ULTIME NOTIZIE Ticino
LOCARNO
6 ore
Il Verbano invade il Parco della pace
Immagini suggestive scattate da una lettrice. Ecco le conseguenze delle recenti forti piogge
LUGANO
8 ore
Vanno solo alle elementari e hanno già lo Smartphone
Si abbassa sempre di più l’età in cui i ragazzini hanno il primo approccio con le nuove tecnologie. “Colpa” anche delle cattive abitudini dei genitori? L’analisi dell’esperta Eleonora Benecchi
SAN BERNARDINO (GR)
9 ore
Ente Turistico Moesano: il cda passa a 7 membri
L'obiettivo è di rappresentare meglio il territorio di Mesolcina e Calanca al suo interno
CANTONE
10 ore
Tutti i numeri degli accertamenti fiscali
A chiederli è il Gruppo del PS in Gran Consiglio in vista del dibattito parlamentare del 5 novembre: «È efficace, equo e garante di parità di trattamento tra contribuenti?»
FOTO E VIDEO
LUGANO
10 ore
Studente espulso: i compagni protestano fuori dal carcere
Il rimpatrio forzato di un 19enne - da ieri alla Stampa - ha innescato una manifestazione di solidarietà da parte degli allievi della Csia
CANTONE
11 ore
Mensa obbligatoria negli asili, il tamtam diventa mediatico
L’Aripe, associazione che critica l’impostazione ticinese, si sta muovendo con una serie di articoli sulle testate d’oltralpe per segnalare «in negativo l’unicum del nostro cantone».  
LOCARNO
11 ore
Delta Resort: «Quando arriva la sentenza?»
Interpellanza di Fabrizio Sirica e cofirmatari: «Il Consiglio di Stato ha cambiato idea?»
FOTO
BEDRETTO
11 ore
Veicolo in fiamme sulla Novena, lievi ustioni per il conducente
Sul posto sono intervenuti i Pompieri dell'Alta Leventina, la Polizia, e un'ambulanza che ha prestato i primi soccorsi al ferito e l'ha trasportato in ospedale
CANTONE
12 ore
Acqua di nuovo potabile ad Alto Malcantone
I parametri sono rientrati nella normalità. Resta in vigore la non potabilità a Cademario, Aranno e nelle frazioni di seo, Cimo, Gaggio e Pianazzo a Bioggio
CANTONE
13 ore
Visita di cortesia a Palazzo delle Orsoline
Il Consiglio di Stato ha ricevuto oggi la Console generale di Svizzera a Milano Sabrina Dallafior
CANTONE
13 ore
Minorenne violentata. Condannato a 4 anni, poi sarà espulso
Il legale del 29enne kosovaro valuta il ricorso in Appello. La giovane riceverà 12mila franchi di risarcimento
CANTONE
13 ore
Ecco Lu, il nuovo agente a 4 zampe della Polizia cantonale
Il nuovo collega della sezione cinofila è stato presentato oggi sulla pagina Instagram del corpo
GIUBIASCO
15 ore
Col furgoncino nel fiume, arrestato il guidatore-ladro
Il veicolo, di proprietà di una ditta di pompe funebri, era rubato. Dopo due incidenti l'automobilista aveva tentato la fuga. Invano
CANTONE
15 ore
La Valle di Blenio si presenta unita per la stagione invernale
Le 2 stazioni sciistiche, Campo Blenio e Nara, propongono una nuova stagionale valevole per entrambi i comprensori
AGNO
16 ore
Nuove nubi sulla Mikron
La società ha inoltrato la domanda per introdurre il lavoro ridotto
MENDRISIO
18.07.2019 - 15:460

Quasi quattro mesi e il “gigante buono” ancora non si trova

La trasmissione “Chi l’ha visto?” è tornata sulla scomparsa di Americo Aldrovandi. Gli amici che avevano il suo cellulare: «Sta bene, è in giro e se ne frega»

CAPOLAGO - Era il 20 marzo quando Americo Aldrovandi ha lasciato il suo domicilio di Capolago. Una settimana dopo la polizia cantonale aveva diffuso un avviso di scomparsa e da allora i suoi familiari non hanno più avuto sue notizie.

Una scomparsa di cui si è occupata più volte anche la trasmissione “Chi l’ha visto?”, che ancora ieri sera gli ha dedicato un servizio. La redazione è riuscita a contattare la persona che era in possesso del telefono di Americo, quando lui era già scomparso. «Americo sta bene, è in giro per cavoli suoi e se ne frega della mamma, della zia e della nonna». Matteo - questo il nome svelato dalla redazione del programma di Rai 3 - non usa mezzi termini. Ma la sorella di Americo non ci sta: «È tutto molto strano, mio fratello non è così».

Matteo, che per un periodo è stato ospite di Americo a Capolago, dice di avere buttato lui stesso il cellulare di Americo «in un cestino in Italia». Glielo avrebbe chiesto lo stesso Aldrovandi, «perché era rintracciabile» come il computer e la playstation. «Lui il telefono lo ha lasciato a casa. Mi chiamava e mi diceva cosa scrivere e di non rispondere alla mamma e alla zia».

Americo - continua nella sua versione - decide di andare via perché si sente minacciato. «Ci ha chiamato più volte ma con un’app, la BBM, che cancella tutto e non è rintracciabile».

Ad aver visto per ultimo Americo sarebbe poi un altro amico, presso il quale si sarebbe trasferito per qualche giorno. Si chiama Tommi e - secondo Matteo - lo avrebbe accompagnato lui a Balerna. “Chi l’ha visto” lo ha rintracciato: «Non mi va tanto di parlare. Lo rispetto e non mi va che si parli di lui».

Tre settimane prima della scomparsa, Americo avrebbe incontrato un “mediatore” che si occupa di recupero crediti. Voleva riavere 2’000 euro, che aveva prestato ad un ragazzo. Matteo dice anche che «Americo aveva un sacco di contanti, pagava sempre lui le cene da 400-500 franchi». Parole che lasciano la sorella con l’amaro in bocca: «Lui non è così. Non mi sembra neppure che stanno parlando di lui». E lancia l’ennesimo appello: «Scrivi o chiama qualcuno. Dì se stai bene oppure no».

4 mesi fa Tabulati telefonici, il giallo del "gigante buono" si infittisce
5 mesi fa Il giallo del "gigante buono", sparito dopo l'aggressione
7 mesi fa Si cerca Americo Aldrovandi
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-24 04:45:40 | 91.208.130.89