Cerca e trova immobili

SUPER LEAGUEMaric nel Lugano del futuro? Si fanno progetti

08.03.22 - 11:00
Carlos da Silva: «Maric grande giocatore e grande persona, con lui abbiamo un bel rapporto»
Ti-Press
Maric nel Lugano del futuro? Si fanno progetti
Carlos da Silva: «Maric grande giocatore e grande persona, con lui abbiamo un bel rapporto»
«In una squadra competitiva è indispensabile che ci sia il giusto mix tra giovani ed esperti».
CALCIO: Risultati e classifiche

LUGANO - Importantissimo in campo e nello spogliatoio ma... in scadenza di contratto. Qual è il futuro a Lugano di Mijat Maric?

Per la sfortunata sfida al Basilea, Mattia Croci-Torti è andato contro uno dei suoi principi: ha lasciato in panca Maric. Per una volta il mister bianconero ha infatti “applicato” il turnover anche al suo uomo di fiducia (che ha fatto rifiatare concedendogli gli ultimi 20’); l’assenza del ticinese si è tuttavia fatta sentire. 

A confermare che un undici senza Maric non è proprio come un undici con Maric è stato anche Kreshnik Hajrizi il quale, senza il “totem” accanto, ha un po’ balbettato: «Chiaro che ci sia mancato Maric, la sua esperienza per noi è sempre molto stimolante», ha raccontato dopo il match proprio il 22enne. 

Mijat è indispensabile a Lugano? È sicuramente importantissimo; per questo in società stanno ragionando sul suo futuro a Cornaredo. Il 37enne è in scadenza di contratto e ancora non ha certezze...

«Non chiedetemi di firme, cifre o altro perché, per quanto riguarda i rinnovi, non intendo entrare nello specifico - ci ha spiegato Carlos da Silva, coordinatore sportivo del Lugano - Per Maric la situazione è per noi molto chiara: è un grande giocatore e una grande persona, abbiamo con lui un bel rapporto e desideriamo che continui con noi. In che veste proveremo a capirlo confrontandoci».

Giocatore o altro?
«Da parte nostra c’è la volontà di proseguire insieme, questo è l’importante. Se Mijat sarà in campo o ricoprirà un altro ruolo, ne discuteremo poi tranquillamente. Per noi, poter continuare a contare sulla sua esperienza e le sue capacità sarebbe, in ogni caso, fondamentale». 

Qualora Maric dovesse svestire la divisa, sul mercato cerchereste un giocatore esperto o uno, indipendentemente dall’età, “solo” forte?
«Perché una squadra sia competitiva serve che abbia equilibrio. E il mix tra giovani ed esperti è, a parer nostro, indispensabile. Qualcuno che ha 2-300 partite alle spalle serve sempre».

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE