Keystone (archivio)
«La Svizzera non è una priorità per Bruxelles».
SVIZZERA
26.06.2019 - 08:530

«L'accordo quadro? È urgente concluderlo»

Per Jacques de Watteville, ex capo negoziatore svizzero presso l'UE, è fondamentale chiudere entro ottobre: «Con la partenza di Juncker rischiamo di perdere alcune concessioni ottenute»

BERNA - L'ex capo negoziatore svizzero presso l'UE, Jacques de Watteville, ritiene che sia urgente concludere l'accordo quadro con Bruxelles. "Esiste una finestra di opportunità" fino alla partenza del presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker a fine ottobre.

«Se il dossier si blocca rischiamo di perdere alcune delle concessioni ottenute», ha dichiarato de Watteville in un'intervista apparsa oggi su La Tribune de Genève e 24 Heures. «La Svizzera non è una priorità per Bruxelles», aggiunge puntando il dito sull'uscita del Regno Unito dall'Unione europea (Ue).

«Il risultato della negoziazione è un compromesso», ha ricordato de Watteville. Nel capitolo dell'accordo contenente l'adozione del diritto europeo, la sorveglianza e il regolamento delle controversie, il Consiglio federale ha ottenuto «l'essenziale» di quello che voleva.

L'ex negoziatore, 68enne, nota che «la Svizzera ha avuto ragione sull'adozione dinamica del diritto europeo e non automatica». Sottolinea inoltre che ha ottenuto un tribunale arbitrale per regolare controversie, istituzione «che l'Ue non voleva».

Misure di accompagnamento interne - Per quanto riguarda le misure di accompagnamento alla libera circolazione delle persone, l'attuale presidente della Banca cantonale vodese ritiene che le preoccupazioni dei sindacati siano «legittime». Ma sottolinea che Bruxelles voleva che alle imprese dell'Ue non fosse imposto alcun termine di preavviso per venire a lavorare in Svizzera contro gli otto giorni attuali. «Ora ne offre quattro».

Per rafforzare il dispositivo di protezione dei salari, de Watteville propone di adottare misure di accompagnamento interne eurocompatibili. «Abbiamo più tempo» dal momento «che non si voterà sull'accordo quadro prima di qualche anno».

Mentre il Consiglio federale ha chiesto chiarimenti a Bruxelles su tre punti, l'Ue minaccia di non prolungare il riconoscimento dell'equivalenza della Borsa svizzera oltre il 30 giugno.

«Senza accordo (la Svizzera, ndr) si espone al rischio di misure di compensazione non proporzionate. L'accordo è uno scudo. Per un piccolo Paese come la Svizzera, è importante», indica de Watteville.

Commenti
 
lo spiaggiato 3 sett fa su tio
Giusto, accordo fondamentale per il benessere del nostro paese... :-)))))
anndo76 3 sett fa su tio
be' le braghe le avete gia' calate su tutto...con ZERO in cambio. chiunque negoziera' etc dovra' "ricalare" le braghe....in cambio ( diversamente ) di ulteriori repressioni etc alla piccola e isolata svizzera.
ugo202230 3 sett fa su tio
Sig Watteville mettiamo sulla bilancia quanto ottenuto e quanto concesso, scommettiamo che l’ago penderà come sempre a nostro sfavore? Niente accordo quadro se non a nostro favore. Chiaroooo
Zico 3 sett fa su tio
Ciunker se andrà ed è già una cosa positiva. Anche l'ex negoziatore dovrebbe godersi la pensione in UE se gli piace tanto. calabraghe!
Thor61 3 sett fa su tio
Quanta fretta di renderci succubi dell'UE! Chissà da dove nasce questa fretta?!?
Danny50 3 sett fa su tio
Ex negoziatore ! Con questo genere di venduto per quattro soldi cosa ci aspettiamo ? Non dimentichiamoci che questo è stato il portaborse della consigliera peggiore della storia.
streciadalbüter 3 sett fa su tio
venduto e calabraghe!
miba 3 sett fa su tio
Venduto!
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-07-18 03:32:14 | 91.208.130.86