Viaggi & TurismoColmar, pittoresca e ricca di storia

20.01.23 - 18:11
Reportage sull’Alsazia alla scoperta degli angoli nascosti (seconda parte)
Sguardi sulla multicolore Colmar (di CR)
Colmar, pittoresca e ricca di storia
Reportage sull’Alsazia alla scoperta degli angoli nascosti (seconda parte)

COLMAR - Ricordate la scena iniziale de “La Bella e la Bestia” di Disney, in cui Belle vaga per il suo villaggio medievale con i libri in braccio? Passeggiate lungo le strade acciottolate del villaggio, passando davanti a case a graticcio dall'aspetto tradizionale di legno e stucco e vi sentirete protagonisti del film. Si dice che molti villaggi siano stati d'ispirazione per la città natale di Belle, ma i più belli si trovano in Alsazia.

Colmar non è solo bella e pittoresca, ma anche ricca di storia. È qui che la Francia incontra la Germania e le due culture si uniscono per creare una miscela unica.Colmar fu menzionata per la prima volta in alcuni documenti nel IX secolo e nel corso dei secoli crebbe fino a diventare una città importante. L'Alsazia è stata trasferita avanti e indietro tra Francia e Germania nel corso della storia. Colmar fu conquistata dai francesi nel XVII secolo. Dopo la fine della guerra franco-prussiana nel 1871, tutta l'Alsazia apparteneva nuovamente alla Germania. Dopo la Prima Guerra Mondiale, la città fu restituita ai francesi. Durante la Seconda Guerra Mondiale, Colmar fu temporaneamente occupata dai tedeschi. È stata l'ultima città francese a essere liberata alla fine della guerra e da allora è rimasta francese. Non sorprende quindi che l'architettura di Colmar sia influenzata dalla Germania.

Colmar è il luogo perfetto per girovagare, ammirare e scoprire. Gli abitanti di questa città possono essere giustamente orgogliosi delle loro case. Tutto è dipinto con cura e ben tenuto. Le bellissime case a graticcio sono decorate con lanterne, insegne in ferro battuto, numerose figure, cuori e dipinti murali. Le persiane colorate e i fiori dai colori vivaci rendono le strade ancora più belle. Le case di Colmar sembrano essere sia un'opera d'arte che un luogo in cui vivere.

Le storiche case ospitano graziose boutique che vendono prodotti locali come cioccolato e vino, ma anche arte e antiquariato. Fuori dai negozi sono appese insegne riccamente decorate che mostrano ciò che vendono. Ci sono poi i caffè sul lungofiume della piccola Venezia, i ristoranti d'atmosfera e gli hotel romantici.

La chiesa di San Martino, nel corso del vostro giro a piedi nel centro storico, potrebbe essere una prima tappa. L'edificio ha una storia secolare: fu costruito nel XIII e XIV secolo in stile gotico e ampliata nei secoli successivi con torri in stile rinascimentale. L'interno della cattedrale è molto semplice, mentre sotto gli alti archi gotici troverete dei dettagli in legno intagliato, vetrate e un antico organo barocco.

Se proseguite sulla Rue des Marchands troverete dei bellissimi edifici che hanno più di 500 anni. Per esempio, la magnifica Casa Pfister che risale al periodo rinascimentale. Il piano terra era costruito in pietra e gli altri due piani in legno. La casa è decorata con bellissimi dipinti murali che raffigurano scene bibliche e ritratti di imperatori tedeschi. La casa purtroppo non è aperta al pubblico, ma la sua vista dall'esterno è comunque molto bella. Di fronte alla casa Zum Kragen, in Rue des Marchands, si trova il Museo Bartholdi. L'artista Auguste Bartholdi, meglio conosciuto come colui che ha creato la Statua della Libertà, è nato a Colmar nel 1834. Il museo si trova nella casa natale dello scultore. La mostra presenta mobili di famiglia, oggetti personali, modelli, disegni e dipinti.

Rue des Tanneurs, un'incantevole strada di ciottoli, conduce dalla Fontaine Schwendi alla sala del mercato coperto. Il bellissimo edificio in mattoni della hall risale alla fine del XIX secolo. Le bancarelle offrono formaggi, frutta, verdura e specialità locali. È un luogo perfetto per preparare un pranzo al sacco per la giornata di visite turistiche.

A cinque minuti a piedi, su Quai de Poissoniers, soprannominata Petite Venice (Piccola Venezia), le case raggiungono il loro apice di bellezza. È indubbiamente la zona più fotografata della città, anche luogo di pellegrinaggio degli innamorati intenti a legare il loro amore con un bellissimo lucchetto a forma di cuore. Molti degli edifici di questo pittoresco quartiere risalgono al XIV secolo. Sono sopravvissuti indenni alle guerre. Questo era l'antico quartiere dei mercanti dove vivevano conciatori, macellai e pescivendoli. Come a Burano, in Italia, la storia racconta che le case erano dipinte con colori diversi per indicare i diversi tipi di attività commerciali.

Il mio percorso in Alsazia, alla ricerca delle varie attrazioni culturali e turistiche, non termina qui. La prossima volta vi parlerò della città del museo di storia e arte di Colmar realizzato all’interno di un convento. Seguitemi!

Il primo articolo di questo reportage è uscito l’11 gennaio.

Testo a cura di Claudio Rossetti

Contatto: newsblog@viaggirossetti.ch

Link utile: www.viaggirossetti.ch

www.instagram.com/viaggirossetti

Foto: Sguardi sulla multicolore Colmar (di CR)

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE