Immobili
Veicoli

QATAR 2022«Ci siamo e ci godremo i Mondiali, ma non scherziamo più con la storia del calcio»

01.04.22 - 11:34
Chi ha deragliato e chi ce l'ha fatta, in Qatar è il grande giorno del sorteggio Mondiale. La parola a Paul Schönwetter.
keystone-sda.ch (NOUSHAD THEKKAYIL)
QATAR 2022
01.04.22 - 11:34
«Ci siamo e ci godremo i Mondiali, ma non scherziamo più con la storia del calcio»
Chi ha deragliato e chi ce l'ha fatta, in Qatar è il grande giorno del sorteggio Mondiale. La parola a Paul Schönwetter.
«La débâcle dell’Italia parte da lontano, dai settori giovanili. In Francia e Germania sono ripartiti dai centri federali. La Svizzera? Chapeau a Murat Yakin, si è preso anche una bella rivincita».

DOHA - Nel tabellone restano ancora tre X, ma 29 Nazionali hanno già tra le mani il pass per il Qatar e attendono con trepidazione la serata di Gala, quella che a Doha - tra pajette, stelle e volti noti - definirà i gironi dei Mondiali 2022. L’appuntamento è stasera alle 18, quando l’urna darà i suoi verdetti. Dal campo invece ne sono già arrivati, dolci per alcuni… amarissimi per altri. Al Mondiale ci saranno tutte le big? Non proprio. Tra una duna e l’altra c’è chi ha deragliato e si è perso nel deserto. Oltre a Cile, Colombia, Algeria, Nigeria ed Egitto - per citarne alcune - è il caso della Svezia e soprattutto dell’Italia.

«Ai tempi Francia e Germania, dopo i più grandi disastri della loro storia calcistica, sono ripartite dai centri federali. Pensiamo a Clairefontaine, inaugurato nel 1987 e capace di sfornare giocatori come Henry, Anelka, Mpabbé e tanti altri - interviene Paul Schönwetter, ex allenatore di Locarno, Lugano, Chiasso e Bellinzona, nonché grande esperto di calcio internazionale - L’Italia ora è rimasta indietro e l’Europeo è stata una parentesi. Fantastica e per certi versi abbagliante, ma resta tale».

Il problema ha radici piuttosto profonde. 
«Se guardiamo i settori giovanili delle squadre faro, già lì ci sono pochi italiani. Quelli che poi arrivano al vertice, trovano sovente spazio in squadre diciamo di seconda fascia. Chi sono gli attaccanti di Inter, Juve e Milan? Non ci sono italiani. Sarà banale, ma i Del Piero, Totti, Inzaghi e Vieri non ci sono più. Ora l’Italia è colma di giocatori del Sassuolo. Va benissimo, mi piace un sacco il Sassuolo, ma non sono “grossi fornitori”. Quante partite hanno giocato in Champions League? Non hanno l’abitudine ai palcoscenici più importanti. Lo stesso Immobile è stato due volte all’estero e ha fallito».

Per arrivare alla débâcle c'è stata anche una serie di eventi “avversi” - pensiamo ai rigori malamente falliti da Jorginho e al lampo di Trajkovski al 92’ -, ma il tracollo resta. Per la seconda volta di fila l’Italia non andrà ai Mondiali.
«Eccome. Ciò che più mi ha sorpreso è stata l’atmosfera attorno a staff e giocatori. Ai tempi i media li avrebbero “ammazzati”. Invece ci sono passati sopra piuttosto soft. A Mancini avrebbero chiesto le dimissioni direttamente in sala stampa. Ora sento che lo ringraziano perché accetta di andare avanti».

L’impoverimento, a livello tecnico e di leadership, resta evidente. 
«Pensiamo alla Germania. Dopo il Mondiale stravinto nel 2014 e qualche primo scricchiolio nel 2016, in molti hanno lasciato o l'avevano già fatto all’apice. Hanno capito che era il momento. Penso a Lahm, Klose, Schweinsteiger. Hanno fatto spazio ad altri. In Italia mi piacciono tanto Bonucci e Chiellini, ma mi chiedo perché non abbiano ancora fatto questo grande passo».

