Omar Wicht
L'OSPITE
08.10.2020 - 14:110

2020 anno da dimenticare

Omar Wicht, consigliere comunale Lugano

In questo drammatico 2020, ne abbiamo viste e sentite di tutti i colori. Mai nella storia, a parte in tempi di guerra, l’essere umano è stato messo così sotto pressione e stress. Purtroppo, dopo qualche mese di “spensieratezza estiva”, ci stiamo ritrovando, nostro malgrado, a tutta la routine dei primi mesi dell’anno. In cuor nostro, lo sapevamo già, se ne parlava ed eravamo coscienti che, una “specie” di seconda ondata invernale sarebbe arrivata.

Ora però, siamo più pronti, siamo più informati, anche ospedali e medici (veri eroi), sono di sicuro più “esperti” e conoscono meglio le evoluzioni di questo fenomeno, questo non può far altro che darci serenità ed essere fiduciosi. I comuni, i Cantoni e la Confederazione, hanno svolto un egregio e non facile lavoro, ma purtroppo sembra non finire e non bastare mai, fino all’arrivo di un efficace vaccino. Tutto il lavoro di contenimento, con misure a volte anche fortemente criticate, lo stanno facendo per non “intasare” gli ospedali e a mio modo di vedere è un atto di solidarietà giusto e dovuto al prossimo. Io sono fiducioso, un vaccino efficace arriverà e torneremo a vivere una vita normale, ma ora non e’ il momento di abbassare la guardia.

Teniamo duro ancora un po’, se per qualche mese dovremo vivere in ristrettezze di qualsiasi tipo, abbiamo delle ottime chances di aiuti, il Cantone si sta adoperando bene come ha sempre fatto. Purtroppo la vita non è sempre “rose e fiori”, ma qui sta alla “forza” e alla volontà individuale e a volte ci rendiamo conto che siamo umani e come tutti, abbiamo i nostri limiti.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-21 04:14:14 | 91.208.130.87