GastroTicino
Da sinistra Gabriele Beltrami (direttore di GastroTicino), Marco Borradori (sindaco di Lugano), Enea Pedrini (figlio di Basilio), Marco Galli (presidente del Patriziato di Gerra Gambarogno), Massimo Suter (presidente di GastroTicino).
ULTIME NOTIZIE Ticino
BELLINZONA
13 min
Col casco in testa, a caccia delle buche killer
Un credito di 3 milioni di franchi per risistemare le piste ciclabili della Capitale. Lo chiede il municipale Christian Paglia. Ecco il nostro video
BELLINZONA
1 ora
Oggi Pronzini ha parlato «troppo», è polemica
Dieci interpellanze su 12 erano del deputato Mps. Le discussioni slittano, e tra i banchi del Gran Consiglio volano stracci
CANTONE
2 ore
«Anche per me l'influencer non è una professione»
Manuele Bertoli ha risposto all'interpellanza del PC sull'evento organizzato alla città dei mestieri di Bellinzona
LUGANO
2 ore
Cantiere in via Maraini: «Nessun pericolo»
La Città di Lugano fuga i dubbi sollevati la scorsa settimana da Sara Beretta Piccoli circa i rischi relativi alla presunta presenza di amianto
CANTONE
2 ore
Sostenibilità, per i Verdi serve un organo responsabile
Si occuperebbe di tradurre in effettiva azione politica un concetto «che altrimenti rischia di rimanere solo un termine vago»
CANTONE
3 ore
Batteri nei ristoranti, ecco cosa è stato trovato
Il laboratorio cantonale ha effettuato analisi in un centinaio di esercizi ticinesi. I risultati delle indagini
CANTONE
3 ore
Non è terrorista, ma rischia di finire in una struttura chiusa
L'uomo, che soffre di schizofrenia, ha aggredito una guardia durante la sua detenzione
MAGGIA
3 ore
Un fenicottero rosa atterra in Ticino
Si tratta della seconda segnalazione da sempre di questa specie nel nostro Cantone
CANTONE
4 ore
Maestro interrogato: prosciolti i due poliziotti
Si è concluso con un'assoluzione il secondo processo a due agenti della Cantonale. Erano accusati di sequestro di persona e abuso di autorità
CANTONE
6 ore
Galleria di base del Ceneri: luce verde all'esercizio di prova
L'Ufficio federale dei trasporti ha dato l'autorizzazione ad AlpTransit San Gottardo per l'inizio dei test che avranno luogo tra marzo e fine agosto
CANTONE
7 ore
Losanna spegne l'ultimo "lumino" a Girardi
L'ex direttore del locale erotico era tornato a insistere sul presunto finanziamento lobbistico alla Lega. Ma per l'Alta Corte il fatto è ininfluente
LOCARNO
7 ore
«Serve un tavolo sulla violenza giovanile»
Lo chiede il gruppo PPD in Consiglio comunale. Con una mozione presentata oggi
LOCARNO
7 ore
Una zona 30 su via Vallemaggia?
La chiede una mozione presentata al Municipio di Locarno
CANTONE
8 ore
L'economia ticinese? «Bilancio positivo»
Il rapporto annuale dell'O-De registra un aumento delle esportazioni e delle nuove imprese. Difficoltà nel settore culturale e alimentare
LUGANO
8 ore
Il Ticino degli affari si sfrega le mani
Periodo cruciale per Business Network International nella Svizzera italiana. L’organizzazione conta ora un nuovo gruppo. E non è finita
MENDRISIO
9 ore
Carlo è stato ritrovato «sano e salvo»
Scomparso lo scorso 12 febbraio da Mendrisio, Il 51enne è stato rinvenuto questa mattina «in buone condizioni»
CANTONE
9 ore
«Il Governo annulli la nomina della direttrice aggiunta alla Giustizia»
Lo chiede il gruppo MPS-Pop-Indipendenti: «Si è proceduto senza lo straccio di un concorso». Interrogativi sul bando annullato e i requisiti svaniti
LUGANO
21.01.2020 - 18:280

Cerimonia carica di emozioni per GastroTicino

Le aule principali della Scuola esercenti sono state dedicate ai compianti Basilio Pedrini ed Enrico Balestra

di Redazione

LUGANO - L’Assemblea straordinaria dei delegati ha approvato oggi il credito di 4,5 milioni per l’acquisto del terreno sul quale sorge “la casa degli esercenti”. Al termine si è svolta una cerimonia davvero carica di emozione: GastroTicino ha scelto di dedicare le aule principali della Scuola esercenti ai compianti Basilio Pedrini ed Enrico Balestra, ai quali si devono l’idea e l’impegno per la costruzione della sede della federazione esercenti-albergatori.

«Ci sono anni - ha sottolineato il direttore Gabriele Beltrami - che si possono definire storici per la nostra associazione. Il primo è il 1974 quando si inaugurò quella che fu definita la “casa degli esercenti”. Il secondo fu il 1998 quando si investì per la ristrutturazione di questo palazzo fortemente voluto dal presidente Basilio Pedrini e dal direttore Enrico Balestra. Il terzo è il 2020 perché a 116 anni dalla sua fondazione, GastroTicino festeggia l’acquisto del terreno sul quale sorge il nostro palazzo».

«Un passo di estrema importanza per il settore - ha aggiunto il presidente Massimo Suter - perché dimostra quanto GastroTicino tenga alla formazione e alla messa a disposizione dei soci di servizi sempre più performanti». In questo senso Suter - ringraziando le autorità cittadine e l’assemblea - ha messo in risalto anche il valore “politico” della decisione dei delegati, che ha fatto seguito a quelle del Municipio di Lugano e del Consiglio comunale: una vendita che suona anche come atto di fiducia verso un’associazione che lavora ogni giorno per elevare il livello della formazione nel settore e si batte per i diritti dei propri membri.

«Siamo anche orgogliosi di aver compiuto quasi un nostro dovere, nei confronti di chi aveva creduto con forza nel futuro dell’associazione. In particolare, Basilio Pedrini ed Enrico Balestra, i quali avevano intuito che per far crescere la federazione e la scuola, occorresse garantire stabilità al segretariato e ai corsi».

RITRATTI

Basilio Pedrini

Basilio Pedrini aveva 24 anni quando negli Anni 30 assunse la conduzione dell'omonimo bar gelateria in via al Forte a Lugano, dove per più di 30 anni dette la sua impronta portando sempre qualcosa di nuovo, coadiuvato dalla moglie Germana.  

Eletto presidente degli esercenti negli Anni 60, lasciò la conduzione del suo bar-gelateria ai figli, dedicando tutto il suo tempo, da pensionato, alla crescita della Federazione che, a quel tempo era, come si suol dire, a conduzione familiare.

Sotto la sua presidenza GastroTicino iniziò a imboccare il binario della modernità. Ma lui, lungimirante, piano piano incominciò a parlare di qualche cosa che allora - come ricordava il direttore Enrico Balestra - sembrava essere solo un sogno: l'idea della costruzione di uno stabile nel quale collocare tutto quanto poteva servire alla Federazione, una vera e propria casa degli esercenti. Ci furono dei momenti duri per le diverse opinioni, come i dibatti sul luogo di costruzione di questo centro.

Ma, forse, la spinta definitiva per la nuova sede venne dall'offerta da parte del Comune di Lugano, con l'allora sindaco Ferruccio Pelli, di aiutare e di mettere a disposizione un diritto di superficie per 60 anni, più la possibilità di affitto del terreno per altri 30 anni.

E così nacque una sede moderna con attrezzature adeguate ai corsi professionali e ai corsi per apprendisti cuochi, gli uffici della Federazione, della Fiduciaria esercenti, dell'AVS e degli Assegni familiari. All'inaugurazione del gennaio 1974, l'orgoglio di Basilio Pedrini è stato quello di poter dire: «Siamo stati i primi della Svizzera a portare a termine quest'opera e soprattutto senza chiedere un sussidio allo Stato¢.

Il 14 maggio 1981 lasciò la presidenza, ma fu sempre vicino alla Federazione e, come membro onorario, portò con voce pacata preziosi consigli alle assemblee annuali, non mancando quasi giornalmente di far una visita al bar del nostro palazzo. Una presenza sempre importante tanto che fu chiamato a tagliare il nastro nella nuova sede, nel frattempo ristrutturata, e inaugurata nel 1998.

Enrico Balestra

Nasce a Gerra Gambarogno il 9 giugno 1920 e dopo le scuole obbligatorie, a soli 14 anni parte per Friborgo, dove inizia l’apprendistato di cuoco all’Hotel des Corporations. A 16 anni, supera a pieni voti gli esami, dopodiché rientra in Ticino iniziando il suo primo impiego a Bellinzona, tornando di nuovo oltre Gottardo per lavorare in alberghi di prima categoria. Assolto il servizio militare nella sussistenza, verso la fine del 1940 Balestra è chiamato a dirigere l’Albergo ristorante Casa del Popolo a Bellinzona che in cinque anni porta a livelli di eccellenza. Nel 1954 si mette in proprio, rilevando il ristorante con alloggio Maxim, in Via Petrarca a Lugano.

In vigore da diversi anni l’obbligo di seguire i corsi per ottenere il certificato di capacità, “Rico” s’iscrive alla Scuola esercenti, che dirigerà poi a partire dal 1964 e fino al 1985.

Costruita nel frattempo la sede di Via Gemmo, grazie alle doti di coordinatore e al dinamismo di Balestra, la Scuola esercenti inizia a funzionare con soddisfazione di GastroTicino e della Divisione per la formazione professionale, con la quale Balestra intrattenne sempre un rapporto improntato a reciproca stima e massima collaborazione.

«Al termine della sua lunga attività professionale - spiega il direttore Gabriele Beltrami - Balestra fu nominato, per i suoi meriti, membro onorario di GastroTicino, e fino all’ultimo, ormai ultra novantenne, ospite della Casa Anziani di Gemmo (qui a 200 m), tutte le mattine passava a trovarmi in ufficio al terzo piano, per chiedermi se era tutto a posto, e poi scendeva di un piano alla GastroSocial per andare dal Dir. Mario Regusci per chiedere pure a lui se tutto era in ordine; in seguito, da noi rassicurato che si andava avanti bene, felice, ritornava nella sua camera ad attendere il giorno successivo, e questo fino alla sua dipartita nel 2014».

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-17 20:20:40 | 91.208.130.86