Immobili
Veicoli
Genoa
0
Udinese
0
2. tempo
(0-0)
GCK Lions
Olten
17:00
 
Genoa
0
Udinese
0
2. tempo
(0-0)
GCK Lions
Olten
17:00
 
TiPress/archivio
+2
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
SCI ALPINO
1 ora
Ryding firma il colpaccio: impresa storica a Kitzbühel
Per il 35enne britannico è il primo storico e indimenticabile successo in Coppa del Mondo.
SCI ALPINO
4 ore
Goggia trionfa, Suter ai piedi del podio. Arrabbiata Gut-Behrami
L'azzurra si è imposta sulle Tofane in una Discesa accorciata e condizionata dal forte vento.
SCI ALPINO
5 ore
Vinatzer comanda a Kitzbühel
L'italiano Alex Vinatzer ha stabilito il miglior tempo nella prima manche dello Slalom maschile.
NATIONAL LEAGUE
5 ore
Pouliot sospeso
Nei confronti dell'attaccante del Ginevra è stata anche aperta una procedura ordinaria.
NATIONAL LEAGUE
9 ore
Vauclair ha le idee chiare: «Vogliamo competere con i migliori»
Il 42enne - recentemente diventato ds dell'Ajoie - è carico: «Sarà innanzitutto importante conoscere i giocatori».
NATIONAL LEAGUE
18 ore
Il Friborgo continua la sua marcia
Gli uomini di Dubé hanno liquidato il Berna 3-0 fuori casa. Vittorie anche per Zugo, Losanna, Rapperswil e Zurigo.
HCAP
18 ore
Vittoria in scioltezza per l’Ambrì
La truppa di Cereda ha piegato i Tigers con il punteggio di 4-0.
SERIE A
22 ore
Basta Genoa: Valon Behrami rescinde il suo contratto
Sulle tracce del centrocampista elvetico ci sarebbero diversi club della massima serie italiana.
TENNIS
1 gior
«Djokovic adesso ha un bel problema»
Strade sbarrate per il serbo? Parla Toni Nadal, zio di Rafa.
PECHINO 2022
1 gior
La Svezia convoca ben sette "elvetici"
La nazionale delle Tre Corone ha convocato Tömmernes, Brodin, Djuse, Lander, Klingberg, Krüger e Bromé.
LUGANO
29.04.2020 - 20:300
Aggiornamento : 30.04.2020 - 22:45

«Ho ancora i miei dubbi, ho visto negatività attorno all’ipotesi di ripartire»

Allenamenti dall'11 maggio, gare a porte chiuse possibili dall'8 giugno. Il presidente Renzetti: «Ora tocca alla SFL».

Dalle ultime direttive del Consiglio federale, si va verso la ripresa dei campionati. Il patron bianconero: «Ho la mia opinione, ma ci adegueremo alle decisioni. Ad ogni modo, per la SFL, credo sia un'occasione persa».

LUGANO - Finito nelle grinfie della pandemia e congelato ormai da inizio marzo, anche il calcio elvetico potrebbe pian piano tornare a rivedere la luce. Tra le misure di allentamento annunciate dal Consiglio federale, vi è infatti anche quella che prevede una graduale ripresa delle attività sportive. In particolare, nello sport d'élite, dall’11 maggio saranno permesse sedute collettive con più di cinque persone. Da lunedì 8 giugno, nelle leghe professionistiche, potranno riprendere anche le partite. Una buona notizia, ma anche uno scenario che lascia degli interrogativi. L’evolversi della situazione resta infatti da monitorare con cautela giorno per giorno, anche per evitare brutte sorprese o bruschi dietrofront.

«Ora il Consiglio federale dà questa possibilità, ma la palla adesso è passata alla Swiss Football League - interviene Angelo Renzetti, presidente del Lugano - Sarà la SFL, composta dalle 20 squadre, a decidere i prossimi passi. Io, ultimamente, ho visto molta negatività attorno all’ipotesi di ripartire. A giusta ragione ho ancora i miei dubbi che si ricominci».

Tornare in campo vorrebbe dire giocare a porte chiuse.
«Se ora si dovesse davvero ripartire, a tutte le incognite si aggiungerebbero le spese dei tamponi, la perdita del lavoro ridotto e le perdite legate all’assenza di pubblico. In più ci sarebbero le trasferte da organizzare con tutte le necessarie e giuste precauzioni. Insomma riprendere in questo modo, a porte chiuse, sarebbe un bagno di sangue. Inoltre non ci sarebbe nemmeno il tempo di riflettere e fare le giuste considerazioni».

Ovvero?
«A mio avviso per la SFL è un’occasione persa. Dovevano avere il coraggio, come in Francia e in Olanda, di chiudere il campionato. Finire cercando di uscirne con le ossa il meno rotte possibile… Dopodiché si poteva ricominciare con un campionato rimodellato. 12 squadre e un sistema di partite normale. Non bislacco come quello nella proposta respinta di recente. In questa situazione ci siamo accorti una volta di più che il "business model" del nostro calcio non funziona. Poteva essere anche l’occasione per ridimensionarci».

Secondo Renzetti la SFL cosa farà?
«Adesso ci sono le condizioni quadro dettate dal Consiglio federale. Ovviamente, se la maggior parte dei club fosse contrario al ritorno in campo, non credo che potrebbero farci partire. In fondo siamo noi la SFL...».

Domanda diretta: l’11 maggio il Lugano sarà in campo ad allenarsi?
«Ho la mia opinione, ma oggettivamente non voglio neanche impuntarmi o fare il “bastian contrario”. Noi ci adegueremo a quello che si decide. Se guardiamo la ragione pare logico restare fermi, poi c’è anche il sentimento».

Ora quali saranno i prossimi passi?
«In queste settimane si vociferava di una ripresa il 4 maggio e quindi abbiamo già comunicato ai giocatori di tornare in Ticino. Diversi sono già qui, ma entro il 4 rientreranno tutti. Nel frattempo aspettiamo. Si potrà anche iniziare ad allenarsi, poi - in base alle direttive - o si continua o ci sarà il definitivo “rompete le righe"…».

CALCIO: Risultati e classifiche

TiPress/archivio
Guarda tutte le 6 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-22 16:44:21 | 91.208.130.85