Freepik
ULTIME NOTIZIE Target
TARGET
2 gior
Che cos’è l’Account Based Marketing e come aumenta il fatturato delle aziende B2B
Ribaltamento del funnel e molto altro: ecco i meccanismi di una strategia vincente per chi vende ad altre attività
TARGET
5 gior
LinkedIn Stories: Cosa sono? A cosa servono? Sono davvero utili?
Dalla loro introduzione, suscitano pareri discordanti: vediamo insieme quali sono le loro potenzialità e i loro limiti
TARGET
1 sett
Come promuovere la nostra attività all’Estero: i consigli dell’esperto
Parla Roberto Bernasconi, già responsabile Sviluppo e Marketing Internazionale di importanti banche e aziende svizzere
TARGET
2 sett
Facebook come strumento di vendita: funzioni e opportunità attuali, possibilità future
Tutto il percorso d’acquisto potrà svolgersi sul social, e in modo immersivo. Scopriamo di più con Nicola Fidenzio
TARGET
2 sett
Tutti i segreti di YouTube e YouTube Ads per promuovere la propria attività
Ce li ha rivelati Marco Sepertino, da anni tra i massimi esperti di questi ambiti del digital marketing
TARGET
2 sett
Come si evolveranno i social media nel 2021? La parola agli esperti
Utenti e addetti ai lavori guardano al futuro delle piattaforme online, in una quotidianità ancora in cambiamento
TARGET
2 sett
A lezione di marketing dai pirati: che cos’è il funnel “A.A.R.R.R.”
Apprezzatissimo nel mondo del growth hacking, in cinque step può garantire il successo della nostra strategia online
TARGET
3 sett
Amazon entra in concorrenza con le farmacie: cosa aspettarsi in Svizzera e in Italia?
Dagli USA all’Europa, il passo per Amazon Pharmacy potrebbe essere breve: come possono reagire gli addetti ai lavori?
TARGET
3 sett
Mettere i clienti al centro è il segreto del successo, ma come si fa?
Aba Ferraresi, esperta di Customer Care e Assistenza Post-Vendita, ci ha raccontato come si realizza questa attività
TARGET
1 mese
Digital detox durante le feste: 3 consigli per “disintossicarsi” dalla tecnologia
Sempre connessi, sempre reattivi: come approfittare della pausa natalizia per ribilanciare il rapporto coi nostri device
TARGET
1 mese
L’amore ai tempi del Covid-19: come sono cambiate le app di incontri?
Il desiderio di interagire a fini “sentimentali” è più forte del social distancing: le piattaforme di dating ringraziano
TARGET
1 mese
SMS Marketing: ha ancora senso inviare “messaggini” pubblicitari?
Certo che sì, con la giusta strategia alle spalle. Ecco come possono aumentare le vendite di professionisti e aziende
TARGET
1 mese
Cosa sono le nuove Instagram Guides, e come e perché dovremmo usarle per promuoverci
Dopo una fase di test, l’ennesima novità social è disponibile per tutti gli utenti della popolarissima app
TARGET
1 mese
Come creare Facebook e Instagram Ads last minute per vendere a Natale
È tardi per cominciare a pensarci, ma non ancora tutto è perduto: 3 consigli per fare annunci efficaci in pochi giorni
TARGET
1 mese
YouTube Director Mix: personalizzare le inserzioni video ora è alla portata di tutti
Video pubblicitari adattati ad ogni utente in pochi clic: che cos’è e come funziona il rivoluzionario tool di Google
TARGET
1 mese
Esistono un orario e un giorno perfetto per pubblicare sui social?
Mattina, pausa pranzo, pomeriggio o cena? Lunedì, mercoledì o weekend? La risposta non risiede solo negli insights
TARGET
2 mesi
Buyer Personas: che cosa sono, come si creano, a cosa servono
Come tratteggiare aspetti personali, lavorativi e psicologici del pubblico, migliorando l’efficacia della pubblicità
TARGET
2 mesi
Al via le newsletter su LinkedIn: come crearle, quali sono i loro vantaggi
Contenuti esclusivi e fidelizzazione: com’è nata e andrà usata la nuova funzionalità del social network professionale
TARGET
2 mesi
A cosa serve un ufficio stampa, che cosa fa e perché dovresti averne uno
Vantaggi noti e meno noti di affidarsi a chi gestisce i rapporti con giornali, portali, radio, tv e influencers
TARGET
2 mesi
I 3 pilastri di una newsletter efficace
Dal tema, all’oggetto, ai contenuti: ecco cosa non puoi non sapere perché le tue e-mail vengano lette e “funzionino”
TARGET
2 mesi
Quando sarà possibile acquistare direttamente qualcosa su Facebook e Instagram?
In Svizzera (e non solo), Shops, la funzione creata per sostenere le vendite online, ha ancora un’importante lacuna
TARGET
2 mesi
Come scrivere inserzioni infallibili su Facebook
Le ads (o sponsorizzazioni) possono aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi, ma solo se pensate e realizzate al meglio
TARGET
17.09.2020 - 10:270

Pregi e difetti della nuova versione di Facebook

Grafica semplificata, sfondo scuro, riorganizzazione del feed: come stanno reagendo utenti e addetti ai lavori?

Chiunque lo utilizzi - ovvero una persona su tre nel mondo, per un totale di quasi due miliardi di utenti - lo sa perfettamente: quando Facebook fa dei cambiamenti, è sempre necessario metabolizzarli, prima di apprezzarli o, quantomeno, abituarsi ad essi, perché è proprio l’abitudine il sentimento che ci renderci più fedeli a un prodotto o un servizio.

Ci riferiamo, ovviamente, al recente makeover del social su desktop, un cambiamento di stile su più livelli che ha seguito la precedente rivisitazione dell’applicazione mobile. Il nuovo volto di Facebook è stato, per alcune settimane, riservato ad alcuni utenti per una prima fase di testing, per poi diventare disponibile a tutti, ma reso facoltativo. Negli ultimi tempi, infatti, chiunque lo avesse desiderato avrebbe potuto continuare a utilizzare la precedente interfaccia.

A breve, tuttavia, il cambiamento sarà inevitabile: la nuova organizzazione della piattaforma diventerà obbligatoria da adottare per tutti i suoi utenti. Ciò sta causando reazioni discordi sia nel settore del web marketing, tra chi si occupa di social media per mestiere, sia tra gli iscritti che quotidianamente trascorrono del tempo sulla piattaforma per scopi meramente ludici o di comunicazione interpersonale.

Non stupisce che il primo impatto, sebbene la nuova versione sia stata creata con tutte le buone intenzioni del caso, abbia confuso molti: il design dell’interfaccia è diverso, così come la disposizione delle sezioni e alcune funzionalità.

Sono proprio i professionisti della rete, stando alle prime impressioni, a non essere stati convinti da questa operazione.

 

Il nuovo Facebook: che cosa è migliorato

Così come comunicato dalla stessa azienda, l’obiettivo di questa rivisitazione riguarda soprattutto il layout e il modo in cui l’interfaccia si presenta all’utente. La prima cosa che si nota sono infatti i rapporti di dimensione tra i vari testi e le varie icone: nell’ottica di ottenere un aspetto più semplice e pulito, i caratteri sono stati ingranditi e gli elementi grafici hanno più respiro e “spazio” a separarli. Il risultato è un design che, effettivamente, ricorda più un’applicazione che un sito web da usare su pc, dall’aspetto pesante e fitto.

Il feed ha una posizione più centrale, le stories sono più grandi, ognuno può disporre di collegamenti rapidi personalizzati in cui inserire gruppi o pagine. Acquistano più spazio ed evidenza anche le icone delle funzioni complementari, come Eventi, Marketplace, Video e altro.

Tutte le sezioni, in generale, sono ben valorizzate e distinte graficamente, per favorire una complessiva sensazione di controllo su tutte le anime della piattaforma, più grandi e visibili.
È possibile orientarsi all’interno del sito sia attraverso barre laterali e superiori, attraverso cui selezionare la parte del portale che più ci interessa consultare e utilizzare. Il tutto confluisce, inoltre, in una maggiore velocità di caricamento, proprio perché la visualizzazione è limitata agli elementi che ci interessano, rendendo l’utilizzo complessivo più agile.

Una novità importante e attesissima da molti è la cosiddetta “dark mode”: chi lo desidera, con il nuovo layout, può scegliere di utilizzare il sito con uno sfondo scuro, invece che chiaro e brillante.

Questo semplice e funzionale espediente è stato promosso per favorire il riposo degli occhi e il risparmio organico della batteria, una conseguenza diretta del ridotto impiego della retroilluminazione sullo schermo. Specialmente quando si utilizza la piattaforma in un ambiente buio o scarsamente illuminato, un’interfaccia meno visivamente aggressiva può davvero fare la differenza.

 

I difetti della nuova versione: il punto di vista dei marketer

Mettendosi nei panni di un utente, riabituarsi a una nuova configurazione richiede qualche tempo. Dal punto di vista di un professionista del marketing digitale, che usa la piattaforma ogni giorno per lavoro, questo tempo di metabolizzazione determina un rallentamento che causa problemi organizzativi, operativi e di gestione delle consegne.

Per molti esperti, l’aggiornamento di Facebook è stato, quindi, motivo di delusione. Che queste piattaforme si sviluppino e cambino è una realtà con cui, periodicamente, è necessario fare i conti. La trasformazione non è rigettata, ma è decisamente sgradito se, parallelamente, alcuni problemi precedentemente sussistenti non vengono risolti.

La visualizzazione delle pagine amministrate, selezionabile sia dalla barra laterale che da quella superiore, si presenta poco razionale: per quanto anche in questo caso la grafica sia più accogliente, l’elenco di pagine viene ripetuto sia nello spazio principale della sezione che in un’ulteriore barra laterale, che non aggiunge funzioni e si limita a penalizzare lo spazio visivo.

Ormai annoso problema, tra i bugs più segnalati, sono le cosiddette ghost notifications, ovvero quelle notifiche che, per un malfunzionamento della piattaforma, si ripresentano più volte nonostante siano state cliccate e lette. Pensate che sia fastidioso? Immaginate quante debbano smaltirne i social media manager che gestiscono decine di pagine nello stesso feedEbbene, è stato già segnalato da molti il fatto che questo irritante problema non sia affatto stato risolto nella nuova versione.

Un’ulteriore incoerenza è la presenza della sezione “Strumenti di pubblicazione”, all’interno delle pagine amministrate. Come ben saprà chi se ne occupa, da mesi Facebook cerca di dirottare tutte le operazioni di gestione di contenuti sulla piattaforma complementare Creator Studio, tanto che tramite i suddetti “Strumenti di pubblicazione” non è, appunto, possibile fare pressoché nulla di concreto, nella gestione e nella pubblicazione di post e stories. Molti si aspettavano, di conseguenza, che con questo aggiornamento sarebbe stata definitivamente debellata, se non altro per evitare confusione, alleggerire le funzionalità e dare senso alle limitazioni che lo hanno preceduto.

 

Ci abitueremo tutti, come abbiamo sempre fatto finora con altre, a questa esperienza online che rappresenta una significativa novità sia per gli utenti che per gli addetti ai lavori. Nel frattempo, non perdiamo di vista le difficoltà che riscontriamo e rimaniamo in attesa, a tempo debito, di un ulteriore miglioramento.

Come hai visto, non sempre è semplice utilizzare questi strumenti in modo professionale e ottenerne dei risultati, poiché essi sono in continuo e veloce aggiornamento, com'è proprio del mondo digitale. Nonostante tutto, Facebook e gli altri social media si riconfermano ogni giorno canali essenziali per un’ottimale promozione del proprio business. Che tu sia un imprenditore, un negoziante, un professionista, queste e altre piattaforme digitali sono in grado di offrirti una strada che, se ben percorsa, può condurti verso l’aumento della visibilità e delle vendite.

Gli esperti che ti condurranno lungo la via maestra potremmo essere noi: se questo articolo ti ha in qualche modo interessato o incuriosito, contattaci per fissare un appuntamento e usufruire subito di una nostra consulenza gratuita.

 

Articolo a cura di Linkfloyd Sagl, agenzia di marketing e comunicazione in Ticino.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-23 09:41:19 | 91.208.130.87