Segnala alla redazione
AvanTi
ULTIME NOTIZIE AvanTI
VIDEO
STATI UNITI
2 gior
Il serpente robot che potrebbe rivoluzionare gli interventi di neurochirurgia
La nuova tecnologia messa a punto dai ricercatori del MIT consiste in un filo per procedure endovascolari rivestito in idrogel e controllato magneticamente che riduce i rischi per medici e pazienti
AVANTI
1 sett
Embrioni modificati geneticamente con il metodo CRISPR per prevenire la sordità
Lo scienziato russo Denis Rebrikov ha informato della possibilità di utilizzare la tecnologia CRISPR per ottenere embrioni privi di una mutazione genetica che rende i nascituri sordi
AVANTI
1 sett
Realizzato un sistema di auto-programmazione modulare per robot sicuri
Un team di ricercatori dell’Università di Monaco ha creato IMPROV, un robot modulare assemblabile a seconda delle esigenze, economico, autoprogrammabile e che può lavorare con le persone senza ferirle
STATI UNITI
2 sett
Il computer quantistico di Google è realtà: risolve in 3 minuti un calcolo di migliaia di anni
Google ha annunciato di aver raggiunto la “supremazia quantistica”, risolvendo con il suo computer quantistico in 200 secondi un calcolo che un supercomputer tradizionale risolverebbe in 10.000 anni
MONDO
2 sett
Il primo “simulatore di universi” AI al mondo che impara da solo ad analizzare i dati
Un team internazionale di scienziati ha creato un software in grado di produrre simulazioni accurate dell’evoluzione dell’universo anche quando vengono modificati i parametri
VIDEO
STATI UNITI
3 sett
La nuova invenzione dei ricercatori del MIT: arriva l’inchiostro riprogrammabile
L’inchiostro sfrutta un mix di coloranti fotocromatici che possono essere pitturati o spruzzati sulla superficie di qualsiasi materiale creando oggetti dalle proprietà camaleontiche
STATI UNITI
3 sett
Un nuovo studio dimostra che i farmaci potrebbero portare indietro l’età biologica
Dopo decenni di ricerche ecco la prima prova promettente che un cocktail di farmaci potrebbe invertire l’orologio epigenetico, una misura dell’età e della salute biologica dell’uomo
STATI UNITI
09.11.2019 - 15:080

Il pilota automatico di Tesla è statisticamente 9 volte più sicuro della guida umana

Tesla ha aggiornato i dati del rapporto sulla sicurezza della guida autonoma: in condizioni di guida medie il pilota automatico sarebbe quasi 9 volte più sicuro di un conducente umano

Da più di un anno Tesla sta rilasciando i dati sulla sicurezza delle auto a guida autonoma. Ad ottobre ha pubblicato i suoi aggiornamenti sul terzo trimestre 2019 e i numeri avrebbero confermato che, in condizioni di guida medie, il pilota automatico è più sicuro di quello umano.

Nello specifico, durante il trimestre, le auto con il pilota automatico attivato sono state coinvolte in un incidente ogni 4,34 milioni di miglia percorse. La media degli incidenti causati da conducenti umani, invece, è di uno ogni mezzo milione di miglia. Secondo i dati proposti dalla casa automobilistica guidata da Elon Musk, quindi, il pilota automatico delle Tesla ha quasi 9 volte meno probabilità di provocare un incidente rispetto a un conducente umano.

Tesla ha tratto i numeri sulle auto a guida umana dai dati della National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA), ma come sottolineato da Electrek, bisogna fare delle precisazioni sui termini di paragone. Il pilota automatico, infatti, viene principalmente utilizzato sulle autostrade, che solitamente sono caratterizzate da meno incidenti rispetto alle strade di superficie perché le condizioni di guida sono molto più semplici. Le Tesla sono poi generalmente auto più nuove, hanno quindi un vantaggio in termini di sicurezza rispetto alla gamma degli altri veicoli, a volte molto più vecchi, che contribuiscono agli incidenti registrati dall'NHTSA. Un ulteriore vantaggio delle Tesla è che se un veicolo con pilota automatico attivato commette un errore, il guidatore umano può assumere rapidamente i controlli per evitare l’incidente.

Probabilmente, un confronto più appropriato potrebbe riguardare l’auto a guida autonoma e le sue precedenti versioni. Anche in questo caso, comunque, le notizie sono confortanti. Nel primo e nel secondo trimestre del 2019, infatti, il tasso di incidenti è stato rispettivamente di circa uno ogni 2,87 milioni di miglia e uno ogni 3,27 milioni di miglia. Il salto a un incidente ogni 4,34 milioni di miglia è dunque significativo.

Bisogna comunque dire che il Rapporto di Tesla sulla sicurezza dei suoi veicoli è sempre stato abbastanza tenue sui dati. L’aggiornamento Q3 di ottobre non fa eccezione. Infatti, questo include solo un dato, ovvero il numero di incidenti che si verificano nelle Tesla con il pilota automatico attivato. Tuttavia, il sistema a guida autonoma delle Tesla ha mostrato miglioramenti significativi.

In questo senso, non solo gli incidenti con il pilota automatico sono in continua diminuzione, ma il confronto con i tassi medi di incidenti stradali sta diventando sempre più importante.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-15 00:10:52 | 91.208.130.86