PHI Flyers
4
BOS Bruins
3
3. tempo
(2-1 : 1-2 : 1-0)
VEGAS Knights
STL Blues
04:00
 
PHI Flyers
4
BOS Bruins
3
3. tempo
(2-1 : 1-2 : 1-0)
VEGAS Knights
STL Blues
04:00
 
Cristiano Ruiu
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
CHAMPIONS LEAGUE
4 ore
Juve, una fiammata nel gelo
Juve vincente a San Pietroburgo, Bayern padrone a Lisbona: qualificazione a un passo
CHAMPIONS LEAGUE
4 ore
L'YB paga un difficile avvio di gara: vince il Villarreal
I gialloneri - sconfitti 4-1 - hanno pagato caro una difficile entrata in materia.
SWISS LEAGUE
5 ore
La capolista Olten si impone a Biasca
I ragazzi di Landry si sono inchinati di fronte ai solettesi, vittoriosi 2-1
BASKET
6 ore
Mercoledì perfetto
La SAM ha sconfitto 84-66 l'Union Neuchâtel, i bianconeri si sono imposti 81-67 sul parquet degli Starwings.
PARIGI
8 ore
Icardi-Wanda, divorzio o pace fatta? La telenovela continua
Mentre i media in Argentina parlano di rottura definitiva, il bomber sui social allontana la crisi.
MOTO GP
10 ore
Dopo la tragedia Maverick Viñales di nuovo in pista
Lo spagnolo: «Tornare in gara a Misano è speciale, qui è iniziata la mia storia con l'Aprilia».
NATIONAL LEAGUE
11 ore
Un altro giocatore dello Zugo positivo
Domani sono in programma altri test: dai risultati di essi si deciderà se i Tori potranno scendere in pista nel weekend
MOTO GP
11 ore
I tifosi sognano: «Rossi? Nel 2022 vuole correre un paio di gare»
Il braccio destro di Valentino Uccio Salucci: «Quattro moto sono sue, due dovrà chiederle...».
CALCIO FEMMINILE
15 ore
Il Lugano cambia guida tecnica
La decisione è stata presa per cercare di dare nuovi stimoli alla squadra
IL SORPASSO A... QUATTRO RUOTE
15 ore
Max-Lewis e Ferrari-McLaren: due duelli che si stanno... infiammando
Verstappen ed Hamilton si contendono il titolo piloti, mentre la Rossa vuole la terza piazza nel Mondiale costruttori.
L’OSPITE - ARNO ROSSINI
19 ore
«Icardi, un uccellino in gabbia. Quando ha scelto Wanda sapeva...»
Arno Rossini: «Icardi si è imborghesito. Al PSG pensa più al conto in banca e ai followers che al campo»
CHAMPIONS LEAGUE
1 gior
L'Inter si rialza, il Milan affonda
Compito assolto per l'Inter, Milan quasi eliminato
NATIONAL LEAGUE
1 gior
Al Friborgo il derby della Sarine
Il Gottéron ha battuto il Berna 5-3, i Lions il Ginevra 7-5
HCAP
1 gior
Rimonta-Ambrì con super Pestoni
Pestoni-show e l'Ambrì zittisce il Losanna
HCL
1 gior
Hudacek, esordio con doppietta: il Lugano espugna Rapperswil
Lo slovacco segna due gol e i bianconeri si impongono in terra sangallese 3-1, grazie a una prestazione solida.
CHAMPIONS LEAGUE
1 gior
City e Sporting passeggiano
La squadra di Pep Guardiola si è imposta 5-1 sul Bruges, mentre i portoghesi per 4-1 sul campo del Besiktas.
MILANO
1 gior
«Donnarumma e Messi? Mi ha dato fastidio il loro comportamento»
Billy Costacurta sui due giocatori del PSG: «Non hanno reso possibile un ritorno economico ai loro rispettivi club».
TENNIS
1 gior
Laaksonen sorride, Golubic e Vögele no
Il rossocrociato supera Paire al torneo di Anversa. A Tenerife è invece già finito il cammino delle due elvetiche
TENNIS
1 gior
Niente Australian Open per Djokovic? «Solo vaccinati, al virus non importa quanti slam ha vinto»
Il serbo dovrà forse rinunciare al torneo australiano: «Anche se ottenesse un visto dovrebbe fare la quarantena».
CALCIO
28.08.2020 - 08:000
Aggiornamento : 23:16

«Quella volta che a Mendrisio hanno addirittura riconosciuto il mio cane...»

