Keystone
Prima compagni...
ULTIME NOTIZIE Sport
MOTOMONDIALE
1 ora
Vale si diverte in Mercedes: «Vi spiego tutto...»
L'italiano tra presente e futuro: «Questa stagione è stata molto complicata, 2020 anno importante». 9 dicembre il giorno dello "scambio"
HCL
3 ore
Il Lugano perde Wellinger
Il difensore bianconero è stato operato a causa di una borsite a un malleolo
FORMULA 1
4 ore
«Ferrari, sei così convinta di voler prendere Hamilton?»
L'ex team principal di Benetton e Renault Flavio Briatore: «Se il prossimo anno Leclerc continuasse il processo di crescita iniziato quest’anno, io punterei sul monegasco»
NATIONAL LEAGUE
7 ore
Quando Bob Hartley chiese a Sven Ryser di far male a Reto Von Arx...
Episodio da censura: il coach canadese decise poi di mettere fuori rosa il suo giocatore, il quale si rifiutò di ferire l'avversario...
SUPER LEAGUE
9 ore
Djuric vuole battere il Lugano: «Un folle spareggio come quello dell'anno scorso vogliamo evitarlo»
Sabato sera alla Maladière lo Xamax - reduce da tre sconfitte di fila - ospiterà i bianconeri: «Le loro assenze? Non guardiamo l'avversario. Dobbiamo vincere»
HCAP
18 ore
«Dispiace per Upshall, sia a livello umano che per quanto dava alla squadra»
Paolo Duca, ds biancoblù, ha parlato del ferimento dell'attaccante canadese: «È un guerriero, non ha mollato e ha già iniziato la terapia. Ora, un aspetto positivo, è il ritorno di Sabolic»
SCI ALPINO
21 ore
Lara si difende: «Ho vinto tanto, ciò che ho scelto per la mia carriera ha funzionato»
La sciatrice ticinese ha risposto alle accuse di non essersi allenata abbastanza a causa del rapporto con Valon Behrami: «Non sono stata professionale? È ridicolo»
NATIONAL LEAGUE
22 ore
Quattro turni di stop per Tim Bozon
L'attaccante del Ginevra paga per una dura carica su Arcobello
NATIONAL LEAGUE
23 ore
Sarà Jeffrey a prendere il posto di Arcobello a Berna?
Al canadese non è stato rinnovato il contratto dal Losanna
HCAP
23 ore
Ambrì, che sfortuna: infortunio al ginocchio per Upshall 
Il canadese, infortunatosi sabato sera a Langnau, dovrà rimanere ai box per 3-4 settimane
UN DISCO PER L'ESTATE
23.08.2019 - 07:010
Aggiornamento : 02.09.2019 - 17:50

«Tosio valeva più di mezza squadra. E se fosse nato una quindicina d'anni dopo...»

Suo compagno per cinque stagioni nella capitale, Régis Fuchs ricorda la classe e il carisma della leggenda bernese: «Dava sempre il 200%. Anche in amichevole. Per quello era il migliore»

BERNA - Quattro titoli vinti. 732 partite di fila da titolare in LNA. Quattro volte vincitore del premio Jacques Plante, il trofeo dedicato al miglior portiere dell’anno. Sono alcune delle impressionanti statistiche presenti sul curriculum vitae di una vera e propria leggenda del nostro hockey: il muro di Berna Renato Tosio. 

Ma le statistiche, seppur interessanti, non rendono del tutto giustizia alla caratura e al blasone di uno dei portieri elvetici più forti di sempre. Per carpire qualche altro aneddoto sul cerbero nato nel 1965 a Wil abbiamo interpellato Régis Fuchs, attaccante giurassiano che con lui ha diviso lo spogliatoio della capitale per cinque stagioni mettendo pure in bacheca il titolo del 1996/97 prima di trasferirsi al Lugano. 

«Valeva metà squadra» - Un titolo che portava la firma - indelebile - di Renato Tosio: «Nessuna squadra, seppur buona, è in grado di vincere senza un ottimo portiere. E il Berna a quei tempi aveva il migliore. Lui da solo valeva più del 50% della squadra», ricorda il giurassiano che in carriera ha vinto quattro titoli.

Leader vero - Il cerbero numero 31 era un personaggio stimato dentro e fuori dal ghiaccio. E la sua voce era molto ascoltata in un gruppo, quello del Berna che alzò la coppa nel 1997, a cui di certo non mancavano i giocatori carismatici. Da Gates Orlando a Sven Leuenberger senza dimenticare Gil Montandon e Thomas Vrabec. «Era un autentico leader in un gruppo che già ne aveva parecchi. Nello spogliatoio era uno a cui piaceva anche scherzare. Ma sapeva sempre quando era il momento di parlare e quando bisognava tacere».

«Dava sempre il 200%» - In porta, poi, era un autentico muro: «Il suo segreto è che dava sempre il 200% quando era sul ghiaccio», sottolinea il centro che ha fatto le fortune anche del Lugano. «Che si trattasse di un allenamento, di un'amichevole o della finale del campionato per lui non cambiava nulla. Era uno che dava sempre più degli altri. E i risultati gli hanno dato ragione». Tosio non era però un portiere convenzionale: «Aveva uno stile e una tecnica tutti suoi. Non era bellissimo da vedere, ma era tremendamente efficace come dimostra tutto quello che ha vinto e la carriera che ha avuto». 

Il solo rimpianto - Una carriera straordinaria, con un unico rimpianto che Tosio ha rivelato recentemente: quello di non aver mai giocato in NHL. «Le qualità per andarci le aveva tutte», precisa Fuchs. «Solo che a quei tempi noi giocatori svizzeri non godevamo di grande considerazione oltreoceano. Fosse nato una quindicina di anni dopo sono certo che Renato avrebbe avuto successo anche là». 

Difficile da battere - Oltre che compagno, Tosio è stato anche un avversario tosto da affrontare nelle stagioni in cui Régis Fuchs ha vestito  la maglia bianconera. E in cui Berna e Lugano lottavano per il titolo. «Ho avuto la fortuna di giocare cinque anni con lui. Lo conoscevo molto bene e non mi incuteva timore. Ma questo non significa che segnargli una rete fosse semplice», conclude divertito il giurassiano.

Questo è l'ultimo pezzo di "un disco per l'estate" che oggi smette di suonare. Se ti sei perso le tracce precedenti clicca qui.

Keystone
Guarda le 2 immagini
Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-05 16:40:34 | 91.208.130.89