ULTIME NOTIZIE People
STATI UNITI
4 ore
Kim Kardashian è orgogliosissima della sorella Kylie
Kylie Jenner ha appena venduto circa metà della sua azienda di cosmetici per la cifra record di 500 milioni di dollari
FOTO E VIDEO
STATI UNITI
4 ore
Woody Allen infine di nuovo in sala con "A rainy day in New York"
La pellicola piena zeppa di giovani star era rimasta congelata per via delle accuse di abusi al regista, uscirà da noi il 5 dicembre prossimo
STATI UNITI
6 ore
Robert Pattinson: «Volevo smettere di recitare»
L'attore ha rivelato che dopo la prima audizione per la serie cinematografica di 'Twilight' pensò di aver fatto una figura terribile
ITALIA
6 ore
Diana Del Bufalo piange online: «Momento di sconforto»
L'attrice già qualche giorno fa aveva spiegato di stare affrontando una fase della sua vita piuttosto complessa
ITALIA
8 ore
Mietta risponde per le rime a Ornella Vanoni: «Non ha letto bene...»
La cantante ha raccontato i suoi esordi
CANTONE
8 ore
Parla di abusi su minori: e tutti la cercano
Valerie Mozzi, classe 1965, con il suo libro "La mia Europa" sarà ospite di due grandi eventi al LAC di Lugano e all'Helvetic Music Institute di Bellinzona
ITALIA
10 ore
Fedez su Tiziano Ferro: «Non volevo offenderlo. Non capisco perché ora»
Il cantante romano ha spiegato che si è sentito offeso per il testo di una canzone scritta 10 anni fa dal rapper
ITALIA
10 ore
Gabriel Garko, rivelazione shock: «Un uomo tentò di abusare di me»
L'attore ha spiegato che è accaduto quando aveva solo 17 anni
CANTONE
12 ore
Il ritorno di Iris Moné con “Soul Sister”
«È un pezzo sull'amicizia», racconta la cantante ticinese che è reduce da un mini-tour di successo in America Centrale
ITALIA
13 ore
Cristiano Ronaldo e Georgina Rodriguez si sono sposati?
La cerimonia si sarebbe tenuta in gran segreto in Marocco
LUGANO
17 ore
"L’altra metà" di Renga: «Volevo fare musica che piacesse anche ai miei figli»
Il cantante italiano sarà protagonista al Palazzo dei Congressi di Lugano domenica 1 dicembre. Biglietti disponibili su Biglietteria.ch
CANTONE
28.06.2018 - 06:010

Quando Salis incontrò Watson

L’hammondista ticinese Frank Salis presenta a JazzAscona un album di inediti inciso a New Orleans

ASCONA - Galeotto fu JazzAscona 2017. Fu lì, durante l'edizione di un anno fa, che Frank Salis, eclettico hammondista ticinese attualmente di casa a Losanna, incontrò Michael Watson, trombonista e cantante di New Orleans. I due, insieme per un progetto di r&b classico, avevano proposto all'interno di quella collaborazione una serie di brani firmati da Salis, per la parte musicale e gli arrangiamenti, e da Watson per i testi. Brani che sono andati a confluire in “Frank Salis meets Michael Watson”, album registrato a New Orleans che sarà presentato in anteprima europea venerdì 29 e sabato 30 giugno per JazzAscona 2018.

Frank, in questo progetto ti ritroviamo pianista e chitarrista. Com'è stato l'arrivederci all'Hammond?

È soltanto una pausa dal trio. Mi sono detto che poteva essere interessante e diverso dalla quotidianità fare qualcosa al pianoforte e alla chitarra (tra i miti di Frank c'è John Scofield, ndr). Devo dire che ho un modo di approcciarmi agli strumenti abbastanza univoco: datemi qualcosa da suonare, e ve lo suono...

“Frank Salis Meets Michael Watson”: da dove nasce l'idea di un disco?

A JazzAscona 2017 andò tutto talmente bene che qualcuno disse “ma dovete registrare!”, così alla fine di ottobre siamo volati a New Orleans. È stato Nicolas (Gilliet, il direttore artistico di JazzAscona, ndr) a propormi di presentarlo nuovamente al festival.

È stata la tua prima volta a New Orleans?

In assoluto. Anni fa ero stato a New York, che tutti mi avevano descritto come il centro del mondo, ma non ci avevo trovato tutta questa energia. Forse ero prevenuto da tutto quell'entusiasmo via terzi. E invece, andando a New Orleans senza troppe aspettative, e con poco tempo a disposizione, ho trovato una città meravigliosa, C'è musica dappertutto, c'è gente dappertutto. È esattamente come viene descritta.

Un'immagine con la quale sei tornato a casa?

L'idea che quelli di New Orleans si sentono americani a modo loro, per via del clima tropicale, che conferisce a tutti ritmi di vita da Sud America. L'altra cosa che mi ha colpito è che è uno di quei pochi posti al mondo dove se chiedi a un musicista come va economicamente ti dice che ha comprato una casa. Certo, non è tutto rose e fiori, ma di musica si può vivere. Tutto il mondo va lì per ascoltare musica, quindi si suona sempre. Tre concerti al giorno, dal pomeriggio, è un buon modo per restare in esercizio.

Quello con Watson non è il solo disco del 2018. Si affianca al tuo “Salis”...

Sì, “Salis” è stato realizzato con l'idea era di trovare una direzione più personale, che si distaccasse da tutto quello che è di solito l'organo Hammond. Ho cercato di trovare un suono mio, per il quale si possa dire “questo è Salis”.

Ora che sei stato a New Orleans, con quali occhi rivedi JazzAscona?

Fedelissima all'originale. Nicolas fa un gran bel lavoro qui e in Lousiana, è un punto di riferimento. “Prima o poi, se tutto va bene, vado a JazzAscona” dicono i migliori musicisti di New Orleans.

Il tuo mondo è il palco, ma anche la didattica...

Sì, un lavoro bello e interessante, ma anche un punto di riferimento per non dover accettare tutto musicalmente, una sorta di cuscino che la mia stessa professione mi ha procurato e che mi permette di pagarmi un sogno come quello di lavorare con artisti americani. C'è chi preferisce investire i propri guadagni in due settimane alle Maldive, e non nego che sia una bellissima scelta. Io preferisco incidere un disco. Ho cominciato a suonare con l'intenzione di vivere questi momenti...

Info: jazzascona.ch

 

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-21 23:46:26 | 91.208.130.87