Il giornalista di Telelombardia Cristiano Ruiu: «Il Milan? Per una volta si è puntato sulla continuità».

«Abito a cinque minuti di scooter da Cornaredo e quest'anno ho assistito praticamente a tutte le gare casalinghe del Lugano».

LUGANO - È uno dei volti noti di Telelombardia, la sua seconda pelle è rossonera e lavora in qualità di marketing e poker manager al Casinò di Lugano. Il calcio è la grande passione di Cristiano Ruiu: sin da bambino il suo sogno era quello di fare il giornalista e già a 11 anni conduceva una rubrica televisiva. Da cinque anni vive in Ticino e raramente si perde una partita del Lugano.

Cristiano, cominciamo dal tuo grande amore. Che Milan sarà quello dell'anno prossimo?
«Vedremo un Milan molto simile a quello dell'ultima parte di stagione. È stata fatta la scelta di conservare quello che si pensava sarebbe stato spazzato via con l'arrivo di Rangnick. Questa marcia indietro ha lasciato molti dubbi sulla gestione confusionaria di Gazidis, già in disgrazia per il modo in cui si è mosso con Boban. I vari Pioli, Ibrahimovic e Maldini sembravano destinati a partire e invece nelle ultime settimane - grazie a una squadra che ha fatto gruppo - tutto è cambiato. Dall'alto è poi arrivato il chiaro messaggio che questo non era il periodo per fare una rivoluzione, anche perché le rivoluzioni costano. Il Milan farà tre innesti: a centrocampo arriverà Bakayoko, nel ruolo di trequartista o esterno giungerà dal Real Brahim Diaz e poi servirà un difensore». 

Quale sarà l'obiettivo?
«Se lo paragono alle due corazzate Juve e Inter è chiaro che il Milan è due gradini sotto, ma con Rangnick sarei stato più preoccupato. Oggi, invece, sono tranquillo. Non vedremo sicuramente una squadra che lotterà per lo scudetto, si farà fatica persino a entrare in Champions League. Ma per una volta si è puntato sulla continuità e questo mi rende felice». 

Quando a Milanello si potrà tornare a parlare di... Scudetto?
«La risposta ce l'ha fornita Ibra. A lui avevano proposto un ingaggio composto da una parte fissa di stipendio e una parte di bonus. La parte più succosa di quest'ultima voce era quella relativa alla conquista dello Scudetto, che lui ha rifiutato. Abbiamo visto l'Inter, per costruire un ciclo sta lavorando da 3-4 anni e pian piano ci sta arrivando». 

I rivali storici del Milan potrebbero rinforzarsi nientemeno che con Messi...
«Ovunque vada è già tutto deciso. Spostare Messi non è come acquistare un giocatore, è una fusione di due rami d'azienda. Non è un'operazione che si porta a termine in poche settimane. Le parole espresse da Koeman "cambieremo i giocatori che hanno fatto grande questo club" e quelle di Bartomeu "se Messi vuole andare via ce lo deve dire" confermano che tutto è già scritto. La sua prossima destinazione? Tanti indizi mi fanno pensare che andrà proprio all'Inter. La sua gigantografia al Duomo non può essere un caso. Se tu fai un passo del genere senza l'ok di Messi e lui ti fa causa devi vendere il Duomo per rimediare... Se poi aggiungiamo il fatto che il papà ha aperto una società a Milano direi che vi sono pochi dubbi. Infine non dimentichiamoci che Barcellona e Inter stanno trattando da diverso tempo Lautaro Martinez, trattativa che potrebbe favorire lo sbarco di Messi a Milano».

