiesta
CHIASSO
17 ore
I ragazzi delle medie ricordano l'Olocausto
Il percorso letterario creato dagli allievi di quarta vive la sua prima Giornata della memoria.
CANTONE
18 ore
La legge sull'apertura dei negozi resta in vigore
Non è però prevista una commissione consultiva. Lo ha deciso il Tribunale federale
PARADISO
18 ore
Più gente in Paradiso
I residenti nel Comune luganese sono aumentati di 190, arrivando a toccare quota 4'531.
CANTONE
19 ore
Salgono i contagi, ma calano i ricoveri
Si registra anche una ulteriore vittima del virus, per un totale di 1'090 da inizio pandemia.
CANTONE
1 gior
Pochi decessi, ma «il numero dei contagi resta rilevante»
L'Ufficio del medico cantonale sulla situazione pandemica: «Molto dipenderà dalla variante circolante in futuro»
CANTONE
1 gior
La pandemia del narcisismo
Vivono sui social. Raccontano qualsiasi cosa della propria vita. Un bisogno che nasconde diversi problemi.
BELLINZONA
1 gior
Una mozione per il rifacimento della parte alta del viale Stazione
Il settore del famoso viale si presenta oggi come «anonimo e poco curato» secondo il Gruppo PLR in Consiglio Comunale
CONFINE
1 gior
Frontalieri italiani, l'accordo avanza
La commissione economia e tributi del Nazionale promuove la riforma fiscale (quasi) all'unanimità
CANTONE
1 gior
La marcia di chiusura dei Centri vaccinali: «Affrettatevi ad iscrivervi»
Il rallentamento delle richieste ha portato le autorità a ridimensionare progressivamente il dispositivo
CANTONE
1 gior
Lanciata una petizione a sostegno dei driver di Divoora
Le richieste: riconoscimento del tempo di lavoro e remunerazione di ogni ora lavorata
MENDRISIO
1 gior
A.A.A, asini cercansi
Servono a mantenere viva la tradizione del Palio che quest'anno festeggia i quarant'anni.
CANTONE
1 gior
Identikit dell'astensionista ticinese
Chi è, che lavoro fa, cosa ha votato e perché non vuole votare più. Lo studio dell'Università di Losanna
BELLINZONA
1 gior
La capitale è ancora più grande
A fine 2021 sotto l'ombra dei Castelli abitavano 44'530 persone, ovvero 474 in più rispetto a un anno prima.
LUGANO
30.04.2020 - 14:470
Aggiornamento : 16:01

La Città: «Più difficoltà che vantaggi nella riapertura varata dal Decs»

Il Municipio ha riassunto gli aspetti critici in una lettera inviata al Governo

Lugano: «Andava limitata la scuola in presenza solo agli alunni dell’ultimo anno di scuola dell’infanzia e di quinta elementare»

LUGANO - LUGANO - Anche il Municipio della Città ha analizzato stamani la decisione del Governo di riaprire la scuola dell’obbligo. Ed è giunto alla conclusione che occorrerebbe limitare la scuola in presenza solo agli alunni dell’ultimo anno di scuola dell’infanzia e di quinta elementare.

Questa valutazione, assieme ad altre, è contenuta in una lettera inviata al Governo. A parere della Città, che con proprio Istituto scolastico conta 3700 allievi per 50 sedi, il modello proposto dal Decs, non tiene conto di tutte le variabili in gioco. In particolare, una scuola a turni presuppone la presenza in classe della metà degli allievi, cosa che non permette di garantire il servizio di accudimento per gli allievi rimasti a casa, poiché i docenti e le aule sono occupati dal resto della classe.

La sospensione della refezione alla scuola elementare e dell'infanzia, secondo il Municipio di Lugano, è di difficile applicazione: emerge ad esempio la difficoltà per i genitori che lavorano di andare a prendere i bambini e riportarli a scuola. In alcuni quartieri l’uso dei trasporti scolastici è indispensabile, tuttavia il loro utilizzo non si concilia con la necessità di garantire la distanza sociale e le misure d’igiene. Inoltre, nelle sedi con molti allievi cadenzare le entrate e le uscite, seppur tecnicamente ipotizzabile, comporta evidenti perdite di tempo per l'insegnamento.

Alla luce di queste considerazioni, secondo la Città, la proposta del Decs non porta elementi significativi di miglioramento rispetto alla scuola a distanza, creando difficoltà nell’attuazione del servizio di accudimento necessario anche al riavvio dell’economia.

In conclusione, secondo il Municipio, l’apertura delle scuole dovrebbe avvenire limitando la scuola in presenza solo agli alunni dell’ultimo anno di scuola dell’infanzia e di quinta elementare, così da garantire agli allievi la chiusura del percorso scolastico in previsione del passaggio all’ordine successivo.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 1 anno fa su tio
Moriremo tutti. I paurosi moriranno senza aver vissuto.
Meck1970 1 anno fa su tio
I ragazzi sono stufi di stare a casa, si stanno deprimendo. Cosa fanno a casa fino a settembre? Inoltre diversi ragazzi stanno ricominciando ad uscire per incontrarsi con i loro compagni di scuola. Ci sarà una qualche statistica riguardante il coronavirus per poter prendere una decisione. Ho visto in alcuni articoli che sono i docenti che stanno facendo storie per le aperture. Ma che cosa devono dire le cassiere, o chi ha lavorato fino ad oggi nei negozi alimentari? E di sicuro non prendono la il loro salario.
vulpus 1 anno fa su tio
Il caro Bertoli proprio non ne azzecca una. Nuovamente dopo la conferenza di ieri da Berna, continua ad insistere con caparbietà nel voler riaprire le scuole: per lui orami è diventato uno scopo di vita: non prendere in considerazione i comuni che sono contrari alla illogica apertura alle condizioni imposte. Ebbene si, da Berna è arrivato un aggiustamento alle dichiarazioni di Koch: i bambini possono infettarsi e possono propagare il virus come gli adulti: anzi più critica sarebbe la situazione, in quanto i bambini possono avere dei sintomi trascurabili. E allora che facciamo? All'11 di maggio si parte con tutto, oppure molto più prudentemente come dicono molti sindaci, le scuole le teniamo chiuse,prudenzialmente? Ci sarebbe almeno la possibilità di testare le teorie su chi andrà a provocare la seconda ondata.
sedelin 1 anno fa su tio
decisioni a metà. bisognava aprire con l'obbligo per tutti, come sempre.
vulpus 1 anno fa su tio
Bertoli ha cannato ed ha portati i suoi colleghi alla stessa decisione: il malcontento e la contrarietà alla riapertura delle scuole dell'obbligo, come concepita dal DECS stà montando in modo esponenziale, e decisioni da parte dei comuni , dei genitori, degli insegnanti non in linea con il DECS si stanno profilando all'orizzonte. Poca avvedutezza e nessun confronto con una realtà scolastica, limitata nel suo operare dalla situazione, ha portato a voler a tutti i costi a imporre le decisioni di Bertoli, non nuovo a testardaggini del genere. Le pere stanno maturando, e tra poco cadranno .
pulp 1 anno fa su tio
Semmai avremo una seconda ondata, molto probabilmente non sarà per colpa della riapertura delle scuole...ma delle altre attività. In generale, con le dovute precauzioni dovremmo scamparla. Quello che nessuno dice è che riapertura di questo o di quello non è tornare ad ottobre 2019... tutto è cambiato e gestito in modo diverso... mascherine...disinfettanti... distanze sociali. Non è proprio poco.
ceto1960 1 anno fa su tio
Ha fatto bene Bertoli è tutto il Consiglio di Stato a prendere questa decisione. Perché tutti i Consiglieri di Stato dovrebbero partecipare ad ascoltare il collega, meglio che stanno al loro posto a lavorare sodo (e sono sicuro che lo stanno facendo). Fra quelli che non vogliono aprire le scuole magari ci sono persone, come ne ho viste in giro, in due (marito e moglie o altro) in coda davanti ad un fai da te, con due carrelli, per comperare 4 fiori per il giardino. Questa è la società che in alcuni casi si è già scordata del problema quando fa comodo a loro. Quindi ben venga l apertura delle scuole ed il contatto sociale fra i bambini.
Se7en 1 anno fa su tio
Ma smettila, siamo tutti nella stessa barca, .... rema e basta. Prenditela con il servizio accudimento
tazgana 1 anno fa su tio
Finalmente riaprono, ma era davvero necessario chiudere. Servizio accudimento che non fa fare i compiti, cosi mi ritrovo con mio figlio a fare alla sera quello che gli altri fanno durante il giorno. Facile parlare per chi è a casa tutto il giorno con i figli
Se7en 1 anno fa su tio
@tazgana ...., infatti il tempo per scrivere sui blog lo trovi....!
tazgana 1 anno fa su tio
@Se7en Si certo, già fatto 8e30 ore di lavoro, 2 ore di compiti adesso ancora 15 minuti poi si inizia con la cena e va benissimo cosi, certo con le scuole aperte sara tutto più facile. Domani si inizia una settimana di servizio di picchetto. Certo remo ma dalla direzione opposta alla tua. La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Se7en 1 anno fa su tio
@tazgana Che ne sai da che parte remo io? Io metto in primo piano la salute dei figli facendo dei sacrifici come tutti. Tanti lavorano, non solo te e non mi sembra di essere stato scortese nel rispondere alla tua opinione ... Se te, come tanti altri si fidano dei nostri politici che oggi dicono una cosa e domani un’altra, andando spesso in contraddizione, allora hai ragione, io remo dalla parte opposta ...
vulpus 1 anno fa su tio
Bertoli e compagni hanno perso di vista la situazione. In primis strano che non c'erano altri consiglieri di stato di fronte ad una decisione tanto critica quanto importante. Hanno voluto creare il caos, per seguire le esigenze di chi ha figli e non può accudirli. Ma forse non si sono accorti che così hanno creato più problemi che soluzioni. A mezza giornata poi chi accudisce i ragazzi se i genitori non possono? Si mandano ragazzi in avanti e indietro, portando il livello di stress al massimo per i ragazzi , i genitori, i nonni naturalmente e i maestri. Senza contare le rogne create ai municipi che naturalmente si devono arrangiare a organizzare il tutto. Perchè naturalmente , secondo le istruzioni per far funzionare il tutto sono necessarie aule grandi come palestre, bus trasporto da 120 posti, una miriade di maestri e assistenti per gestire i ragazzi all'entrata e all'uscita , durante le pause e le attese dei trasporti. Per poi trovarsi ai piedi della scala dopo 4 settimane scarse. Non era un tantino più intelligente chiudere tutto e organizzarsi seriamente per la metà di settembre? Oltretutto si va verso una apertura quasi di tutto, e nessuno ha idea di cosa possa succedere. Con anche le scuole aperte, se effettivamente arriva una seconda ondata, sarà peggio che il rabadan.
miba 1 anno fa su tio
Bertoli non fa nient'altro che seguire le indicazioni/direttive di Berna ed in questo caso fa bene, perché? Scusate, ma oltre Gottardo fanno tutte le polemiche ed il circo che stiamo facendo in Ticino? Vorrei ricordare a tanti blogger che, contrariamente alla vicina Italia, siamo pur sempre uno stato federale...
francox 1 anno fa su tio
@miba Hanno un tasso di mortalità quattro volte inferiore al nostro.
miba 1 anno fa su tio
@francox Ok, prendiamo pure i nostri decessi nostrani.... Quanti bambini? Quanti docenti? Quanti adulti sani (genitori)? Quanti anziani (nonni) sani? Siamo sempre il cantone del circo, delle scuse e dei pretesti, mi dispiace ma purtroppo è semplicemente così......
miba 1 anno fa su tio
@miba ....e soprattutto degli azzeccagarbugli politici nostrani. Scusa, dimenticato....
giuvanin 1 anno fa su tio
Per la riapertura sub cantieri, parrucchieri, negozi, bar e ristoranti, tutto ok? Perché si fanno tante storie solo per la riapertura (molto parziale) delle scuole?
jena 1 anno fa su tio
@giuvanin probabilmente tanta gente non voleva la riapertura dei cantieri, ecc e con la conseguente ripresa del frontalierato....
Se7en 1 anno fa su tio
@giuvanin Perché? Molto semplice, che senso ha riaprire per 13 giorni effettivi di scuola? Considerato che gli allievi vanno a scuola a fase alterne,... se lei vede dei benefici io personalmente non ne vedo
Se7en 1 anno fa su tio
Per quanto mi riguarda sono d’accordo con il comune di Lugano, riaprire le scuole comporta più svantaggi che benefici, ... in tutti i sensi
Se7en 1 anno fa su tio
... che sia di competenza cantonale o meno poco importa, la realtà è che adesso gli ospedali sono sotto controllo e allora possono permettersi di riaprire scuole e quant’altro, siamo tutti solo delle cavie per la scienza e il portafoglio
jena 1 anno fa su tio
di chi possiamo chiedere la testa in caso di peggioramento dei contagi ??? scelta assurza, azzardata e pericolosa ...
marco17 1 anno fa su tio
Accidenti quanti menagramo. Nessuno può dare garanzie assolute su quello che succederà, vale per coronavirus come per il resto. Chi ti garantisce che domani non ti diagnosticano un cancro? O che non sarai vittima di un infarto? Con questo genere di ragionamento si rimane chiusi in casa a tempo indeterminato. Chiedetevi invece come mai le case per anziani pur essendo un ambiente chiuso dal quale i degenti non escono, sono state i più grandi focolai di contagio e di casi mortali. Altro che paura per la riapertura delle scuole e dei ristoranti.
skorpio 1 anno fa su tio
scuola a parte, è solo una mia impressione oppure adesso gli specialisti si stanno arrampicando sui vetri per la questione rapporto virus-bambini-trasmissibilità? inoltre Merlani non mi sembra vada molto d'accordo con questa dottoressa... prermettemi di aggiungere : Svezia ecatombe di morti.... chi è che diceva che avevavo fatto bene a non chiudere... ?
sedelin 1 anno fa su tio
toh, al giorno d'oggi le competenze vengono stravolte: non spetta al decs decidere? ecco, allora che il municipio non perda tempo in polemiche dell'assurdo!
MIM 1 anno fa su tio
@sedelin Ultimamente mi sorprendo. Sono tanti commenti che valuto positivamente. Sarà un effetto del virus? :-)
sedelin 1 anno fa su tio
@MIM grazie, penso che dipenda dagli argomenti :-)
Frankeat 1 anno fa su tio
Come mai solo quelli dell'ultimo anno di asilo e quelli di 5a elementare, ma non quelli di 4a media?
skorpio 1 anno fa su tio
@Frankeat X Media la competenza è cantonale
Frankeat 1 anno fa su tio
@skorpio Giusto. Me l'ero scordato.
Frankeat 1 anno fa su tio
E chi avrebbe detto che verranno bocciati quelli che non si presentano?
francox 1 anno fa su tio
Se bocceranno tutti quelli che non si presenteranno, l'anno prossimo ci sarà un problemino logistico...
freevoice 1 anno fa su tio
Inoltre occorre tenere conto che i dati citati in converenza stampa da Bertoli sono da interpretare. Asserire che solo lo 0.3 % dei bambini è risultato positivo al covid è fuorviante, perchè il dato si riferisce al totale dei tamponi effettuati. Solo una piccolissima parte del totale dei tamponi sono stati effettuati a bambini. Di conseguenza lo 0.3% non dimostra che i bambini non sono dei vettori, ma solamente che si ammalano meno (e quindi solo un numero ridotto è stato sottoposto al tampone). Vorremmo sapere a quanti bambini è stato fatto il tampone e quanti di questi erano positivi (scommettiamo che non è lo 0.3 %?). La statistica va sempre interpretata, spero di sbagliarmi, ma se così non fosse, la riapertura delle scuole contribuirà a diffondere il virus, in modo asintomatico tra bambini, i quali lo trasmetteranno ai genitori, che si ammalerenno.
Frankeat 1 anno fa su tio
@freevoice Vorremmo sapere a quanti bambini è stato fatto il tampone?? Pluralis maiestatis o sei portavoce della popolazione?
sedelin 1 anno fa su tio
@freevoice nuovo nostradamus (come i ricercatori del poli di losanna)? dài, siate seri!
KilBill65 1 anno fa su tio
Solo una parola azzardo!!!....Poi se arrivera' la seconda ondata!!....Chiudera' di nuovo tutto, per passare l 'estate in casa?....E chi si prende la responsabilita' di tutto questo?.....
freevoice 1 anno fa su tio
@KilBill65 Io spero che non succeda nulla e non accada, in caso contrario oso sperare che Koch & Compagni di merenda, oltre che il buon Bertoli non "nascondano la mano dopo avere lanciato il sasso".
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-27 06:00:04 | 91.208.130.85