Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
FOTO
ASCONA
6 ore
Prende fuoco una barca, arrivano i pompieri
I militi di Locarno sono intervenuti presso il Porto Patriziale di Ascona.
CANTONE / SVIZZERA
7 ore
Marco Chiesa candidato unico, «ma non riceverà un salario»
Toccherà all'assemblea dei delegati, il 22 agosto, esprimersi sulla nomina del ticinese alla presidenza del partito.
CANTONE
8 ore
Ecco il nuovo console d'Austria in Ticino
Il professor Giuseppe Perale è stato investito oggi, succede a Brenno Brunoni
LUGANO
9 ore
Un laboratorio di droga fai-da-te
Un 24enne del Luganese ha prodotto a casa sua diversi etti di stupefacenti sintetici
FOTO E VIDEO
MENDRISIO
10 ore
Incidente a Genestrerio, morto il conducente
Ha avuto esito letale l'incidente avvenuto questo pomeriggio in via Canova.
FOTO E VIDEO
MENDRISIO
11 ore
Auto contro il muro di una casa, grave incidente a Genestrerio
Il conducente è rimasto incastrato fra le lamiere. Non si esclude il malore. Sul posto anche la Rega.
MELANO
11 ore
Melano regala le mascherine ai suoi abitanti
Tutti i fuochi riceveranno gratuitamente una confezione di mascherine chirurgiche.
FOTOGALLERY
MENDRISIO
13 ore
Incivili in azione all'ecocentro
Rifiuti buttati alla rinfusa e fuori dalle norme: il PPD sollecita il Municipio di Mendrisio
FOTO
CANTONE
14 ore
TicinoMusica 2020, malgrado il Covid è stata «un'edizione sorprendente»
Parola dell'organizzazione che guarda con fiducia alla prossima (che sarà quella del 25esimo)
LUGANO
15 ore
Lugano PasSteggia ritornerà questo 6 settembre
Con un'edizione tutta nuova che toccherà anche Collina d'Oro e Sorengo, nel pieno rispetto delle norme sanitarie.
BERNA
15 ore
Coop punta a una nuova formazione
Per chi intende iniziare un tirocinio ci sarà prima una formazione di base, e poi una specializzazione
CANTONE
15 ore
Il Ticino ha un nuovo riciclatore
Il giovane Ivo Bazzanella ha terminato il ciclo di formazione durato tre anni.
CANTONE
15 ore
Sette nuovi casi nel weekend
I contagi dall'inizio dell'emergenza salgono a 3'442. I morti restano 350.
LUGANO
15 ore
L'Endorfine Festival non cede al virus e ospita Roberto Burioni
La seconda edizione dell'evento si terrà dall'11 al 13 settembre a Lugano e sarà aperta dal noto virologo italiano.
CANTONE
16 ore
Vigneti di collina: «Il prezzo dell'uva garantirà il loro futuro?»
I filari sulle colline sono un simbolo ticinese che potrebbe andare perso.
CANTONE
17 ore
Chiesa presidente, ma con remunerazione
Il 45enne ticinese sostiene che senza indennizzi finanziari solo i ricchi potrebbero candidarsi.
CANTONE
18 ore
Gli "sboroni" non hanno paura
Auto truccate e rumorose: la Polizia fa controlli mirati. Ma chi opera nel settore non teme conseguenze
CANTONE
19 ore
Giovani conquistati da TikTok: «Un viale per la notorietà»
Dalla Cina con furore. Fino a sbarcare negli Stati Uniti e in Europa.
LOCARNESE
19 ore
Che paradosso quegli sportelli turistici semi chiusi
Interrogativi sulla strategia adottata dall’OTR Lago Maggiore e Valli. Lavoro ridotto? La direzione smentisce.
CANTONE
1 gior
Potente temporale si abbatte su Castione, disagi al traffico
La strada tra Castione e Lumino è al momento chiusa a causa di un allagamento
CANTONE
1 gior
Chiuso (e poi riaperto) il Gottardo per un'auto in panne
Per chi viaggia in direzione nord previsti 5 km di coda e tempi di attesa di oltre un'ora
CANTONE / BERNA
1 gior
Chiesa: «Io sempre indipendente dai Blocher»
Il consigliere agli Stati ticinese prende posizione sulle critiche in merito alla sua candidatura alla presidenza UDC.
CANTONE / BERNA
1 gior
Chiesa «marionetta» dei Blocher? Nell'UDC si chiede che dimostri la sua «leadership»
Voci interne al partito invocherebbero un segno di emancipazione in vista della sua elezione a presidente.
CANTONE
1 gior
I temporali spengono l'allerta canicola
Maltempo atteso questa sera e nella giornata di domani. Poi tornerà il caldo, ma non sarà "appiccicoso"
SVIZZERA
1 gior
Gli alberghi ticinesi hanno alzato i prezzi
Anche nei Grigioni i pernottamenti sono più cari rispetto all'estate scorsa.
SAN VITTORE (GR) / STABIO
1 gior
Furto con scasso nel Moesano, fermati il giorno dopo a Stabio
I due malviventi si erano impossessati di una piccola cassaforte e alcuni gioielli.
LUGANO
1 gior
Attimi di confusione alla pensilina di Lugano
Un giovane è stato ammanettato. Sul posto sono giunti diversi agenti di polizia.
CANTONE / SVIZZERA
1 gior
Durante il lockdown, «i servizi essenziali hanno continuato a funzionare»
Massagno ha festeggiato il "Natale della Patria" con il Procuratore generale del Canton Ticino, Andrea Pagani
LUGANO
30.04.2020 - 14:470
Aggiornamento : 16:01

La Città: «Più difficoltà che vantaggi nella riapertura varata dal Decs»

Il Municipio ha riassunto gli aspetti critici in una lettera inviata al Governo

Lugano: «Andava limitata la scuola in presenza solo agli alunni dell’ultimo anno di scuola dell’infanzia e di quinta elementare»

LUGANO - LUGANO - Anche il Municipio della Città ha analizzato stamani la decisione del Governo di riaprire la scuola dell’obbligo. Ed è giunto alla conclusione che occorrerebbe limitare la scuola in presenza solo agli alunni dell’ultimo anno di scuola dell’infanzia e di quinta elementare.

Questa valutazione, assieme ad altre, è contenuta in una lettera inviata al Governo. A parere della Città, che con proprio Istituto scolastico conta 3700 allievi per 50 sedi, il modello proposto dal Decs, non tiene conto di tutte le variabili in gioco. In particolare, una scuola a turni presuppone la presenza in classe della metà degli allievi, cosa che non permette di garantire il servizio di accudimento per gli allievi rimasti a casa, poiché i docenti e le aule sono occupati dal resto della classe.

La sospensione della refezione alla scuola elementare e dell'infanzia, secondo il Municipio di Lugano, è di difficile applicazione: emerge ad esempio la difficoltà per i genitori che lavorano di andare a prendere i bambini e riportarli a scuola. In alcuni quartieri l’uso dei trasporti scolastici è indispensabile, tuttavia il loro utilizzo non si concilia con la necessità di garantire la distanza sociale e le misure d’igiene. Inoltre, nelle sedi con molti allievi cadenzare le entrate e le uscite, seppur tecnicamente ipotizzabile, comporta evidenti perdite di tempo per l'insegnamento.

Alla luce di queste considerazioni, secondo la Città, la proposta del Decs non porta elementi significativi di miglioramento rispetto alla scuola a distanza, creando difficoltà nell’attuazione del servizio di accudimento necessario anche al riavvio dell’economia.

In conclusione, secondo il Municipio, l’apertura delle scuole dovrebbe avvenire limitando la scuola in presenza solo agli alunni dell’ultimo anno di scuola dell’infanzia e di quinta elementare, così da garantire agli allievi la chiusura del percorso scolastico in previsione del passaggio all’ordine successivo.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 3 mesi fa su tio
Moriremo tutti. I paurosi moriranno senza aver vissuto.
Meck1970 3 mesi fa su tio
I ragazzi sono stufi di stare a casa, si stanno deprimendo. Cosa fanno a casa fino a settembre? Inoltre diversi ragazzi stanno ricominciando ad uscire per incontrarsi con i loro compagni di scuola. Ci sarà una qualche statistica riguardante il coronavirus per poter prendere una decisione. Ho visto in alcuni articoli che sono i docenti che stanno facendo storie per le aperture. Ma che cosa devono dire le cassiere, o chi ha lavorato fino ad oggi nei negozi alimentari? E di sicuro non prendono la il loro salario.
vulpus 3 mesi fa su tio
Il caro Bertoli proprio non ne azzecca una. Nuovamente dopo la conferenza di ieri da Berna, continua ad insistere con caparbietà nel voler riaprire le scuole: per lui orami è diventato uno scopo di vita: non prendere in considerazione i comuni che sono contrari alla illogica apertura alle condizioni imposte. Ebbene si, da Berna è arrivato un aggiustamento alle dichiarazioni di Koch: i bambini possono infettarsi e possono propagare il virus come gli adulti: anzi più critica sarebbe la situazione, in quanto i bambini possono avere dei sintomi trascurabili. E allora che facciamo? All'11 di maggio si parte con tutto, oppure molto più prudentemente come dicono molti sindaci, le scuole le teniamo chiuse,prudenzialmente? Ci sarebbe almeno la possibilità di testare le teorie su chi andrà a provocare la seconda ondata.
sedelin 3 mesi fa su tio
decisioni a metà. bisognava aprire con l'obbligo per tutti, come sempre.
vulpus 3 mesi fa su tio
Bertoli ha cannato ed ha portati i suoi colleghi alla stessa decisione: il malcontento e la contrarietà alla riapertura delle scuole dell'obbligo, come concepita dal DECS stà montando in modo esponenziale, e decisioni da parte dei comuni , dei genitori, degli insegnanti non in linea con il DECS si stanno profilando all'orizzonte. Poca avvedutezza e nessun confronto con una realtà scolastica, limitata nel suo operare dalla situazione, ha portato a voler a tutti i costi a imporre le decisioni di Bertoli, non nuovo a testardaggini del genere. Le pere stanno maturando, e tra poco cadranno .
pulp 3 mesi fa su tio
Semmai avremo una seconda ondata, molto probabilmente non sarà per colpa della riapertura delle scuole...ma delle altre attività. In generale, con le dovute precauzioni dovremmo scamparla. Quello che nessuno dice è che riapertura di questo o di quello non è tornare ad ottobre 2019... tutto è cambiato e gestito in modo diverso... mascherine...disinfettanti... distanze sociali. Non è proprio poco.
Naike Romeo-The Prince of Wales 3 mesi fa su tio
Vedremo a breve quanto costeranno queste decisioni in termini di nuovo aumento dell'epidemia e di casi, anche gravi. Spero comunque in bene, si vedrà.
ceto1960 3 mesi fa su tio
Ha fatto bene Bertoli è tutto il Consiglio di Stato a prendere questa decisione. Perché tutti i Consiglieri di Stato dovrebbero partecipare ad ascoltare il collega, meglio che stanno al loro posto a lavorare sodo (e sono sicuro che lo stanno facendo). Fra quelli che non vogliono aprire le scuole magari ci sono persone, come ne ho viste in giro, in due (marito e moglie o altro) in coda davanti ad un fai da te, con due carrelli, per comperare 4 fiori per il giardino. Questa è la società che in alcuni casi si è già scordata del problema quando fa comodo a loro. Quindi ben venga l apertura delle scuole ed il contatto sociale fra i bambini.
albertolupo 3 mesi fa su tio
Ha detto bene Bertoli: “ci sono quelli che i problemi li affrontano e cercano soluzioni e ci sono quelli che fanno la lista dei problemi”.
Se7en 3 mesi fa su tio
Ma smettila, siamo tutti nella stessa barca, .... rema e basta. Prenditela con il servizio accudimento
tazgana 3 mesi fa su tio
Finalmente riaprono, ma era davvero necessario chiudere. Servizio accudimento che non fa fare i compiti, cosi mi ritrovo con mio figlio a fare alla sera quello che gli altri fanno durante il giorno. Facile parlare per chi è a casa tutto il giorno con i figli
Se7en 3 mesi fa su tio
@tazgana ...., infatti il tempo per scrivere sui blog lo trovi....!
tazgana 3 mesi fa su tio
@Se7en Si certo, già fatto 8e30 ore di lavoro, 2 ore di compiti adesso ancora 15 minuti poi si inizia con la cena e va benissimo cosi, certo con le scuole aperte sara tutto più facile. Domani si inizia una settimana di servizio di picchetto. Certo remo ma dalla direzione opposta alla tua. La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Se7en 3 mesi fa su tio
@tazgana Che ne sai da che parte remo io? Io metto in primo piano la salute dei figli facendo dei sacrifici come tutti. Tanti lavorano, non solo te e non mi sembra di essere stato scortese nel rispondere alla tua opinione ... Se te, come tanti altri si fidano dei nostri politici che oggi dicono una cosa e domani un’altra, andando spesso in contraddizione, allora hai ragione, io remo dalla parte opposta ...
vulpus 3 mesi fa su tio
Bertoli e compagni hanno perso di vista la situazione. In primis strano che non c'erano altri consiglieri di stato di fronte ad una decisione tanto critica quanto importante. Hanno voluto creare il caos, per seguire le esigenze di chi ha figli e non può accudirli. Ma forse non si sono accorti che così hanno creato più problemi che soluzioni. A mezza giornata poi chi accudisce i ragazzi se i genitori non possono? Si mandano ragazzi in avanti e indietro, portando il livello di stress al massimo per i ragazzi , i genitori, i nonni naturalmente e i maestri. Senza contare le rogne create ai municipi che naturalmente si devono arrangiare a organizzare il tutto. Perchè naturalmente , secondo le istruzioni per far funzionare il tutto sono necessarie aule grandi come palestre, bus trasporto da 120 posti, una miriade di maestri e assistenti per gestire i ragazzi all'entrata e all'uscita , durante le pause e le attese dei trasporti. Per poi trovarsi ai piedi della scala dopo 4 settimane scarse. Non era un tantino più intelligente chiudere tutto e organizzarsi seriamente per la metà di settembre? Oltretutto si va verso una apertura quasi di tutto, e nessuno ha idea di cosa possa succedere. Con anche le scuole aperte, se effettivamente arriva una seconda ondata, sarà peggio che il rabadan.
miba 3 mesi fa su tio
Bertoli non fa nient'altro che seguire le indicazioni/direttive di Berna ed in questo caso fa bene, perché? Scusate, ma oltre Gottardo fanno tutte le polemiche ed il circo che stiamo facendo in Ticino? Vorrei ricordare a tanti blogger che, contrariamente alla vicina Italia, siamo pur sempre uno stato federale...
francox 3 mesi fa su tio
@miba Hanno un tasso di mortalità quattro volte inferiore al nostro.
miba 3 mesi fa su tio
@francox Ok, prendiamo pure i nostri decessi nostrani.... Quanti bambini? Quanti docenti? Quanti adulti sani (genitori)? Quanti anziani (nonni) sani? Siamo sempre il cantone del circo, delle scuse e dei pretesti, mi dispiace ma purtroppo è semplicemente così......
miba 3 mesi fa su tio
@miba ....e soprattutto degli azzeccagarbugli politici nostrani. Scusa, dimenticato....
giuvanin 3 mesi fa su tio
Per la riapertura sub cantieri, parrucchieri, negozi, bar e ristoranti, tutto ok? Perché si fanno tante storie solo per la riapertura (molto parziale) delle scuole?
jena 3 mesi fa su tio
@giuvanin probabilmente tanta gente non voleva la riapertura dei cantieri, ecc e con la conseguente ripresa del frontalierato....
Se7en 3 mesi fa su tio
@giuvanin Perché? Molto semplice, che senso ha riaprire per 13 giorni effettivi di scuola? Considerato che gli allievi vanno a scuola a fase alterne,... se lei vede dei benefici io personalmente non ne vedo
Se7en 3 mesi fa su tio
Per quanto mi riguarda sono d’accordo con il comune di Lugano, riaprire le scuole comporta più svantaggi che benefici, ... in tutti i sensi
Se7en 3 mesi fa su tio
... che sia di competenza cantonale o meno poco importa, la realtà è che adesso gli ospedali sono sotto controllo e allora possono permettersi di riaprire scuole e quant’altro, siamo tutti solo delle cavie per la scienza e il portafoglio
albertolupo 3 mesi fa su tio
@Se7en Esatto, descrizione perfetta: abbiamo potuto gestire una situazione di crisi, quindi sappiamo che potremo gestire anche un ritorno di contagi. Tutto qui.
jena 3 mesi fa su tio
di chi possiamo chiedere la testa in caso di peggioramento dei contagi ??? scelta assurza, azzardata e pericolosa ...
albertolupo 3 mesi fa su tio
@jena E perché mai? L’hanno anche detto chiaramente che ci sarà un ritorno di contagio, così come hanno detto chiaramente che “non è tutto finito” e che con il virus dovremo imparare a conviverci.
marco17 3 mesi fa su tio
Accidenti quanti menagramo. Nessuno può dare garanzie assolute su quello che succederà, vale per coronavirus come per il resto. Chi ti garantisce che domani non ti diagnosticano un cancro? O che non sarai vittima di un infarto? Con questo genere di ragionamento si rimane chiusi in casa a tempo indeterminato. Chiedetevi invece come mai le case per anziani pur essendo un ambiente chiuso dal quale i degenti non escono, sono state i più grandi focolai di contagio e di casi mortali. Altro che paura per la riapertura delle scuole e dei ristoranti.
skorpio 3 mesi fa su tio
scuola a parte, è solo una mia impressione oppure adesso gli specialisti si stanno arrampicando sui vetri per la questione rapporto virus-bambini-trasmissibilità? inoltre Merlani non mi sembra vada molto d'accordo con questa dottoressa... prermettemi di aggiungere : Svezia ecatombe di morti.... chi è che diceva che avevavo fatto bene a non chiudere... ?
sedelin 3 mesi fa su tio
toh, al giorno d'oggi le competenze vengono stravolte: non spetta al decs decidere? ecco, allora che il municipio non perda tempo in polemiche dell'assurdo!
MIM 3 mesi fa su tio
@sedelin Ultimamente mi sorprendo. Sono tanti commenti che valuto positivamente. Sarà un effetto del virus? :-)
sedelin 3 mesi fa su tio
@MIM grazie, penso che dipenda dagli argomenti :-)
Frankeat 3 mesi fa su tio
Come mai solo quelli dell'ultimo anno di asilo e quelli di 5a elementare, ma non quelli di 4a media?
skorpio 3 mesi fa su tio
@Frankeat X Media la competenza è cantonale
Frankeat 3 mesi fa su tio
@skorpio Giusto. Me l'ero scordato.
Frankeat 3 mesi fa su tio
E chi avrebbe detto che verranno bocciati quelli che non si presentano?
francox 3 mesi fa su tio
Se bocceranno tutti quelli che non si presenteranno, l'anno prossimo ci sarà un problemino logistico...
freevoice 3 mesi fa su tio
Inoltre occorre tenere conto che i dati citati in converenza stampa da Bertoli sono da interpretare. Asserire che solo lo 0.3 % dei bambini è risultato positivo al covid è fuorviante, perchè il dato si riferisce al totale dei tamponi effettuati. Solo una piccolissima parte del totale dei tamponi sono stati effettuati a bambini. Di conseguenza lo 0.3% non dimostra che i bambini non sono dei vettori, ma solamente che si ammalano meno (e quindi solo un numero ridotto è stato sottoposto al tampone). Vorremmo sapere a quanti bambini è stato fatto il tampone e quanti di questi erano positivi (scommettiamo che non è lo 0.3 %?). La statistica va sempre interpretata, spero di sbagliarmi, ma se così non fosse, la riapertura delle scuole contribuirà a diffondere il virus, in modo asintomatico tra bambini, i quali lo trasmetteranno ai genitori, che si ammalerenno.
Frankeat 3 mesi fa su tio
@freevoice Vorremmo sapere a quanti bambini è stato fatto il tampone?? Pluralis maiestatis o sei portavoce della popolazione?
sedelin 3 mesi fa su tio
@freevoice nuovo nostradamus (come i ricercatori del poli di losanna)? dài, siate seri!
KilBill65 3 mesi fa su tio
Solo una parola azzardo!!!....Poi se arrivera' la seconda ondata!!....Chiudera' di nuovo tutto, per passare l 'estate in casa?....E chi si prende la responsabilita' di tutto questo?.....
freevoice 3 mesi fa su tio
@KilBill65 Io spero che non succeda nulla e non accada, in caso contrario oso sperare che Koch & Compagni di merenda, oltre che il buon Bertoli non "nascondano la mano dopo avere lanciato il sasso".
albertolupo 3 mesi fa su tio
@KilBill65 Ma nessuno che ascolta cosa ci viene detto?
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-04 01:39:25 | 91.208.130.87