Segnala alla redazione
AvanTi
ULTIME NOTIZIE AvanTI
STATI UNITI
21 ore
Costruito il primo acceleratore di particelle in miniatura
Un team di ricercatori è riuscito a dimostrare la possibilità di accelerare fasci di elettroni in un canale nanoscopiche ricavato in un
STATI UNITI
3 gior
Il drone a guida autonoma cinese EHang ha potuto solcare i cieli americani
Il velivolo autonomo cinese che potrebbe rivoluzionare la mobilità urbana ha compiuto per la prima volta un test sperimentale nei cieli della North Carolina, negli Stati Uniti
FINLANDIA
6 gior
Sviluppato un nuovo tipo di materiale che in futuro potrebbe sostituire la plastica
Un team di ricercatori finlandesi ha ideato un nuovo materiale basato su fibra di legno e seta di ragnatela con una resistenza e rigidità superiori a quelli sintetici e naturali oggi in commercio
DANIMARCA
1 sett
Due chip hanno comunicato per la prima volta attraverso il teletrasporto quantistico
Gli scienziati di due università grazie al fenomeno dell’entanglement quantistico hanno teletrasportato un’informazione tra due chip senza alcun tipo di collegamento fisico e senza limiti di distanza
ARABIA SAUDITA
2 sett
L’Arabia Saudita sta progettando di costruire la città del futuro
Sarà estesa quasi quanto il Belgio e si chiamerà Neom, la smart city più grande al mondo con taxi volanti, camerieri robot, pioggia nei periodi di siccità e persino una luna artificiale
STATI UNITI
2 sett
Cosa accadrebbe se esistesse un dispositivo tecnologico in grado di creare qualsiasi cosa?
Il nano-fabbricatore, la macchina teorica che produce qualunque cosa manipolando la materia a livello degli atomi, potrebbe rivoluzionare per sempre il mondo e la società umana così come li conosciamo
KENYA
3 sett
Le monete del futuro: ovvero nuove forme di scambio per nuovi sistemi economici
Grazie alla tecnologia, l'emergere di valute completamente nuove che aprono l'accesso all'imprenditorialità e alla mobilità verso l'alto è già realtà in alcune economie in via di sviluppo
STATI UNITI
09.11.2019 - 15:080

Il pilota automatico di Tesla è statisticamente 9 volte più sicuro della guida umana

Tesla ha aggiornato i dati del rapporto sulla sicurezza della guida autonoma: in condizioni di guida medie il pilota automatico sarebbe quasi 9 volte più sicuro di un conducente umano

Da più di un anno Tesla sta rilasciando i dati sulla sicurezza delle auto a guida autonoma. Ad ottobre ha pubblicato i suoi aggiornamenti sul terzo trimestre 2019 e i numeri avrebbero confermato che, in condizioni di guida medie, il pilota automatico è più sicuro di quello umano.

Nello specifico, durante il trimestre, le auto con il pilota automatico attivato sono state coinvolte in un incidente ogni 4,34 milioni di miglia percorse. La media degli incidenti causati da conducenti umani, invece, è di uno ogni mezzo milione di miglia. Secondo i dati proposti dalla casa automobilistica guidata da Elon Musk, quindi, il pilota automatico delle Tesla ha quasi 9 volte meno probabilità di provocare un incidente rispetto a un conducente umano.

Tesla ha tratto i numeri sulle auto a guida umana dai dati della National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA), ma come sottolineato da Electrek, bisogna fare delle precisazioni sui termini di paragone. Il pilota automatico, infatti, viene principalmente utilizzato sulle autostrade, che solitamente sono caratterizzate da meno incidenti rispetto alle strade di superficie perché le condizioni di guida sono molto più semplici. Le Tesla sono poi generalmente auto più nuove, hanno quindi un vantaggio in termini di sicurezza rispetto alla gamma degli altri veicoli, a volte molto più vecchi, che contribuiscono agli incidenti registrati dall'NHTSA. Un ulteriore vantaggio delle Tesla è che se un veicolo con pilota automatico attivato commette un errore, il guidatore umano può assumere rapidamente i controlli per evitare l’incidente.

Probabilmente, un confronto più appropriato potrebbe riguardare l’auto a guida autonoma e le sue precedenti versioni. Anche in questo caso, comunque, le notizie sono confortanti. Nel primo e nel secondo trimestre del 2019, infatti, il tasso di incidenti è stato rispettivamente di circa uno ogni 2,87 milioni di miglia e uno ogni 3,27 milioni di miglia. Il salto a un incidente ogni 4,34 milioni di miglia è dunque significativo.

Bisogna comunque dire che il Rapporto di Tesla sulla sicurezza dei suoi veicoli è sempre stato abbastanza tenue sui dati. L’aggiornamento Q3 di ottobre non fa eccezione. Infatti, questo include solo un dato, ovvero il numero di incidenti che si verificano nelle Tesla con il pilota automatico attivato. Tuttavia, il sistema a guida autonoma delle Tesla ha mostrato miglioramenti significativi.

In questo senso, non solo gli incidenti con il pilota automatico sono in continua diminuzione, ma il confronto con i tassi medi di incidenti stradali sta diventando sempre più importante.

Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-25 03:17:25 | 91.208.130.89