Chi invece andrà in Qatar è la Svizzera, che ha vinto il girone con un colpo di reni.
«Quando tutti la davano ormai per spacciata… - sottolinea “Pauli” - Chapeau a Murat Yakin. Ha portato del suo e avuto coraggio. Ci ha creduto come nessun altro e ha voluto dimostrare qualcosa anche a sé stesso. Negli ultimi anni era stato sottovalutato e costretto a ripartire dallo Sciaffusa. È arrivato e ha fatto scelte intelligenti. Ha tenuto l’ossatura, compresi coloro che erano stati anche pesantemente criticati, e aggiunto degli “ingredienti” con dei giovani interessanti».

A novembre-dicembre noi ci saremo e sarà una festa. In Europa sperano ancora Galles, Ucraina e Scozia. Le altre due X saranno riempite dopo gli spareggi internazionali: uno tra Costa Rica e Nuova Zelanda, l’altro tra il Perù e la vincente di Emirati Arabi-Australia. In otto andranno a caccia degli ultimi tre voli… anche se la meta ha fatto discutere. “I Mondiali in Qatar sono una scelta assurda dettata dai soldi”, ha tuonato la scorsa settimana Van Gaal, ct dell’Olanda. 
«È un business e si sa. Io poi sono un romantico. Hanno distrutto la tradizione calcistica. Dal 1930 i Mondiali non si sono mai giocati in inverno. I Mondiali si giocano in estate, tra un campionato e l'altro. Non scherziamo con la storia del calcio». 

Intanto “the show must go on” e si studia anche la fattibilità di un Mondiale ogni due anni. Ma questi sono altri discorsi. Ora non resta che mettersi comodi e attendere i sorteggi, con la Svizzera inserita in seconda fascia. 
«Se chiami qualche alto dirigente Fifa, magari ci danno già qualche indiscrezione su come andranno…», chiude scherzando e con una battuta il 63enne Paul Schönwetter.

COMMENTI
 
Andy 82 3 mesi fa su tio
era così e sempre sarà....
Andy 82 3 mesi fa su tio
perdere o accettare critiche non è proprio il vostro Forte...
Boss 3 mesi fa su tio
quante birre ?
Alex 3 mesi fa su tio
tranquilli il mondiale sarà senza!
Andy 82 3 mesi fa su tio
meglio senza che mal accompagnati!!
Franco56 3 mesi fa su tio
spero che se Iran non può andare mondiale non venga ripescata italia ma altra nazionale di quel co tenente Italia non deve vivere su disgrazie dei altrin
Andy 82 3 mesi fa su tio
ottima osservazione!! giusta e onesta
Andy 82 3 mesi fa su tio
spero con tutto il cuore che l'Italia NON venga sorteggiata xchè sono dei brozoni ho visto un video di come anno lasciato lo spogliatoio.. fanno veramente SCHIFO.... senza alcun rispetto di chi guadagna pochi euro per pulire la porcheria lasciata da questi milionari...
Aka05 3 mesi fa su tio
Si perché gli altri prima di andare, puliscono i pavimenti e svuotano i cestini…🤣🤣
cle72 3 mesi fa su tio
Commento da premio Nobel👏👏👏hai già visto altre realtà? Pensi che non sia la stessa cosa? Povero di mente...
Boss 3 mesi fa su tio
sei mai entrato in uno spogliatoio con 40 persone all’interno ? il Brozzone sei TU !!! e pure razzista del c..
Andy 82 3 mesi fa su tio
impara ad accettare le critiche....
Andy 82 3 mesi fa su tio
nn é il fatto di dover mettere la cera ma nessuna squadra a lasciato un simile schifo...ed é la dimostrazione che la nazionale italiana come i suoi tifosi non sappiano perdere!!
Aka05 3 mesi fa su tio
Probabilmente tu vivi in un mondo tutto tuo…
pag 3 mesi fa su tio
Ah davvero? e tu come fai a saperlo? sei l'addetto alle pulizie degli spogliatoi di tutto il mondo?
Andy 82 3 mesi fa su tio
anche se l'Italia dovrebbe essere estratta non và di sicuro ai mondiali x merito.spero che nn si gasino come al suo solito..
pag 3 mesi fa su tio
Prima di parlare dell'Italia dovresti imparare l'Italiano...
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SPORT