In Italia l'anno prossimo potrebbero dunque giocare i due giocatori più forti al mondo...
«La presenza di Cristiano in Italia è per Messi motivo d'attrazione. Con la rivalità Messi/Ronaldo nella Liga hanno costruito castelli di fatturato incredibili. La vendita dei diritti TV delle partite hanno fatto la fortuna del campionato spagnolo, grazie a questi due giocatori che si alternavano nel vincere Champions e Palloni d'oro. Sull'aspetto sportivo, invece, ho qualche dubbio in più. Sono entrambi verso la fine della loro carriera: 20 anni fa in Italia i Messi e i Ronaldo arrivavano quando erano al top. Ora non è più così. Per carità sono entrambi un'attrazione incredibile per la Serie A, ma con Ibra, CR7 e Messi sembra di vedere una Major League, lega nella quale approdano giocatori sulla via del tramonto. Al contrario squadre come PSG, City, Bayern, Real o Barcellona prendono i campioni del futuro, non quelli a fine carriera. Questa è la strada da seguire per vincere le Champions League...». 

E il campionato svizzero? Lo segui?
«Certo! Ho iniziato a seguirlo con simpatia e affetto. Abito a cinque minuti di scooter da Cornaredo e questo'anno ho assistito praticamente a tutte le gare casalinghe. Ho visto anche due partite di Europa League, una a Copenaghen e una a San Gallo. Chiaramente il livello del campionato non è paragonabile ai top europei, ma è molto fisico, combattuto ed equilibrato. A mio avviso il Lugano giocava meglio con Celestini ma la polpa e la ciccia, se così si può dire, l'ha ottenuta Jacobacci. Ho notato che quest'ultimo riesce a leggere molto meglio le partite, tatticamente è molto preparato. Renzetti? Una persona gradevole, di cuore. È un piacere parlare con lui di calcio».

In Ticino tanti seguono i dibattiti calcistici di Telelombardia...
«Adesso io partecipo una volta a settimana alle trasmissioni, visto il mio lavoro concomitante al Casinò. Da ormai cinque anni vivo in Svizzera e prima non pensavo ci fosse tutta questa attenzione nei confronti dell'emittente. A tal proposito vi racconto un aneddoto. Il mio cane Sulley ha partecipato ad alcune trasmissioni su Telelombardia diventando "famoso": un giorno ho accompagnato mia moglie all'Ufficio stranieri di Mendrisio, ho parcheggiato la macchina e accanto a me si è fermato il camioncino della Posta e improvvisamente ho sentito gridare "quello è Sulley". Hanno addirittura riconosciuto il cane. Ero molto sorpreso. Rispetto a Milano in Ticino ti lasciano comunque molto più tranquillo. Vi assicuro che c'era un periodo in cui a Milano non potevo nemmeno andare in giro».  

Come è nata la passione per il Milan e per il giornalismo?
«Da piccolo seguivo il Milan con mio papà e già a dieci anni ero abbonato. Inoltre mia mamma lavorava con Carlo Pellegatti in una ditta di trasporti. Al mattino andavo all'asilo, al pomeriggio accompagnavo mia mamma a lavorare e mi piazzava in ufficio proprio con Carlo. Il suo ufficio era tutto rossonero. Da lì è iniziata la passione per il Milan. Con il passare del tempo ho cominciato a frequentare assiduamente Milanello e già a 11 anni lavoravo a Telelombardia. Seguivo la rubrica che si chiamava "Il piccolo intervistatore". Quando ha lasciato l'emittente Tiziano Crudeli, nel 2006-2007, ho poi coronato il mio sogno di fare il giornalista e in contemporanea di seguire la mia squadra del cuore. Sono stati gli anni dei grandi successi rossoneri. È proprio perché non è più a quei livelli che ho deciso di andare a lavorare per il Casinò di Lugano... (ride)».

CALCIO: Risultati e classifiche

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-21 03:50:53 | 91.208.130.85